Israele, ancora proteste contro la riforma della giustizia. Gravi atti di violenza conto i manifestanti

22esima settimana di proteste caratterizzata da gravi atti di violenza contro i manifestanti. Manifestazione anche di un gruppo pro-pal che non c'entra niente con quelle contro la riforma giudiziaria prontamente strumentalizzato dall’estrema destra

By Staff RR e Agenzie

Le proteste settimanali contro l’intenzione del governo di rivedere il sistema giudiziario hanno registrato sabato sera un leggero aumento dell’affluenza rispetto alla scorsa settimana, con le manifestazioni alimentate da una rinnovata rabbia nei confronti della polizia per la repressione di una protesta di venerdì sera nei pressi della residenza privata del Primo Ministro Benjamin Netanyahu a Caesarea, e nei confronti dell’architetto chiave della revisione Simcha Rothman per aver strappato un megafono a un manifestante che lo seguiva durante una visita negli Stati Uniti.

Diversi media ebraici hanno stimato che tra le 95.000 e le 140.000 persone hanno partecipato alla manifestazione principale in Kaplan Street a Tel Aviv, insieme a migliaia di altre in circa 150 località del Paese, dando il via alla 22esima settimana di proteste regolari contro il piano governativo, ora sospeso. La scorsa settimana la manifestazione di Tel Aviv ha richiamato circa 80.000 persone.

Molte delle manifestazioni, anche a Tel Aviv, sono iniziate con una commemorazione silenziosa per i tre soldati israeliani uccisi all’inizio della giornata in una sparatoria e negli scontri al confine con un poliziotto egiziano, poi ucciso. Gli spettacoli artistici a Tel Aviv sono stati annullati alla luce di questo incidente, che ha dominato i titoli dei giornali sabato sera.

Gli Stati Uniti boicottano Bibi e l’Iran corre per la bomba [nucleare]

Durante il comizio principale al Kaplan, i manifestanti hanno tenuto un grande cartello con la scritta “Gli Stati Uniti boicottano Bibi e l’Iran corre per la bomba [nucleare]”, riferendosi al fatto che Washington ha evitato di invitare ufficialmente il premier per sei mesi, citando la sua spinta al riassetto giudiziario.

Al termine dei discorsi programmati, centinaia di persone si sono dirette verso l’autostrada Ayalon e hanno brevemente bloccato l’arteria principale della città in entrambe le direzioni, con alcuni che hanno acceso torce sulla strada.

Mentre la polizia ha rapidamente liberato e riaperto il tratto nord dell’autostrada, il tratto sud è rimasto bloccato per più di un’ora.

La manifestazione principale è stata preceduta da una marcia da piazza Habima a Kaplan, con diversi manifestanti che portavano torce accese.

In una marcia separata dal Dizengoff Center a Kaplan del “blocco anti-occupazione” dei manifestanti, ebrei e arabi hanno sventolato bandiere palestinesi e posto l’accento sul decennale dominio militare di Israele sulla Cisgiordania, sostenendo che la questione dovrebbe essere parte integrante delle proteste contro la revisione.

“L’obiettivo finale del regime golpista è l’annessione dei territori occupati”, ha dichiarato Rula Daood, co-direttrice del gruppo di protesta ebraico-arabo Standing Together. “È impossibile separare le lotte e combattere per la democrazia in Israele senza lottare per porre fine al dominio militare sui milioni di palestinesi che vivono nei territori, che dura da 56 anni”. Una manifestazione che non aiuta certo quella contro la revisione giudiziaria in quanto strumentalizzata dalla estrema destra.

Migliaia di persone hanno protestato ad Haifa, guidate da un gruppo di giovani nel tentativo di coinvolgere le nuove generazioni nelle manifestazioni settimanali. Altre migliaia di persone hanno manifestato vicino alla residenza ufficiale del presidente Isaac Herzog a Gerusalemme e in molte altre località.

Diversi sassi sarebbero stati scagliati contro una manifestazione a Hod Hasharon; il manifestante Uzi Dror ha dichiarato al sito di notizie Haaretz di essere stato lievemente colpito alla schiena e una donna vicina è stata colpita alla gamba. Dror ha aggiunto di credere che il lanciatore non lo abbia preso di mira personalmente e ha detto che le forze di polizia stanno cercando gli autori.

Decine di persone hanno manifestato contemporaneamente a New York, davanti a una conferenza del Ministro della Diaspora Amichai Chikli.

Le scene a cui abbiamo assistito ieri sera a Cesarea sono una completa parodia della giustizia orchestrata da un regime dittatoriale che cerca di mettere a tacere il dissenso attraverso una grave brutalità

Venerdì, 17 persone sono state arrestate e diverse sono rimaste ferite nella manifestazione di Cesarea, che la polizia ha definito “illegale”, e il deputato Simcha Rothman è stato filmato mentre strappava un megafono a un manifestante durante la sua visita a New York.

La leadership delle proteste nazionali condanna fermamente i terribili atti di violenza di cui si è reso conto ieri sera a Cesarea e a New York, affermando che la violenza istituzionalizzata è una caratteristica distintiva delle dittature“, hanno dichiarato gli organizzatori in un comunicato in vista delle proteste di sabato sera. “Le scene a cui abbiamo assistito ieri sera a Cesarea sono una completa parodia della giustizia orchestrata da un regime dittatoriale che cerca di mettere a tacere il dissenso attraverso una grave brutalità“.

