Israele inizierà le operazioni a Rafah solo dopo evacuazione civili

Netanyahu recepisce le critiche americane ma giustamente afferma che non si possono lasciare quattro battaglioni di Hamas a Rafah
9 Febbraio 2024
operazioni idf a gaza e nel valico di rafah

Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato venerdì che l’oltre un milione di civili che si sono ammassati nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, potranno essere evacuati prima che le Forze di Difesa Israeliane inizino ad operare lì.

La dichiarazione è arrivata in seguito alle affermazioni degli Stati Uniti, secondo cui Israele non ha condotto la pianificazione pre-operativa necessaria per garantire che i civili siano tenuti lontani dal pericolo e che, in caso contrario, si rischia un “disastro”.

L’ufficio di Netanyahu ha dichiarato in un comunicato di aver dato istruzioni all’IDF e all’establishment della difesa di presentare al gabinetto i piani per l’evacuazione della popolazione civile palestinese dal sud della Striscia di Gaza e per lo smantellamento dei battaglioni di Hamas nell’area di Rafah.

“È impossibile raggiungere l’obiettivo bellico di eliminare Hamas e lasciare quattro battaglioni di Hamas a Rafah”, si legge nella dichiarazione.

“D’altra parte, è chiaro che un’operazione massiccia a Rafah richiede l’evacuazione della popolazione civile dalle zone di combattimento”, ha aggiunto.

Si stima che più di 1,3 milioni di palestinesi si stiano rifugiando nell’area di Rafah, dopo che l’IDF ha emesso avvisi di evacuazione dal nord di Gaza e da altre aree della Striscia nel corso della sua offensiva di terra contro Hamas. Non potendo lasciare il piccolo territorio palestinese, molti vivono in tendopoli improvvisate o in rifugi gestiti dalle Nazioni Unite che traboccano.

Questa settimana Netanyahu ha respinto una proposta di cessate il fuoco da parte di Hamas, affermando che le sue richieste erano “deliranti”, dopo che il gruppo terroristico aveva proposto un piano di tregua che prevedeva un cessate il fuoco di quattro mesi e mezzo durante il quale gli ostaggi sarebbero stati liberati in tre fasi e che avrebbe portato alla fine della guerra. La proposta di Hamas prevedeva il ritiro delle truppe israeliane da Gaza con il gruppo terroristico ancora intatto al potere nella Striscia, nonché il rilascio di 1.500 prigionieri dalle carceri israeliane, un terzo dei quali sta scontando l’ergastolo. La proposta conteneva anche altre richieste a Israele.

La proposta di Hamas è arrivata in risposta a una bozza di accordo per il rilascio degli ostaggi inviata la settimana scorsa dai mediatori del Qatar e dell’Egitto e sostenuta da Stati Uniti e Israele.

Un funzionario israeliano ha dichiarato giovedì che Gerusalemme stava lavorando per fare pressione su Hamas affinché ritirasse le sue condizioni e non intendeva offrirne di nuove. “L’obiettivo principale ora è creare una pressione da parte degli americani e di altri Paesi sul Qatar, e da lì su Hamas, oltre alla pressione militare, per farli recedere dalle loro richieste deliranti”, ha detto il funzionario.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che la risposta di Hamas è stata “un po’ esagerata”. Ma il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che, sebbene alcune parti della proposta di Hamas non fossero un punto di partenza, essa creava spazio per ulteriori negoziati.

Numerosi uomini armati uccisi dalle truppe a Gaza

truppe idf a gaza presso valico di rafah

Venerdì sono continuati i combattimenti nella Striscia di Gaza, con l’IDF che ha dichiarato di aver effettuato diversi attacchi aerei contro cellule di Hamas che tentavano di attaccare le truppe.

