Kurdistan: pesanti intimidazioni dalle milizie sciite. Bruciata casa di giornalista curdo

23 Novembre 2017

Kurdistan, Erbil (Rights Reporter) – Le milizie sciite di Hashd al-Shaabi, sostenute dall’Iran, hanno bruciato la casa di un giornalista curdo a Tuz Khurmatu, come rappresaglia per suo lavoro con le forze Peshmerga negli ultimi anni di lotta contro lo Stato islamico (ISIS).

Hawkar Hassan
Hawkar Hassan

Hawkar Hassan, un giornalista curdo che lavorava per una stazione televisiva affiliata con l’Unione patriottica del Kurdistan (PUK), ha dichiarato sul suo account Facebook che uomini armati appartenenti alla milizia sciita Hashd al-Shaabi hanno bruciato la sua casa nel quartiere di Rizgari nella città di Tuz Khurmatu.

Nel suo post Hassan ha spiegato di aver lavorato come giornalista nell’area, coprendo le notizie sulla dura battaglia condotta dalle forze Peshmerga contro ISIS, aggiungendo che le milizie sciite hanno considerato il suo lavoro un crimine e hanno bruciato la sua casa e questo nonostante il fatto che un gruppo di funzionari del PUK abbia raggiunto un accordo con Hashd al-Shaabi per consegnare i territori contesi alle milizie, ma le milizie non si sono astenute dal distruggere la casa di un giornalista affiliato al PUK.

Da quando il 16 ottobre l’esercito iracheno, appoggiato dalle milizie sciite sostenute da Teheran, ha attaccato e conquistato le aree contese di Kirkuk, Tuz Khurmatu e Khanaqin, una grave crisi umanitaria è scoppiata nella regione. Le violenze delle milizie sciite hanno costretto alla fuga circa 200.000 civili. Solo nella città di Tuz Khurmatu sono centinaia le case e le attività commerciali curde date alle fiamme. L’incendio della casa del giornalista curdo è solo l’ultimo grave episodio di intimidazione contro i curdi che sembrano vittime di una vera e propria pulizia etnica.

Rimane da chiedersi come possano ancora gli americani sostenere un esercito, quello iracheno, che è chiaramente agli ordini delle milizie sciite dirette dall’Iran e lasciare che pezzo dopo pezzo gli iraniani si mangino l’Iraq e il Kurdistan.

Sadira Efseryan

Iraniana fuggita prima in Turchia, poi in Italia. Esperta dei paesi del Golfo Persico e delle dinamiche politiche dei paesi arabi. Laureata in scienze informatiche alla Iran University of Science and Technology

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
migranti nel sahara
Previous Story

Migranti: ne muoiono più nel deserto che nel Mediterraneo

Next Story

Iran: nuove gravissime minacce a Israele e la UE continua a tacere

Latest from Medio Oriente

Go toTop