La macchina del fango palestinese continua a mentire sulla carestia a Gaza

Le Nazioni Unite, l’amministrazione Biden e i media continuano ad affermare che i palestinesi a Gaza stanno soffrendo la fame anche dopo che sono emerse prove che tale affermazione è propaganda
20 Giugno 2024
niente carestia a Gaza

Di Jonathan S. Tobin – Parte della narrazione accettata sulla guerra nella Striscia di Gaza è che i palestinesi stanno soffrendo la fame. A maggio, il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha affermato che nel nord di Gaza c’era una “carestia in piena regola”. Negli ultimi mesi, il New York Times e il Washington Post hanno ripetutamente sottolineato che i palestinesi stanno morendo di fame.

In effetti, l’idea che ci fosse una vera e propria carenza di cibo a Gaza ha spinto il presidente Joe Biden a ordinare alle forze armate statunitensi di costruire un molo galleggiante e di ancorarlo lungo la costa di Gaza per facilitare il flusso di rifornimenti vitali a chi ne ha bisogno.

Sulla base di queste accuse, la Corte Penale Internazionale ha richiesto i mandati di arresto per il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il Ministro della Difesa Yoav Gallant, in gran parte per l’accusa di aver commesso crimini di guerra affamando deliberatamente i palestinesi.

Ma cosa succede se non c’è carestia?

A quanto pare, il Comitato di revisione della carestia delle Nazioni Unite ha ammesso in un rapporto che le affermazioni sull’insufficienza di cibo inviato a Gaza sono false. Inoltre, questa affermazione, che è alla base della grande bugia, altrettanto diffusa, secondo cui Israele sta commettendo un genocidio contro i palestinesi, è una questione di furbizia contabile. Sembra che si basi in gran parte sul fatto che il numero di camion che consegnano i rifornimenti, che ogni giorno arrivano a Gaza da Israele per sfamare i palestinesi, sia stato sottovalutato e che i camion di cibo del settore privato non siano stati conteggiati così come le altre consegne.

Un fatto pertinente che va sottolineato è che prima del 7 ottobre, i rifornimenti giornalieri di cibo, carburante e altro materiale venivano trasportati a Gaza da Israele, il che smentisce la tanto citata accusa che lo Stato ebraico abbia bloccato la Striscia. L’Egitto, invece, ha continuato a chiudergli il confine.

Con poche eccezioni, la verità sulla situazione attuale non è stata ampiamente riportata. Su Commentary, Seth Mandel ha scritto dei risultati del rapporto delle Nazioni Unite e di varie analisi che hanno evidenziato i dati errati utilizzati per giustificare le affermazioni sulla carestia a Gaza. Sul Jerusalem Post, Seth Frantzman ha citato il lavoro di due professori della Columbia University che hanno analizzato i dati e sfatato la saggezza convenzionale secondo cui Israele affama i palestinesi.

Il cibo arriva a Gaza

mercato verdura niente carestia a gaza

Tutti questi studi dimostrano che se ci sono problemi di distribuzione di cibo a Gaza – e, ovviamente, un’area che è lo scenario di un conflitto militare in corso, scatenato dagli attacchi di Hamas a Israele del 7 ottobre, è destinata a subire interruzioni – non è a causa di una carenza di cibo. La quantità di prodotti che vengono spediti a Gaza da Israele è, come dimostrano questi studi, chiaramente sufficiente a sfamare la popolazione di Gaza.

La verità sulla carestia che non si sta verificando va collocata anche nel contesto di un evento che si sta verificando. Gli sforzi di Israele per mantenere gli aiuti nella Striscia non hanno precedenti nella storia dei conflitti armati. È un dato di fatto che le potenze belligeranti non sono responsabili dell’alimentazione dei loro nemici, specialmente delle persone sotto il controllo di combattenti ostili, come è vero per i palestinesi che vivono a Rafah, dove le ultime unità militari attive di Hamas sono ancora sotto controllo. Si tratta, ovviamente, di Paesi diversi dallo Stato ebraico.

In queste circostanze, persino gli Stati Uniti hanno riconosciuto che pochi dei rifornimenti entrati a Gaza attraverso il molo galleggiante hanno raggiunto i destinatari previsti. Le ONG e i cosiddetti gruppi per i diritti umani incolpano Israele di ispezionare i camion che entrano a Gaza per cercare di impedire che vengano usati per rifornire Hamas di armi e altro materiale bellico, mentre l’ostacolo principale al flusso regolare degli aiuti sono i palestinesi stessi. Ma piuttosto che ammettere che l’intera vicenda è stata uno scandaloso spreco di tempo, denaro e risorse – e illustra la natura sconsiderata e politicamente motivata della decisione di Biden di coinvolgere gli Stati Uniti in questo fiasco – l’amministrazione continua a tergiversare sul problema. Washington preferisce rimproverare Israele piuttosto che dire apertamente che l’idea è stata un grosso errore.

Come ha sottolineato Mandel, anche il Times sta nascondendo informazioni che minano l’accusa di carestia all’interno di altri articoli destinati a sostenere le accuse contro Israele. Il giornale ha scritto che non c’è carenza di cibo nel nord di Gaza, proprio dove in precedenza aveva affermato che la carestia era imminente.

Altri rapporti sottolineano non solo il continuo flusso di aiuti da Gerusalemme, ma anche il fatto che i mercati alimentari sono aperti anche nelle aree del sud di Gaza, dove continuano i combattimenti.

Hamas sta rubando

Sottolineare questo non significa negare che la situazione sia estremamente difficile. In tempo di guerra, le reti di distribuzione alimentare sono inevitabilmente interrotte. Ma se i palestinesi stanno soffrendo, è a dir poco diffamatorio dare la colpa a Israele. Fin dall’inizio della guerra, agenti armati di Hamas hanno dirottato la maggior parte delle consegne, il che significa che gli aiuti vanno ai terroristi e non ai civili che usano come scudi umani.

