La vendetta di Putin. Attacchi missilistici su Kiev

Per la prima volta dopo mesi la capitale ucraina viene presa di mira dai missili russi. Udite forti esplosioni nel centro di Kiev, ma non ci sarebbero vittime

Lunedì mattina una serie di esplosioni ha scosso il centro di Kiev interrompendo mesi di relativa calma nella capitale ucraina, un giorno dopo che il leader russo ha incolpato l’Ucraina per un’esplosione sul ponte che collega la Crimea alla Russia.

Il sindaco di Kiev, Vitaliy Klitschko, ha dichiarato su Telegram che ci sono state “diverse esplosioni nel distretto di Shevchenkiv – nel centro della capitale”.

Non ci sono state notizie immediate di vittime.

Le esplosioni sono state udite in seguito al rumore dei missili in arrivo, ha riferito l’Associated Press.

L’agenzia di stampa AFP ha detto che ci sono stati almeno tre scoppi e che le esplosioni sono avvenute intorno alle 8:15 ora locale, l’ora di punta dei pendolari.

Le sirene dell’allarme aereo hanno suonato per più di un’ora nella capitale ucraina prima delle esplosioni.

L’attacco alla capitale ucraina è arrivato un giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha definito l’attentato che ha danneggiato l’enorme ponte che collega la Russia al territorio annesso della Crimea “un atto terroristico”, architettato dai servizi speciali ucraini.

Il ponte di Kerch, che riveste un importante valore strategico e simbolico per la Russia nella sua incerta guerra in Ucraina, è stato colpito sabato da quello che Mosca ha dichiarato essere un camion bomba. Il traffico stradale e ferroviario sul ponte è stato temporaneamente interrotto, danneggiando una via di rifornimento vitale per le forze del Cremlino.

“Non c’è dubbio che si sia trattato di un atto terroristico diretto alla distruzione di un’infrastruttura civile di importanza critica della Federazione Russa”, ha dichiarato Putin durante un incontro con il presidente del Comitato Investigativo russo, Alexander Bastrykin. “E gli autori, gli esecutori e i mandanti sono i servizi speciali dell’Ucraina”.

Bastrykin ha detto che i servizi speciali ucraini e i cittadini della Russia e di altri Paesi hanno preso parte all’attacco. Ha dichiarato che è stata avviata un’indagine penale su un atto di terrorismo.

“Abbiamo già stabilito il percorso del camion”, ha detto, affermando che ha viaggiato in Bulgaria, Georgia, Armenia, Ossezia del Nord e Krasnodar, una regione della Russia meridionale.

A Kiev, il consigliere presidenziale Mikhail Podolyak ha definito l’accusa di Putin “troppo cinica persino per la Russia”.