Nella città meridionale di Gaza, Khan Younis, l’IDF ha dichiarato che la Brigata Commando ha operato nella parte occidentale della città, facendo irruzione nei siti di Hamas. Un drone dell’IDF ha individuato una cellula di Hamas che stava piazzando ordigni esplosivi vicino alle truppe del commando, e un aereo ha colpito e ucciso gli operatori, ha detto l’esercito.

Sempre a Khan Younis, l’IDF ha dichiarato che le truppe del 414° Combat Intelligence Collection Unit del Border Defense Corps hanno individuato due agenti armati di Hamas e li hanno colpiti con un attacco aereo.

La Brigata Paracadutisti, sempre nella parte occidentale di Khan Younis, ha ucciso circa 15 agenti di Hamas durante le incursioni nei siti del gruppo terroristico nel corso della scorsa giornata, ha dichiarato l’IDF.

In un’altra zona di Khan Younis, la 646a Brigata Paracadutisti di Riserva ha diretto attacchi aerei su diversi edifici con trappole esplosive, ha fatto irruzione in diversi siti di Hamas e ha sequestrato armi e attrezzature.

La brigata ha anche localizzato un lanciarazzi di Hamas adiacente a un asilo per bambini e a una moschea. I lanciarazzi, armati di proiettili e diretti verso Israele, sono stati successivamente distrutti, ha dichiarato l’IDF. I riservisti hanno anche scoperto un tunnel di Hamas sotto un impianto idrico a Khan Younis.

Nel frattempo, nel nord di Gaza, a Beit Lahiya, la Brigata Nord della Divisione Gaza ha individuato un gruppo di uomini armati vicino a una postazione di Hamas, ha dichiarato l’IDF. Sono stati effettuati attacchi aerei contro la cellula e contro altri due uomini armati individuati nell’area.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres venerdì ha chiesto un immediato cessate il fuoco nella guerra e il rilascio di tutti gli ostaggi, condannando il massacro del 7 ottobre da parte di Hamas e “le violazioni del diritto umanitario internazionale a Gaza”, in apparente riferimento a Israele.

Sinwar “fuori contatto”

Continuano gli sforzi per un accordo di tregua tra Israele e Hamas che veda la liberazione di altri ostaggi a Gaza. Tuttavia, l’establishment della sicurezza ritiene che Yahya Sinwar, leader di Hamas nella Striscia di Gaza, sia stato “fuori contatto” negli ultimi 10 giorni, non trasmettendo alcun messaggio ai mediatori del Qatar e dell’Egitto durante questo periodo.

Secondo Channel 12, il motivo della disconnessione non è chiaro e potrebbe essere dovuto alla fuga, a uno stratagemma tattico o semplicemente all’impossibilità di mettersi in contatto a causa dei continui problemi di comunicazione a Gaza.

Diverse decisioni sono state prese da Hamas negli ultimi giorni senza di lui, anche se non necessariamente in relazione all’accordo sugli ostaggi, ha dichiarato Channel 12.

Secondo Kan news, la valutazione dell’establishment di sicurezza israeliano è che Sinwar non sia stato coinvolto nell’elaborazione della risposta di Hamas all’accordo quadro sugli ostaggi del Qatar all’inizio della settimana.

La risposta di Hamas includeva una clausola che affermava che l’accordo sarebbe stato “soggetto all’approvazione della leadership di Hamas a Gaza”, rendendo apparentemente necessaria l’approvazione di Sinwar. Secondo quanto riferito, la leadership di Hamas in Qatar sta cercando di ottenere un cessate il fuoco permanente a Gaza, mentre a Sinwar basterebbe una pausa temporanea di sei settimane per permettere all’organizzazione terroristica di riorganizzarsi.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
proposto esilio per Yahya Sinwar in cambio degli ostaggi israeliani
Previous Story

Offerto l’esilio al capo di Hamas in cambio di tutti gli ostaggi israeliani

guerra hamas israele valico di rafah con egitto
Next Story

Tutti gli errori di Israele che hanno portato all’incubo di Rafah

Latest from Medio Oriente

Go toTop