L’Iran blocca gli ispettori AIEA con una decisione senza precedenti

17 Settembre 2023
ispettori AIEA bloccati su programma nucleare iraniano rights reporter

L’Iran ha vietato a circa un terzo degli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) di supervisionare i siti nucleari nel paese. Lo ha detto sabato il gruppo di controllo delle Nazioni Unite.

Il capo dell’AIEA ha definito la mossa senza precedenti e ha affermato che complicherebbe l’ispezione del programma nucleare iraniano.

Rafael Grossi, direttore generale dell’AIEA, ha dichiarato in un comunicato di essere stato informato dall’Iran dell’iniziativa sabato scorso.

La mancanza di cooperazione danneggerà la capacità dell’organizzazione di “fornire garanzie credibili che il materiale e le attività nucleari in Iran siano per scopi pacifici”, ha affermato Grossi, esortando l’Iran a riconsiderare la decisione.

“Condanno fermamente questa misura unilaterale sproporzionata e senza precedenti, che influisce sulla normale pianificazione e conduzione delle attività di verifica dell’agenzia in Iran e contraddice apertamente la cooperazione che dovrebbe esistere tra l’agenzia e l’Iran”, ha affermato Grossi.

“Questa decisione profondamente deplorevole dell’Iran è un altro passo nella direzione sbagliata e costituisce un colpo inutile a un rapporto già teso tra l’AIEA e l’Iran nell’attuazione dell’Accordo di salvaguardia del TNP”, ha aggiunto.

Grossi ha affermato che gli ispettori in questione “hanno condotto un lavoro di verifica essenziale presso gli impianti di arricchimento in Iran che sono sotto la tutela dell’Agenzia”.

Anche il primo ministro Benjamin Netanyahu domenica sera ha denunciato il passo iraniano, rilasciando una dichiarazione il giorno prima del suo viaggio negli Stati Uniti domenica per una visita che includerà un discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Il premier israeliano ha già utilizzato i suoi discorsi al forum annuale per mettere in guardia contro i progressi nel programma nucleare iraniano.

“Israele non è sorpreso dalle mosse dell’Iran, che dimostrano che sta violando tutti i suoi impegni con la comunità internazionale e intende dotarsi di armi nucleari”, ha affermato l’ufficio del primo ministro nella dichiarazione, rilasciata in occasione della festa ebraica di Rosh Hashanah, un passo atipico che sottolinea la gravità con cui Netanyahu evidentemente guarda alla mossa iraniana.

“Il primo ministro ribadisce che Israele farà tutto il necessario per difendersi da questa minaccia”, aggiunge la nota.

Rispondendo all’AIEA, il ministero degli Esteri iraniano ha collegato la mossa a quello che ha definito essere un tentativo da parte degli Stati Uniti e di tre paesi europei di abusare dell’organismo “per i propri scopi politici”.

Il ministero sembra riferirsi a Gran Bretagna, Francia e Germania, che giovedì hanno dichiarato che manterranno le sanzioni contro l’Iran in relazione ai suoi programmi nucleari e missilistici balistici.

“L’Iran aveva già messo in guardia sulle conseguenze di tali abusi politici, compreso il tentativo di politicizzare l’atmosfera dell’agenzia”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Nasser Kanaani.

La settimana scorsa, l’AIEA ha affermato, in rapporti confidenziali, che l’Iran non ha fatto “nessun progresso” su diverse questioni in sospeso, inclusa l’installazione di più telecamere per monitorare il loro programma nucleare.

A marzo Teheran aveva promesso di riattivare i dispositivi di sorveglianza che erano stati disconnessi nel giugno 2022 a causa del deterioramento delle relazioni con l’Occidente.

In un rapporto separato, l’AIEA ha affermato che le scorte totali di uranio arricchito dell’Iran sono inferiori a quelle di maggio, ma comunque più di 18 volte il limite fissato in un accordo del 2015 tra Teheran e le potenze mondiali.

Le scorte totali di uranio arricchito dell’Iran erano stimate a 3.795,5 chilogrammi al 19 agosto, in calo di 949 chilogrammi rispetto a maggio, ha affermato l’agenzia.

Il limite nell’accordo del 2015 era fissato a 202,8 chilogrammi.

Le scorte di uranio arricchito fino al 60% ammontano ora a 121,6 kg, rispetto ai 114,1 kg di maggio.

L’Iran possiede inoltre 535,8 chili di uranio arricchito fino al 20%, rispetto ai 470,9 chili dell’ultimo rapporto di maggio.

Mercoledì la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, la Francia e la Germania hanno dichiarato all’AIEA che l’Iran deve chiarire le questioni sul suo programma nucleare , comprese le preoccupazioni sulle telecamere di monitoraggio e sulla presenza di particelle di uranio arricchito quasi a livello militare.

Lunedì Grossi ha espresso preoccupazione per il fatto che la comunità internazionale stesse perdendo interesse nel chiedere conto all’Iran del suo programma nucleare, senza nominare i paesi.

I commenti fanno seguito all’allentamento delle tensioni tra Teheran e Washington, che il mese scorso aveva annunciato uno scambio di prigionieri.

“Siamo consapevoli che esiste una sorta di processo bilaterale. Ne siamo stati informati dagli Stati Uniti. Ma quando si tratta della parte nucleare, non è chiaro di cosa si stia discutendo”, ha sottolineato Grossi.

Nel 2015, le principali potenze mondiali hanno raggiunto un accordo con l’Iran, in base al quale Teheran avrebbe frenato il suo programma nucleare in cambio della riduzione delle paralizzanti sanzioni economiche.

Ciò ha iniziato a sgretolarsi nel 2018, quando l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato unilateralmente dal patto e ha reimposto le sanzioni. Teheran a sua volta ha intensificato il suo programma nucleare.

Gli sforzi per rilanciare l’accordo sono stati finora infruttuosi.

L’Iran ha sempre negato qualsiasi ambizione di sviluppare una capacità di armi nucleari, insistendo sul fatto che le sue attività sono del tutto pacifiche.

[jetpack_subscription_form]

Sadira Efseryan

Iraniana fuggita prima in Turchia, poi in Italia. Esperta dei paesi del Golfo Persico e delle dinamiche politiche dei paesi arabi. Laureata in scienze informatiche alla Iran University of Science and Technology

SOSTIENICI USANDO STRIPE

abbraccio russia corea del nord
Previous Story

L’abbraccio tra Russia e Corea del Nord mette in difficoltà la Cina

un anno di rivolte in Iran dopo uccisione di Mahsa Amini
Next Story

Con nemici così, gli Ayatollah iraniani possono dormire sonni tranquilli

Latest from Medio Oriente

Go toTop