La doppia misoginia di gente come Rubiales e Trump

10 Settembre 2023
misoginia e violenza sulle donne

Di Elizabeth Spiers, giornalista e stratega dei media digitali

Quando Luis Rubiales, presidente della federazione calcistica spagnola, si è trovato di fronte a una indignata reazione globale per aver baciato Jenni Hermoso, membro della squadra spagnola che ha vinto la Coppa del Mondo femminile, non ha mostrato rimorso o imbarazzo. Né quando la signora Hermoso e le sue compagne di squadra hanno annunciato che non avrebbero più lavorato con lui. Né quando la FIFA, l’autorità mondiale del calcio, lo ha sospeso.

Ha invece messo in atto una mossa che si è rivelata vincente: Ha fatto marcia indietro, insistendo sul fatto che non aveva fatto nulla di male, che la cosa era reciproca e che era vittima di una “caccia alle streghe”. Per un momento ha offerto un po’ di scuse, ma si è subito rimangiato tutto.

Esistono tante specie di misogini quante sono le malattie infettive, ma il signor Rubiales – come Donald Trump, che ha fatto una manovra simile quando E. Jean Carroll lo ha accusato di stupro – rappresenta una razza particolarmente insidiosa. Li chiameremo “doppi misogini”.

Questi uomini non possono essere svergognati per il loro comportamento, nemmeno di fronte a prove inconfutabili, perché fondamentalmente credono che sia accettabile. Non sembrano capire che la loro vittima è umana e complessa quanto loro e ha una volontà propria. Ecco perché trovano così difficile capire che tutto ciò che non è uno stupro può essere comunque davvero un’aggressione.

“Non la stava violentando”, ha detto di recente Woody Allen in dubbia difesa del signor Rubiales. “Era solo un bacio e lei era un’amica. Cosa c’è di male?”.

Come innumerevoli altre donne, posso dire per esperienza che questo tipo di aggressione è profondamente dannoso. Il danno non è solo fisico. Atti come questi privano le donne dell’autonomia sul proprio corpo, un’esperienza che, anche se breve, è disorientante e degradante, come ho imparato a vent’anni quando sono stata aggredita sessualmente mentre tornavo a casa dal lavoro a New York.

Ero su un marciapiede vicino a un piccolo parco e un uomo – alto, bianco, con i capelli lunghi, vestito in modo casual ma ordinato con jeans e maglietta – stava venendo verso di me. Appena ci siamo incrociati, ha allungato la mano e mi ha afferrato entrambi i seni, poi ha proseguito. Era sera presto, verso l’imbrunire, e nessuna delle altre persone in strada era abbastanza vicina da vedere quello che era successo.

Rimasi sbalordita, congelata sul posto. Per un attimo il mio cervello sembrò rifiutare ciò che era appena accaduto, ma la mia emozione successiva non fu quella che ci si potrebbe aspettare. Non era paura o disperazione. Era rabbia.

L’uomo era scappato e, quando mi sono girata, l’ho visto alla fine dell’isolato. Ho avuto l’impulso viscerale di inseguirlo e di dargli un pugno in faccia. Anche se sono alta un metro e ottanta e non ho mai preso a pugni nessuno, in quell’istante la mia rabbia era così forte che, se non fosse intervenuto il mio senso di autoconservazione, probabilmente l’avrei attaccato come un animale selvatico. Invece, ho raccolto i miei due sensi ancora funzionanti e, disorientata e senza sapere cosa fare, sono andata a casa.

Non ho denunciato l’incidente e, quando ho raccontato questa storia agli amici, mi sono riferita all’aggressore chiamandolo con disinvoltura “l’arraffatore di tette”, un modo per avvolgere l’esperienza in una garza di nonchalance che l’ha fatta apparire meno apertamente orribile.

L’ho interpretata come una cosa di poco conto, forse addirittura una cosa di cui si poteva ridere. Sono stata violentata all’università e ho razionalizzato con me stessa che in confronto l’aggressione al parco era relativamente banale.

La prima volta che ho raccontato a un amico quello che era successo al parco, sono andata a casa e ho pianto perché mi sono sentita così umiliata. Nell’istante successivo all’accaduto mi sono sentita disumanizzata, un oggetto di cui il mio aggressore poteva fare l’uso che voleva. Immagino che sia proprio questo il modo in cui vedeva me e tutte le altre persone che avrebbe potuto aggredire.

Ci sono molti uomini che, silenziosamente o apertamente, considerano le donne inferiori: meno intelligenti, meno capaci, meno resistenti.

I doppi misogini sono peggio. Non danno credito alle donne nemmeno per il fatto di essere versioni inferiori degli uomini; le considerano semplicemente come corpi che esistono per il loro piacere e uso. In questo non sono diversi dai miei aggressori.

Poco dopo l’incidente sul campo di calcio, la signora Hermoso ha detto che il bacio non le era piaciuto. Il giorno dopo ha detto che il bacio non era un problema. Ma da allora è stata inequivocabile: Dice di essere stata “vittima di un’aggressione” e ha presentato una denuncia penale contro il signor Rubiales.

Mi chiedo se la sua sequenza di emozioni sia stata la stessa che ho provato io quando un estraneo mi ha afferrato il seno: shock, seguito da rabbia, seguito dalla valutazione razionale che reagire avrebbe portato a conseguenze peggiori. La signora Hermoso ha dichiarato di essere stata inizialmente spinta a difendere il bacio e a proteggere il signor Rubiales. Mi chiedo se, in quel momento, si sia chiesta se il bacio fosse importante o abbia cercato di convincersi che non fosse un problema. Ovviamente ha concluso che lo era e, nonostante le forti pressioni per minimizzare, ha chiesto che il signor Rubiales fosse ritenuto responsabile.

Uomini come il signor Rubiales e il signor Trump hanno spesso una schiera di difensori, persone disposte a dire che queste cose non sono un grosso problema. La maggior parte di loro probabilmente si considera ragionevole. Alcuni difensori tollerano un comportamento ripugnante in virtù di ciò che gli uomini sembrano offrire: una leadership, un’abilità straordinaria o un’altra espressione di potere. Altri difendono queste azioni perché anch’essi credono che il corpo delle donne sia, in qualche modo, sempre proprietà degli uomini, e che una violazione occasionale, presumibilmente minore, del consenso possa essere ignorata. “Non la stava violentando. Era solo un bacio”.

I doppi misogini offrono un test per verificare quanto la società ritenga che una donna debba tollerare l’abuso, specialmente da parte di qualcuno in una posizione di relativo potere. Incoraggiano gli altri ad allargare la sfera di ciò che è accettabile quando si tratta di maltrattare le donne. Lo fanno con sicurezza e modellano un diritto estremo con poche conseguenze. E così fanno in modo che accada di nuovo.

[jetpack_subscription_form]

 

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
g20 dichiarazione soft sulla aggressione della russia in ucraina
Previous Story

G20 e guerra in Ucraina: troppo morbidi sull’aggressione russa

Yevgeny V. Prigozhin ex capo gruppo wagner
Next Story

La lotta per il controllo della Wagner dopo la morte di Prigozhin

Latest from Opinioni

Go toTop