Iran e Cina, una cooperazione velenosa per il Medio Oriente

By Sadira Efseryan - Hacker sociale

La Repubblica islamica dell’Iran può vantare due importanti risultati positivi nella settimana appena trascorsa, risultati che potrebbero contribuire a spostare l’equilibrio regionale del potere nella sua direzione e causare notti insonni a Gerusalemme, Washington e Kiev.

Venerdì 10 marzo, l’Iran e l’Arabia Saudita hanno annunciato il ripristino delle relazioni diplomatiche, dopo circa sette anni di ostilità culminata in una sanguinosa guerra per procura nello Yemen. I due Paesi dovrebbero riaprire le rispettive ambasciate nelle rispettive capitali entro due mesi.

I colloqui, mediati dalla Cina (un’altra tacca della cintura di Pechino per diventare la forza dominante nella creazione di un nuovo ordine mondiale) con l’assistenza dell’Iraq e dell’Oman, sono in corso da oltre un anno, ma il drammatico annuncio è stato fatto dopo quattro giorni di intensi e segreti negoziati.

La Casa Bianca ha dichiarato di essere stata informata dei colloqui e di sostenere il processo per promuovere la fine della guerra in Yemen. “Non si tratta della Cina”, ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, John Kirby. “Sosteniamo qualsiasi sforzo per attenuare le tensioni nella regione. Pensiamo che sia nel nostro interesse”. È lecito supporre che gli Stati Uniti, nonostante questo messaggio, siano piuttosto preoccupati.

Israele si è mostrato molto più preoccupato, poiché un altro blocco nel muro dell’isolamento dell’Iran è crollato. Un “alto funzionario israeliano” che ha parlato con i giornalisti durante il fine settimana a nome del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, ha incolpato il precedente governo, guidato da Naftali Bennett e Yair Lapid (a rotazione) per questo.

“Chiedete a loro (Bennett e Lapid) perché questo è successo sotto il loro controllo? È successo a causa dell’impressione che Israele e gli Stati Uniti fossero deboli”, ha detto il funzionario. Va notato, tuttavia, che i colloqui tra Teheran e Riyadh sono iniziati nel 2021, quando Netanyahu era al potere.

Anche Netanyahu è molto interessato a un accordo di pace israelo-saudita. Il funzionario ha affermato che l’accordo con l’Iran non ostacolerà i tentativi di normalizzazione con Riyad.

In altre notizie relative all’Iran, sabato i media iraniani hanno riferito che il Paese ha raggiunto un accordo per l’acquisto di caccia avanzati Sukhoi-35 dalla Russia. Questo, nel contesto dell’approfondimento delle relazioni e della cooperazione tra i due Paesi, che si è sempre più palesemente manifestato in Ucraina. Sebbene Mosca neghi di aver utilizzato droni di fabbricazione iraniana nei suoi attacchi all’Ucraina, molti sono stati recuperati sul suolo ucraino dopo essere precipitati o abbattuti.

Il coinvolgimento iraniano in Ucraina è un altro motivo di preoccupazione per Israele, che teme che le forze militari iraniane acquisiscano l’esperienza e la competenza necessarie per il combattimento, il che renderebbe molto più complicata una potenziale guerra.

E non dimentichiamo il fronte nucleare, dove sembra che i piani iraniani procedano a pieno ritmo. Secondo l’ultimo rapporto dell’AIEA, l’Iran ha iniziato ad arricchire l’uranio fino all’83,7% di purezza, avvicinandosi al 90% richiesto per creare un’arma nucleare.

By Sadira Efseryan Hacker sociale
Follow:
Iraniana fuggita prima in Turchia, poi in Italia. Esperta dei paesi del Golfo Persico e delle dinamiche politiche dei paesi arabi. Laureata in scienze informatiche alla Iran University of Science and Technology