La sentenza della Corte Suprema su Donald Trump spiegata bene

Non è tutto bianco o nero. Leggendo la sentenza senza partigianeria si capiscono molte cose che altrimenti rischierebbero di portarci fuori strada
2 Luglio 2024
sentenza trump

I partigiani di destra e di sinistra stanno reagendo alla decisione della Corte Suprema di lunedì sull’immunità presidenziale in base al suo impatto sul destino di Donald Trump. Si tratta di una visione distorta che ignora le implicazioni a lungo termine per la Repubblica americana. La maggioranza della Corte (6-3) si è giustamente concentrata sull’istituzione della Presidenza e sulla capacità di tutti i Presidenti – non solo dell’ultimo – di agire nell’interesse nazionale senza essere perseguiti per atti ufficiali.

Il parere del Presidente della Corte John Roberts nella causa Trump contro Stati Uniti è una pietra miliare sul potere esecutivo. Era anche prevedibile che si basasse sul parere della Corte del 1982 nella causa Nixon contro Fitzgerald, in cui si affermava che un Presidente gode di immunità assoluta dalle cause civili per gli atti che rientrano nel “perimetro esterno” delle sue funzioni. Lunedì la Corte ha stabilito che la minaccia di un’azione penale per atti ufficiali sarebbe ancora più debilitante per il potere esecutivo.

“Un Presidente incline a intraprendere una linea d’azione basata sull’interesse pubblico potrebbe invece optare per un’altra, temendo che le sanzioni penali possano colpirlo al momento della sua partenza dall’incarico”, scrive il Capo dei sei giudici conservatori. E se gli atti ufficiali di un ex Presidente vengono abitualmente sottoposti a un esame nei procedimenti penali, “l’indipendenza del ramo esecutivo” può essere significativamente compromessa”.

Il Presidente della Corte prosegue fornendo una sentenza ricca di sfumature che è ben lungi dall’essere una vittoria totale per il Trump. La Corte legge correttamente la Costituzione per offrire l’immunità assoluta per le azioni che rientrano nel nucleo dei poteri plenari dell’esecutivo. Ciò significa che un Presidente non può essere perseguito per azioni legate alla sicurezza nazionale, all’intelligence o alla politica estera.

Non può essere perseguito, ad esempio, per le morti causate dall’ordine di un attacco con i droni. E non può essere perseguito per le sue comunicazioni con il Procuratore generale sulle sue decisioni investigative. Questo squalifica parte del racconto del consigliere speciale Jack Smith contro Trump nell’atto di accusa del 6 gennaio.

Ma la Corte ha respinto l’affermazione di Trump secondo cui tutti gli atti presidenziali godono di immunità assoluta. Il Capo della Corte scrive che un Presidente ha solo una “immunità presuntiva” dall’accusa per gli atti ufficiali che non rientrano nei suoi poteri costituzionali fondamentali, e che gli atti non ufficiali non godono di alcuna immunità. Trump non potrebbe sparare a qualcuno sulla Quinta Strada, come ha scherzato una volta, ed essere immune.

La domanda più importante è cosa definisca un atto ufficiale che giustifichi l’immunità presuntiva. Il Capo offre una guida ai tribunali di grado inferiore e al Congresso che proteggerà la maggior parte degli atti ufficiali presidenziali. Un principio è che un pubblico ministero e il Congresso non possono indagare sui motivi che hanno spinto il Presidente a prendere una decisione. Ciò ha senso perché un’indagine di questo tipo sarebbe un’intrusione enorme e dirompente nel processo decisionale presidenziale.

Un altro principio è che spetta al pubblico ministero dimostrare che un atto ufficiale non merita l’immunità. Come minimo, il Presidente deve essere immune dall’accusa per un atto ufficiale, a meno che il Governo non dimostri che l’applicazione di un divieto penale a quell’atto non comporterebbe “pericoli di intrusione nell’autorità e nelle funzioni del ramo esecutivo”, scrive il Presidente della Corte.

La Corte non si pronuncia sulle altre prove contenute nell’accusa del signor Smith, ma rimanda il caso al giudice del processo affinché decida se gli atti incriminati sono ufficiali e meritano l’immunità. Tuttavia, il Presidente della Corte suggerisce che le pressioni esercitate da Trump sul Vicepresidente Mike Pence per rifiutare di certificare i voti del Collegio Elettorale sono probabilmente un atto ufficiale.

“Ogni volta che il Presidente e il Vicepresidente discutono delle loro responsabilità ufficiali, assumono una condotta ufficiale”, scrive il Capo. “Presiedere la procedura di certificazione del 6 gennaio in cui i membri del Congresso contano i voti elettorali è un dovere costituzionale e statutario del Vicepresidente”.

Ma la Corte non offre indicazioni sull’immunità per le pressioni esercitate da Trump sui funzionari statali affinché presentino liste di elettori favorevoli a Trump. Invece rimanda la questione, e altri dettagli dell’accusa di Smith, al giudice del processo per l’accertamento dei fatti e l’applicazione dei nuovi principi di immunità.

Il dissenso principale, espresso dalla giudice Sonia Sotomayor per i tre liberali, si concentra sull’accusa contro il signor Trump e sul particolare pericolo che, secondo loro, rappresenta per la democrazia. La giudice offre una sfilata di potenziali orrori che i presidenti potrebbero commettere in futuro.

“Anche se questi scenari da incubo non si realizzeranno mai, e prego che non lo facciano mai, il danno è stato fatto”, scrive. “Il rapporto tra il Presidente e le persone che serve è cambiato irrevocabilmente. In ogni uso del potere ufficiale, il Presidente è ora un re al di sopra della legge”.

Ma lo è davvero? Il Congresso e la magistratura esistono ancora come controlli, come la Corte Suprema ha dimostrato in questo mandato in numerose occasioni. Il potere di impeachment esiste e le elezioni sono l’ultimo controllo sui presidenti abusivi.

Il Presidente della Corte definisce i dissensi “un’azione di paura sulla base di ipotesi estreme”. E dice che “trascurano la prospettiva più probabile di un ramo esecutivo che si cannibalizza da solo, con ogni Presidente successivo libero di perseguire i suoi predecessori, ma incapace di svolgere con coraggio e senza paura i suoi compiti per paura di essere il prossimo”.

Lunedì i democratici hanno denunciato la Corte per aver favorito Trump e complicato l’azione penale del signor Smith. Ma la Corte sta facendo il suo lavoro di protezione dell’ordine costituzionale. Se facessero un bel respiro, i Democratici noterebbero che i giudici hanno reso più difficile per il signor Trump perseguire il signor Biden. La sentenza sull’immunità sottolinea l’errore che i Democratici hanno commesso nell’usare la legge per squalificare un candidato alla presidenza. Avrebbero dovuto riporre maggiore fiducia negli elettori.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
gaza hamas si riorganizza
Previous Story

Gaza: Hamas si riorganizza e lancia nuovi attacchi contro Israele

mutilazioni geniali femminili
Next Story

Mutilazioni genitali femminili: dal Gambia il rischio di un passo indietro

Latest from Report e analisi

Go toTop