Mentre Israele rischia la guerra il governo non se ne cura

10 Agosto 2023
rischio guerra israele

Di Giora Eiland – C’è una linea diretta tra i commenti del Ministro della Difesa Yoav Gallant dello scorso marzo, quando ha chiesto di fermare la revisione giudiziaria avvertendo che aveva un effetto negativo sulla sicurezza di Israele, e la sua visita al confine tra Israele e Libano di martedì. Cinquant’anni dopo la guerra dello Yom Kippur, la minaccia di una guerra incombe.

La ragione principale è un cambiamento nell’equazione dell’Iran, che si manifesta in tre aspetti: In primo luogo, l’Iran si sente più sicuro – la Russia ne ha bisogno, la Cina lo vuole, l’Arabia Saudita è cauta e gli Stati Uniti sono preoccupati.

In secondo luogo, l’Iran è riuscito ad armare ed equipaggiare i suoi proxy con armi di precisione. Fino a circa un decennio fa, le armi di precisione erano un vantaggio per Israele contro i missili e i razzi “muti” dell’avversario. Oggi, l’Iran sta portando avanti con successo la produzione o l’adattamento di missili di precisione e droni d’assalto.

In terzo luogo, l’Iran ritiene che se riuscisse a riunire le varie regioni della sua influenza e a coordinare le azioni contro Israele coinvolgendo Hezbollah dal Libano, milizie dalla Siria, dall’Iraq e forse anche dallo Yemen, oltre ad attacchi diretti dall’interno dell’Iran, e inoltre – incitando i palestinesi e gli arabi israeliani alla violenza – allora Israele non sarebbe in grado di rispondere adeguatamente.

Questo non significa che la guerra sia certa e non è chiaro quando, o se mai, gli iraniani riterranno che sia il momento giusto per agire. Tuttavia, questo scenario è più probabile e più grave di quanto avessimo stimato solo nove mesi fa.

In effetti, gli iraniani sono incoraggiati anche da quello che percepiscono come un indebolimento di Israele. Questo incoraggiamento spinge Hezbollah a intensificare gli atti di provocazione lungo il confine libanese con Israele, aumentando di conseguenza la probabilità che scoppi una guerra.

Ci sono quattro cose che il governo israeliano deve fare: In primo luogo, capire che questa minaccia potrebbe trasformarsi in una minaccia esistenziale nel giro di pochi mesi, e quindi è fondamentale smettere di occuparsi di questioni banali che hanno un forte impatto sull’esercito e sulle forze dell’ordine.

Uno storico che analizzi la politica del governo israeliano tra 50 anni, o anche tra 2.000 anni, troverà difficile credere che il governo abbia condotto Israele in una situazione in cui avrebbe faticato a difendersi.

In secondo luogo, devono spiegare in anticipo alla comunità internazionale che se Hezbollah dovesse aprire il fuoco, ciò porterebbe a una guerra totale con il Libano, non solo contro Hezbollah. Gallant ha fatto bene ad avvertire il Libano che Israele lo avrebbe rispedito all’età della pietra, ma questa non è un’alternativa a una discussione con gli Stati Uniti su questo tema.

In terzo luogo, Israele sa come proteggere la sua popolazione, ma non le sue infrastrutture nazionali. Le armi di precisione prenderanno di meno di mira i centri abitati, optando invece per le centrali elettriche, gli impianti di trattamento delle acque, gli hub dei server, i porti, ecc.

È sorprendente che nessuno nel governo stia prendendo misure ragionevoli per affrontare questa minaccia. Non si tratta di problemi di bilancio o tecnologici, ma semplicemente di negligenza. Se fossi il Primo Ministro, questo problema sarebbe la mia priorità assoluta.

La quarta è la questione palestinese: Gli iraniani stanno compiendo sforzi significativi per dotare di armi un numero sempre maggiore di giovani nei territori palestinesi e per motivarli a compiere attacchi contro Israele.

A differenza della politica israeliana degli ultimi 20 anni, che mirava principalmente ad assistere l’Autorità Palestinese e a prevenire gli attriti nei territori, ora i membri della coalizione stanno cercando di ottenere il risultato opposto: incoraggiare gli attriti, aumentare le tensioni tra i palestinesi e indebolire la capacità delle forze di sicurezza di affrontare questa nuova realtà.

Queste politiche non sono fatte per errore. Si tratta di una chiara agenda di alcuni partiti della coalizione, che mirano a creare il caos nei Territori palestinesi come percorso per implementare la loro ideologia. Questo deve essere cambiato.

Allo stesso modo, bisogna capire che un governo che intenzionalmente costruisce risentimento e frustrazione tra i residenti arabi israeliani non dovrebbe sorprendersi se, durante una guerra, questi stessi residenti sollevano le armi contro lo Stato.

Dal 1973, Israele è riuscito a isolare i suoi diversi fronti e a combattere contro un nemico alla volta. Se gli iraniani riusciranno a coordinare i loro proxy in azione, ci troveremo di fronte a una sfida ancora più grande di quella della guerra dello Yom Kippur. I militari lo capiscono e agiscono di conseguenza, ma senza un drastico cambiamento delle priorità del governo non sarà sufficiente.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
presenza iraniana in siria
Previous Story

Le mani di Teheran sulla industria bellica siriana

guardia nazionale israele
Next Story

Israele: con la guardia nazionale Itamar Ben Gvir vuole la sua milizia privata

Latest from Medio Oriente

Go toTop