L’importante gruppo di protesta Brothers in Arms ha dichiarato che Moshe Radman, un leader del movimento di protesta contro i piani di revisione giudiziaria del governo Netanyahu, era tra gli arrestati di venerdì. L’organizzazione ha diffuso un breve video che sembra mostrare agenti che attaccano i manifestanti e una foto di impronte di mani insanguinate su un’auto bianca della polizia, secondo quanto dichiarato, provenienti dalle ferite degli arrestati.

IMG 20230602 WA0044

Parlando a un comizio a Ramat Hasharon, il leader dell’opposizione Yair Lapid ha denunciato gli arresti, dicendo: “Non accetteremo la violenza contro i patrioti israeliani che escono a protestare. Non possiamo accettare la vista del sangue spalmato sui veicoli della polizia”. La violenza della polizia contro i manifestanti ieri a Cesarea e Hadera è grave e pericolosa. Deve essere indagata. Non può ripetersi”.

“Stiamo sventolando la bandiera contro un governo estremista”, ha aggiunto Lapid. “Questa bandiera appartiene a tutti coloro che credono in uno Stato che sia ebraico e democratico, nazionale e liberale”.

Rivolgendosi a migliaia di persone a Karkur, nel nord del Paese, Uri Baran, il padre del giovane manifestante di Cesarea Gidi Baran, arrestato venerdì sera e poi ricoverato in ospedale per le ferite riportate, ha detto alla folla: “Sono qui per trasmettere un semplice messaggio a nome di Gidi, mio e di tutti coloro che credono nei valori di libertà, giustizia e uguaglianza: Non abbiamo paura. Continueremo a bloccare fisicamente i tentativi del governo distruttivo di commettere un colpo di stato”.

Sabato sera diverse centinaia di manifestanti si sono nuovamente radunati nei pressi della casa di Netanyahu a Cesarea, scandendo “I poliziotti sono una vergogna” e “Non ci arrenderemo”, secondo i media ebraici. Erano presenti numerosi agenti, compresi quelli a cavallo, ma i poliziotti non sono intervenuti quando i manifestanti hanno bloccato brevemente la strada.

In una dichiarazione rilasciata sabato sera, il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir ha appoggiato gli agenti che hanno arrestato i manifestanti, dicendo al commissario di polizia Kobi Shabtai che ci dovrebbe essere “tolleranza zero verso le aggressioni agli agenti di polizia e l’anarchia”.

Gli organizzatori della protesta hanno risposto con un’offensiva contro il politico di estrema destra, definendolo “ministro della violenza e dell’incitamento” e affermando che “un condannato per terrorismo sostiene la violenza della polizia”. Hanno aggiunto: “Non abbiamo paura di te, continueremo a protestare ovunque contro i partner del tentato golpe”.

Durante la manifestazione di Cesarea, anche la leader della protesta Shikma Bressler ha denunciato l’incidente di New York, dicendo: “La violenza di Rothman nei confronti di un manifestante a New York dimostra che la leadership ha perso la capacità di governare con mezzi legittimi, e sta quindi impiegando la forza esattamente come i regimi dittatoriali“.

I dimostranti antigovernativi negli Stati Uniti hanno presentato una denuncia per molestie contro il deputato di sionismo religioso Rothman, dopo che questi è sembrato perdere la calma e ha afferrato con forza un megafono da uno dei manifestanti in visita a New York. Un ulteriore video ha mostrato i manifestanti continuare a litigare con Rothman e la sua sicurezza mentre cercavano di riavere il megafono. Almeno due persone sono state spinte a terra.

I legislatori sono stati ripetutamente presi di mira dai manifestanti contrari alla revisione in città, che si sono concentrati soprattutto su Rothman, presidente della Commissione Costituzione, Legge e Giustizia della Knesset e architetto chiave della revisione.

Le continue manifestazioni arrivano una settimana dopo che Netanyahu ha dichiarato che il controverso piano di rinnovamento del sistema giudiziario sarebbe tornato all’ordine del giorno dopo l’approvazione del bilancio statale.

La proposta di legge per la revisione del sistema giudiziario è stata congelata dalla fine di marzo, quando Netanyahu ha dichiarato che avrebbe interrotto i piani per consentire i colloqui con l’opposizione sotto gli auspici del presidente Isaac Herzog, al fine di trovare un compromesso ampiamente accettato per la riforma giudiziaria.

Ma mesi di colloqui non hanno prodotto una svolta e sono aumentate le pressioni all’interno della coalizione per riprendere la spinta legislativa.

La settimana scorsa, dopo l’approvazione del bilancio statale, Netanyahu ha dichiarato che “naturalmente” la revisione sarebbe tornata nell’agenda del governo. Più tardi, tuttavia, ha aggiunto: “Naturalmente continueremo a impegnarci per raggiungere un ampio consenso, per quanto possibile, sulla questione della riforma giudiziaria”.

I critici sostengono che la revisione toglierà all’Alta Corte di Giustizia il potere di agire come controllo e bilanciamento nei confronti del Parlamento, erodendo il carattere democratico di Israele. I sostenitori affermano che la legislazione è necessaria per limitare quello che considerano un sistema giudiziario troppo invadente.

Il fulcro della revisione è una legge che darebbe alle coalizioni di governo il controllo completo sulla stragrande maggioranza delle nomine giudiziarie, dando alla coalizione una maggioranza intrinseca nel Comitato di selezione giudiziaria.

Il disegno di legge è in procinto di essere approvato e può essere portato al voto finale in seduta plenaria della Knesset in qualsiasi momento. Tuttavia, un’azione del genere porterà quasi sicuramente alla ripresa di intensi disordini pubblici, come quelli che si erano verificati l’ultima volta prima del congelamento della legislazione.

Follow:
Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate