Il Kurdistan iracheno rischia di entrare nell’orbita iraniana

30 Settembre 2023
peshmerga nel kurdistan iracheno

In una lettera privata consegnata alla Casa Bianca all’inizio del mese, il primo ministro della Regione del Kurdistan iracheno ha avvertito che il Kurdistan – e il sistema federale iracheno post-2003 – rischia un imminente collasso se non interverranno gli Stati Uniti.

Masrour Barzani ha inviato il suo straordinario avvertimento nel contesto di crescenti sfide politiche ed economiche per la regione autonoma e di un governo di Baghdad sempre più bellicoso.

Il Governo regionale del Kurdistan (KRG) è importante per gli interessi degli Stati Uniti sotto diversi aspetti. Le sue forze Peshmerga sono partner chiave nella lotta contro lo Stato Islamico e altri gruppi estremisti e sono fondamentali per gli sforzi dell’Occidente contro il terrorismo sia in Iraq che in Siria. La regione ha storicamente costituito un cuscinetto contro i tumulti e le turbolenze nel resto dell’Iraq, fornendo un rifugio sicuro a quasi 1 milione di sfollati interni e rifugiati, e contenendo al contempo l’ascesa di gruppi di miliziani sostenuti dall’Iran, responsabili di numerosi attacchi alle forze occidentali.

Tuttavia, con Washington preoccupata dall’intensificarsi della rivalità con la Cina e dalla guerra in Ucraina, al Kurdistan viene dedicata poca attenzione. Rendendosi conto che l’America è concentrata altrove, i rivali del KRG, compresi vari gruppi di miliziani designati come terroristi dagli Stati Uniti, come avvoltoi hanno iniziato a “volare in cerchio” sul Kurdistan.

Il collasso del Kurdistan iracheno comporterebbe sconvolgimenti e caos con implicazioni che vanno ben oltre l’Iraq.

kurdistan iracheno mappa

Negli ultimi anni il KRG ha dovuto affrontare una serie di problemi. Subito dopo l’insediamento di Barzani nel 2019, il suo gabinetto ha dovuto affrontare una pandemia, un’escalation militare tra gli Stati Uniti e l’Iran e le milizie ad esso affiliate, e una crisi economica dopo che le entrate petrolifere hanno subito un duro colpo con il crollo dei prezzi del greggio nel 2020.

Il Kurdistan è stato anche minato dalla rivalità tra i due maggiori partiti politici, il Partito Democratico del Kurdistan (KDP) di Barzani e l’Unione Patriottica del Kurdistan (PUK). La loro divisione ha indebolito il potere contrattuale dei curdi a Baghdad durante i negoziati per la formazione del governo iracheno dopo le elezioni parlamentari del 2021. L’Iran e i suoi alleati, tra cui la Forza di Mobilitazione Popolare (PMF) – l’organizzazione di milizia ombrello di 200.000 persone – hanno sfruttato la discordia curda alleandosi con il PUK per espandere la loro influenza sullo Stato iracheno.

I gruppi sostenuti dall’Iran hanno anche consolidato il loro controllo sul sistema giudiziario iracheno, aprendo la strada a una sentenza del febbraio 2022 che dichiarava illegali le esportazioni di petrolio curdo attraverso la Turchia. Ciò ha influenzato una decisione arbitrale internazionale che un anno dopo è giunta alla stessa conclusione. Da allora, le esportazioni di petrolio curdo sono state interrotte, paralizzando l’economia della regione e influenzando i mercati energetici globali: una vittoria per il PMF e le sue speranze di neutralizzare l’indipendenza economica del Kurdistan.

All’inizio di questo mese, gruppi allineati all’Iran hanno massacrato manifestanti curdi nella città di Kirkuk, contesa e ricca di petrolio, da cui le forze curde si erano ritirate nel 2017 dopo che il PMF aveva mobilitato le sue milizie con il sostegno del governo federale. Come parte di un accordo tra il primo ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani e Barzani, il KDP sarebbe dovuto tornare ad avere una base in città, ma il PMF ad agosto si è mosso per silurare il tutto bloccando un’autostrada che collega Kirkuk a Erbil e ad altre province curde. L’interruzione della vita delle persone che si affidano quotidianamente all’autostrada ha scatenato le proteste. In seguito al massacro, la Corte Suprema Federale di Baghdad, che è allineata con il PMF, ha sospeso l’ordine di rientro del KDP.

Le divisioni tra il KDP e il PUK hanno minato profondamente il KRG. In effetti, la rivalità fraterna è stata il tallone d’Achille dei curdi per decenni. Tra il 1994 e il 1998, le due parti hanno combattuto una guerra civile per il controllo della regione, risolta infine con la mediazione degli Stati Uniti. L’accordo di pace del 1998 ha spianato la strada a un accordo strategico che è diventato la base dell’epoca d’oro del Kurdistan dopo l’invasione dell’Iraq guidata dagli Stati Uniti nel 2003, che ha conferito ai curdi un’influenza maggiore sullo Stato iracheno, ha ampliato la loro autonomia e ha dato il via a un boom economico senza precedenti.

La rivalità odierna rappresenta uno scontro di personalità all’interno di una nuova generazione di leader curdi, ma riflette anche le rispettive traiettorie dei due partiti dal 2003. Il KDP deve gran parte del suo potere alla sua lunga disciplina organizzativa, che gli ha garantito il successo elettorale e gli ha permesso di controllare l’ufficio del primo ministro dal 2012. Il PUK, invece, è stato fazionato quasi fin dalla sua nascita negli anni Settanta. Nel 2021, Bafel Talabani ha lanciato un colpo di Stato per spodestare suo cugino Lahur, co-presidente del partito e capo delle forze antiterrorismo e di intelligence.

Queste dinamiche violente hanno degradato la capacità del PUK di presentare una seria alternativa al KDP. Invece, ha optato per tattiche di spoiler, collaborando con gruppi allineati all’Iran a Baghdad per minare il rivale politicamente ed economicamente. La leadership del PUK corteggia regolarmente individui e fazioni allineati con l’Iran e sanzionati dal Dipartimento del Tesoro statunitense, a volte sullo sfondo di attacchi missilistici e con droni contro il Kurdistan da parte di questi gruppi.

Ciò solleva seri interrogativi per Washington e per le sue relazioni con il partito, ma anche per il PUK stesso. Guardare all’Iran e a Baghdad può aiutare il PUK a riaffermarsi a livello locale, ma minare il Kurdistan nel suo complesso per indebolire il KDP è pericolosamente miope, poiché fa affidamento sulla buona fede del PMF, e potenzialmente esistenziale, poiché rischia di mettere a repentaglio l’autonomia del Kurdistan a lungo termine.

I problemi curdi e lo sconfinamento iraniano in Kurdistan hanno implicazioni di vasta portata per gli interessi degli Stati Uniti. Il KRG è un alleato vitale nella campagna per garantire la sconfitta definitiva dello Stato Islamico. Le divisioni interne al Kurdistan, i tentativi dell’Iran di soggiogare lo Stato iracheno e le turbolenze economiche del Kurdistan minano la campagna statunitense contro lo Stato Islamico e rafforzano i gruppi militanti sostenuti dall’Iran e indicati da Washington come terroristi. La base statunitense nella provincia di Erbil è una delle più importanti basi militari e punti di ascolto di Washington in Medio Oriente, in quanto serve come hub per le operazioni speciali e come punto di sosta per le operazioni sia in Iraq che in Siria.

La presenza stessa di questa base richiede un assetto politico favorevole al mantenimento della partnership tra Stati Uniti e Governo regionale del Kurdistan, che l’Iran spera di indebolire e, alla fine, demolire strumentalizzando il PUK. L’Iran si è dimostrato disposto a giocare la partita lunga per soppiantare gli Stati Uniti in Kurdistan, come ha fatto a Baghdad negli ultimi due decenni.

Washington deve quindi intervenire per fare pressione sul PUK affinché ponga fine alla sua collusione con Teheran. Il PUK e la sua leadership rischiano di violare le sanzioni statunitensi che sono state concepite per inibire le capacità dei gruppi e dei funzionari designati allineati all’Iran con cui il PUK collabora.

Queste sanzioni potrebbero sottolineare lo sforzo di Washington di stabilire delle linee rosse per il PUK, sia per contenere l’invasione iraniana sia per proteggere la credibilità della sua infrastruttura di sanzioni. Washington deve anche scoraggiare il PUK dal minacciare di riportare il Kurdistan alla struttura amministrativa duale degli anni ’90, che dissolverebbe di fatto l’autonomia del Kurdistan e i suoi diritti faticosamente conquistati con la costituzione irachena del 2005. Questo sistema vedeva i due partiti al potere governare le loro province roccaforte come due amministrazioni separate e conferiva potere ai vicini dell’Iraq, minando al contempo gli interessi strategici degli Stati Uniti in Iraq e nella regione.

Possono entrare in gioco anche attori regionali come la Turchia. Ankara ha intensificato gli attacchi con i droni contro i combattenti e gli affiliati del gruppo ribelle turco-curdo, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), che hanno trovato rifugio a Sulaymaniyah, la provincia roccaforte del PUK. Ciò ha destabilizzato la provincia e aggravato le difficoltà del partito, nonostante gli sforzi del PUK per scoraggiare ulteriori attacchi.

Il PUK non può costringere il PKK a ritirarsi, perché questo scatenerebbe un conflitto violento, ma non può permettersi ulteriori attacchi turchi. Tuttavia, potrebbe stringere un accordo con Ankara basato sull’impegno a porre fine alla sua collusione con il PMF, che ha affiliati al PKK tra le sue fila. Ciò garantirebbe che il PUK non sostenga più, direttamente o indirettamente, il PKK. Questo diminuisce l’influenza dell’Iran, allevia le apprensioni della Turchia e riduce le tensioni geopolitiche che derivano dalle incursioni turche.

