Il generale israeliano a capo delle truppe in Cisgiordania ha dichiarato martedì che i coloni vigilanti che si sono scatenati in una città palestinese in Cisgiordania domenica notte hanno messo in atto un “pogrom” che ha colto di sorpresa i militari.

Il capo del Comando centrale dell’IDF, il Magg. Gen. Yehuda Fuchs, ha dichiarato ai media in lingua ebraica di temere che gli scontri tra soldati e coloni possano portare alla morte di israeliani e ha accusato gli estremisti ebrei di «diffondere il terrore».

Fuchs ha detto che le truppe erano preparate a disordini su piccola scala domenica sera, dopo l’attacco terroristico palestinese nei pressi di Nablus, in cui sono stati uccisi due fratelli israeliani, e si aspettava che gruppi di coloni protestassero agli incroci e lanciassero pietre contro le auto palestinesi.

Invece, centinaia di persone hanno scatenato una rivolta a Huwara e in altre città vicine, causando la morte di un palestinese e il ferimento di molti altri, incendiando case e auto e uccidendo pecore. Due giorni dopo, nessuno è ancora in carcere per questa furia senza precedenti.

«Quello che è successo a Huwara è stato un pogrom portato avanti da chi ha violato la legge», ha detto Fuchs a Channel 12 news in un’intervista. «Non eravamo pronti per un pogrom della portata di decine di persone con materiale infiammabile e i mezzi per incendiarlo, che si sono dirette in 20 o più luoghi – oltre ad affrontare soldati, comandanti e polizia all’incrocio – e hanno incendiato case e auto palestinesi a caso».

«Non eravamo preparati a un numero così elevato di persone, al modo in cui sono arrivate, alla portata, alla forza della violenza che hanno usato e alla pianificazione che hanno messo in atto», ha aggiunto.

Pur assumendosi la responsabilità dell’incapacità dell’esercito di arginare il terrore palestinese, ha criticato il vigilantismo dei coloni.

«Non si tratta di un caso di farsi giustizia da soli» – come hanno detto molti esponenti del governo – «perché le persone rispettose della legge non diffondono il terrore tra la popolazione e non lanciano pietre a caso», ha detto.

Ha osservato che uno scontro tra coloni e soldati lunedì sera avrebbe potuto avere conseguenze mortali e si è detto preoccupato che un futuro incidente del genere possa portare a spargimenti di sangue.

«Ieri sera abbiamo rischiato di fare vittime in un incidente di fuoco amico in cui le truppe dell’IDF hanno aperto il fuoco quando si sono sentite minacciate da un gruppo di coloni estremisti», ha detto.

Fuchs ha anche affermato che il coordinamento della sicurezza con l’Autorità Palestinese è effettivamente congelato, come annunciato da Ramallah.

Nel frattempo, un rapporto di martedì sera ha affermato che gli episodi di violenza dei coloni sono raddoppiati da quando il nuovo governo si è insediato a fine dicembre, e che il servizio di sicurezza Shin Bet sta mettendo in guardia i leader dei coloni e i rabbini da ulteriori violenze e illegalità, nel tentativo di evitare che la situazione vada ulteriormente fuori controllo.

Secondo Channel 12, negli ultimi due mesi si sono verificati 190 incidenti classificati come violenza ebraica a sfondo nazionalistico, il doppio rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente.

Il network ha affermato che ci sono tensioni all’interno del governo per quanto riguarda la risposta all’ondata di attacchi terroristici palestinesi, che hanno causato la morte di 14 israeliani nelle ultime settimane.

Secondo il rapporto, diversi ministri chiedono azioni più aggressive, nonostante l’incombere del mese sacro musulmano del Ramadan, che negli ultimi anni è diventato un periodo di maggiori tensioni e violenze. Tre ministri senza nome hanno detto al network che l’impegno assunto da Israele nei confronti degli Stati Uniti, della Giordania e dei palestinesi durante un vertice tenutosi ad Aqaba all’inizio di questa settimana di non far avanzare nuove costruzioni negli insediamenti per diversi mesi è “inaccettabile”.

Il network ha aggiunto che il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben Gvir – un membro del gabinetto di estrema destra che ha spinto per un’operazione anti-terrorismo su larga scala in Cisgiordania e a Gerusalemme Est – ha tenuto un incontro “molto teso” con il Primo Ministro Benjamin Netanyahu lunedì, durante il quale si è lamentato di essere stato escluso da importanti discussioni sulla sicurezza e che non è stato dato abbastanza peso alle sue posizioni.

Secondo il rapporto, Netanyahu ha promesso a Ben Gvir che avrebbe garantito una maggiore inclusione in futuro.