Sebbene i media notino spesso che Hamas è accusato di aver rubato la merce, in genere la considerano solo un’accusa infondata da parte di Israele e dei suoi sostenitori. Dato che si ammette che gli aiuti consegnati dal molo statunitense non arrivano ai civili palestinesi, non c’è altra spiegazione lontanamente plausibile per questo fallimento se non il fatto che i palestinesi armati impediscono che vengano distribuiti ai loro compatrioti che potrebbero averne bisogno.

Al problema si aggiunge un nuovo fattore. Oltre a Hamas stesso che requisisce le spedizioni di aiuti, bande di contrabbandieri – la maggior parte dei quali probabilmente affiliati ai vari movimenti terroristici – hanno ostacolato gli sforzi per sfamare i palestinesi. Come ha riportato il Wall Street Journal ripreso da RR, il contrabbando di sigarette è diventato una delle cause principali della carenza di cibo, poiché i criminali e gli operatori umanitari che sono loro complici usano i camion che dovrebbero portare cibo e carburante per trasportare tabacco di contrabbando.

Allora perché tanti media, organizzazioni internazionali e l’amministrazione Biden continuano a parlare di fame e a dare la colpa a un’unica entità per questa catastrofe in gran parte fittizia?

La risposta è ovvia. In una guerra in cui gran parte del mondo ha accettato la tesi secondo cui Israele è uno Stato “colonizzatore/coloniale” e “apartheid” contro il quale è giustificata praticamente qualsiasi tattica impiegata dai suoi nemici, gonfiare la situazione dei palestinesi di Gaza fino a trasformarla in una carestia deve essere considerata l’ultima di una lunga lista di falsità che sono state lanciate contro lo Stato ebraico dal 7 ottobre.

Si tratta di un conflitto in cui alcuni degli stessi organi che evidenziano le dubbie affermazioni di una carestia sono stati ansiosi di screditare la verità sulla realtà del terrorismo di Hamas e, in particolare, sulle atrocità, compresi i crimini sessuali, commessi dai palestinesi.

In effetti, i membri dello stesso coro di media anti-Israele hanno ripetuto fedelmente ogni menzogna diffusa dalla macchina propagandistica di Hamas, comprese le falsità su attacchi specifici e le cifre ampiamente gonfiate delle vittime tra i civili palestinesi, quasi tutti presumibilmente donne e bambini. Quindi, perché ci si aspetta che siano sinceri su una carestia per la quale non è possibile fornire alcuna prova, se sono disposti a mentire su molte altre cose?

Come per tutte le altre falsità addotte sulla conduzione della guerra da parte di Israele, la verità – anche se tardivamente ammessa – non sembra avere importanza. Coloro che si dedicano alla proposizione che, nella migliore delle ipotesi, Israele e Hamas sono moralmente equivalenti, passeranno sempre alla prossima accusa spuria senza mai rendere conto delle loro precedenti travisazioni e falsità.

Che Israele sia giudicato con doppi e tripli standard applicati a nessun’altra nazione – per non parlare di nessun’altra democrazia in guerra – non è una novità.

Una diffamazione di sangue del XXI secolo

Tuttavia, la natura efferata dell’assalto e delle atrocità del 7 ottobre, così come la chiara giustificazione della controffensiva israeliana per eliminare il movimento terroristico genocida che ha compiuto quei crimini, sembra aver spinto coloro che odiano Israele e gli ebrei a nuovi livelli di mendacio giornalismo.

Le persone della sinistra intersezionale, convinte che Israele sia una nazione di cattivi “bianchi” che vittimizzano le “persone di colore” palestinesi, che sono inesattamente paragonate alle vittime americane della discriminazione razziale, non hanno alcuna remora a diffondere queste calunnie. Quanto più grave è il comportamento effettivo dei palestinesi, che sono votati alla distruzione di Israele e del suo popolo, tanto più diventa imperativo capovolgere la narrazione e accusare Israele di genocidio.

Ogni morte e tutte le privazioni subite dagli arabi palestinesi dal 7 ottobre sono responsabilità dei terroristi di Hamas che hanno iniziato questa guerra e che colgono ogni occasione per massimizzare le sofferenze del proprio popolo per infangare l’immagine di Israele. Questo non vale solo per i gazesi feriti o uccisi durante i combattimenti, ma anche per tutti coloro a cui è stato impedito di ricevere gli aiuti spediti nella Striscia con il permesso di Israele.

La fantomatica carestia di Gaza è solo l’ultimo esempio di come i palestinesi stiano ingannando il mondo mentre spirano deliberatamente ancora di più in un abisso di conflitto senza fine in cui loro stessi sono le vittime principali.

Gli americani dalla mente lucida, che ormai dovrebbero aver imparato a non fidarsi dei media aziendali su questo e su molti altri temi, non dovrebbero lasciarsi influenzare da questa campagna di propaganda, che affonda le sue radici nei vecchi tropi dell’antisemitismo, in cui gli ebrei sono sempre accusati di cospirare per danneggiare gli altri.

Spogliata dell’emotività e dell’attivismo di parte che colorano gran parte del giornalismo contemporaneo, e in particolare la copertura del Medio Oriente, l’affermazione che Israele sta affamando i palestinesi dovrebbe essere vista per quello che è: una diffamazione di sangue del XXI secolo.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
netanyahu controllo gaza
Previous Story

Israele: aumentano le tensioni tra Netanyahu ed esercito

preoccupazioni USA su guerra tra Israele ed Hezbollah
Next Story

Le preoccupazioni USA su un conflitto tra Israele ed Hezbollah

Latest from Medio Oriente

Go toTop