Inoltre, Washington non ha contestato o condannato le misure punitive di Baghdad contro l’economia del KRG, che sono state architettate da gruppi allineati all’Iran attraverso la sottomissione del sistema giudiziario di Baghdad. La sospensione delle esportazioni di petrolio del Kurdistan ha anche impedito a 500.000 barili al giorno di petrolio curdo di raggiungere i mercati globali: circa il 10% delle esportazioni totali dell’Iraq, o lo 0,5% della produzione globale. Questo ha ripercussioni ben oltre la regione; l’Europa ha fatto sempre più affidamento sul petrolio curdo dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Gli Stati Uniti sono stati finora spettatori sia dell’escalation intra-curda che dell’invasione iraniana. Washington può credere che questi problemi siano questioni interne ai curdi, ma è un errore. L’ascesa del PMF e, quindi, la sua capacità di sfruttare la discordia curda può essere direttamente legata all’eredità dell’impegno statunitense in Iraq negli ultimi due decenni, compresa l’acquiescenza di Washington alla presa di Kirkuk da parte del gruppo nel 2017.

Il KRG si è dimostrato resistente, ma questo ha i suoi limiti. Un collasso completo dell’economia della regione lo costringerebbe in ultima analisi a capitolare all’Iran. In pratica, ciò significa dare all’Iran una maggiore voce in capitolo sui contorni delle istituzioni del KRG, sulle sue forze armate, sui confini e, soprattutto, sul futuro della base statunitense a Erbil.

Per evitare che ciò accada, gli Stati Uniti dovrebbero mediare le tensioni intracurde per unificare i ranghi curdi a Baghdad e proteggere l’autonomia del KRG, ripristinando i suoi diritti di bilancio e il suo diritto di contendere elettoralmente i territori contesi, come Kirkuk, senza essere soggetto alle tattiche coercitive del PMF, pur mantenendo una sana rivalità democratica all’interno.

Se Washington è seriamente intenzionata a salvaguardare i propri interessi, potrebbe iniziare a convincere il PUK che la sua migliore speranza di invertire il declino è affrontare la sua crisi interna e non rivolgersi all’Iran, un esercizio autolesionista. Il PUK farà fatica ad eguagliare la supremazia politica del KDP: Nel migliore dei casi, può sperare di rallentare l’ascesa del suo rivale. Nel peggiore dei casi, la sua collusione con l’Iran mette a rischio il destino del partito e di Sulaymaniyah.

In secondo luogo, gli Stati Uniti potrebbero concentrare la loro mediazione sulle riserve di gas del Kurdistan, affrontando potenzialmente la carenza globale a lungo termine e sostenendo l’economia del KRG. Il KDP ha la legittimità politica e costituzionale per far progredire il settore e attrarre investitori, ma le riserve di gas si trovano principalmente nelle aree controllate dal PUK.

Gli Stati Uniti potrebbero incoraggiare il dialogo sullo sviluppo di questi giacimenti di gas e garantire la posizione del Kurdistan in quella che l’Agenzia Internazionale per l’Energia ha descritto come una “età dell’oro” del gas naturale. È proprio qui – in patria, e non a Baghdad o a Teheran – che il PUK, con il sostegno degli Stati Uniti, può spingere per la sua partecipazione economica attraverso un accordo globale con il KDP che includa un accordo di condivisione delle entrate.

Tale impegno transazionale potrebbe essere un trampolino di lancio verso un accordo più ampio. Il PUK incolpa il KDP per l’accaparramento delle entrate e per il fatto che Sulaymaniyah è rimasta indietro rispetto alle altre province, ma questa argomentazione si indebolisce quando il degrado di Sulaymaniyah è un riflesso del degrado del PUK.

La correlazione non è casuale. Proseguendo sulla strada attuale, il PUK rischia di allontanare i 700.000 abitanti di Sulaymaniyah dalla trasformazione economica guidata da Barzani, il che non farà che aumentare la frustrazione dei suoi sostenitori. Questo programma di riforme potrebbe salvare il Kurdistan dalla dipendenza dal petrolio diversificando l’economia, migliorando l’efficienza e promuovendo il buon governo.

L’alternativa per gli Stati Uniti – restare a guardare il collasso del KRG – sarebbe un disastro per i curdi iracheni e per gli interessi statunitensi nella regione. Il destino del KRG giocherà un ruolo importante nel determinare i contorni dell’intero Medio Oriente.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
guerra in sudan miliziani
Previous Story

Come gli Emirati Arabi Uniti alimentano la guerra in Sudan

accordo Israele Arabia Saudita
Next Story

Un accordo tra Israele e Arabia Saudita cambierebbe tutto

Latest from Medio Oriente

Go toTop