Medio Oriente

La Cina consegna 100 veicoli militari al Libano. Nessuno lo trova strano?

In Libano emerge uno strano “aiuto militare cinese” che per il momento si limita a mezzi militari disarmati. La Cina già rifornisce di armi leggere, munizioni ed esplosivi le milizie legate all’Iran

La Cina consegna 100 veicoli militari al Libano. Nessuno lo trova strano?

L’esercito libanese ha ricevuto 60 B80VJ e 40 veicoli Sinotruk Howo come parte dell’assistenza militare dalla Cina.

La cerimonia di consegna si è tenuta presso la Brigata Logistica di Baabda l’11 giugno alla presenza dell’ambasciatore cinese in Libano Qian Minjian, addetto militare cinese Brig. Il Gen. Zheng Yuchong e l’Ispettore Generale libanese Mag. Gen. Milad Ishaq, in rappresentanza del Comandante delle Forze Armate Gen. Joseph Aoun.

Il B80VJ è un veicolo a quattro ruote progettato e prodotto dalla società cinese Beijing Auto. Può svolgere i ruoli di veicolo di comando, veicolo utilitario e veicolo d’assalto leggero e si prevede che aumenterà la mobilità dell’esercito libanese. È in grado di trasportare una mitragliatrice o un lanciarazzi leggero, ma le 60 unità inviate in Libano non sono armate.

L’Howo è un camion militare a sei ruote motrici prodotto dall’azienda cinese Sinotruk.

I veicoli non andranno a una brigata specifica, ma piuttosto divisi tra unità per facilitare il trasporto e l’addestramento, ha detto una fonte militare a conoscenza dell’operazione a condizione di anonimato.

La fonte ha detto anche che l’aiuto non include pezzi di ricambio per i veicoli.

Alla domanda se l’aiuto militare cinese rappresenti uno spostamento geopolitico del Libano dall’Occidente all’Oriente, il generale Maroun Hitti non era di tale avviso.

«Non esiste un’arena di conflitto tra Cina e Occidente creata da questa donazione», ha affermato Hitti, che in precedenza è stato direttore delle operazioni e vice capo dello staff per la pianificazione.

Tuttavia ai più attenti non è sfuggito che di recente la Cina stia armando con armi leggere sia l’Iran che le milizie legate a Teheran. E non è affatto detta che questi veicoli non vadano a rafforzare il “parco auto” di Hezbollah. Tutto normale? Nessuno lo trova strano?