Le mani di Teheran sulla industria bellica siriana

9 Agosto 2023
presenza iraniana in siria

L’Iran sta entrando sempre di più nell’industria bellica siriana nel tentativo di armare in modo più efficiente i proxy della Repubblica islamica nel Levante. Lo ha rivelato il Centro di ricerca e istruzione Alma in uno studio.

Lo studio ha anche rilevato che Hezbollah potrebbe arrivare ad ottenere armi chimiche siriane.

«Nel rapporto abbiamo dimostrato il coinvolgimento iraniano in un centro dell’agenzia governativa siriana che si occupa dello sviluppo di armi», ha dichiarato Sarit Zehavi, presidente del Centro di ricerca e istruzione Alma ed ex ufficiale della Direzione dell’intelligence dell’IDF.

Il nuovo studio pubblicato la scorsa settimana ha rivelato il legame dell’Iran con il Centro siriano di studi e ricerche scientifiche, noto con l’abbreviazione francese CERS.

Il CERS è stato istituito nel 1971 per promuovere lo sviluppo scientifico in Siria e ora funge da ala di ricerca e sviluppo dell’esercito siriano.

L’agenzia è distribuita in diversi istituti, tra cui l’Istituto 4000 nel nord-ovest della Siria, responsabile della produzione di missili, razzi e bombe, e un istituto separato dedicato allo sviluppo e alla produzione di armi chimiche.

Zehavi ha dichiarato che la ricerca non ha evidenziato alcun coinvolgimento iraniano nella produzione di armi chimiche. L’obiettivo principale dell’Iran, secondo lo studio, «è sviluppare e produrre missili e razzi di precisione, missili da crociera e veicoli aerei senza pilota sul territorio siriano, utilizzando le infrastrutture dell’Istituto CERS 4000».

Alcune strutture del CERS sono state distrutte da attacchi aerei in Siria. Israele non ha rivendicato la responsabilità degli attacchi, ma i rapporti siriani incolpano Gerusalemme. Zehavi ha descritto gli attacchi aerei come una probabile parte della campagna israeliana di «guerra tra le guerre», che consiste nel distruggere segretamente le minacce emergenti nei Paesi nemici.

Zehavi ha spiegato che la politica iraniana di distribuzione di armi ai suoi proxy nella regione ha due scopi principali. «Uno è quello di creare piattaforme di influenza in questi Paesi – Siria, Libano, Iraq, ecc. – e il secondo è quello di creare una situazione multi-fronte contro Israele».

Per raggiungere questi obiettivi, l’Iran deve affrontare la sfida logistica del contrabbando di armi in vari Paesi.

A volte le armi vengono contrabbandate per via aerea attraverso voli civili diretti ad Aleppo, Damasco e Beirut. Nella maggior parte dei casi vengono contrabbandate con camion che percorrono più di 1.000 miglia dall’Iran alla Siria, secondo quanto detto da Zehavi.

«Trasferire la produzione e lo sviluppo di armi in Siria significa accorciare questo corridoio, il che significa che Teheran non dovrà portare tutto dall’Iran, ma la produzione sarà in Siria per essere distribuita ai suoi proxy in Siria e in Libano», ha spiegato.

Silvia Boltuc, amministratore delegato di SpecialEurasia, un’agenzia di intelligence geopolitica e di valutazione dei rischi, ha dichiarato che la produzione di armi in Siria permette all’Iran di salvaguardare l’accesso di Hezbollah alle armi. «In caso di attacco all’Iran, queste infrastrutture continueranno a funzionare in modo indipendente e la catena di fornitura di armi a Hezbollah non sarà intaccata», ha dichiarato Boltuc.

Ha aggiunto che le infrastrutture iraniane sono state distrutte negli ultimi anni nonostante i migliori accorgimenti per tenerle segrete, il che potrebbe motivare l’Iran a diffondere le sue attività in più Paesi.

Questa politica potrebbe anche essere una risposta alla crescente influenza israeliana nella regione. «Mentre Israele ha aumentato la sua presenza nei Paesi vicini, come l’Azerbaigian, per avere accesso diretto all’Iran, Teheran ha aumentato la sua influenza in Siria e in Libano», ha detto Boltuc.

Israele ha aperto un’ambasciata in Azerbaigian nel marzo 2023 e un’ambasciata in Turkmenistan, a soli 15 miglia dal confine con l’Iran, nell’aprile 2023.

Zehavi ha affermato che le armi chimiche di produzione siriana potrebbero finire nelle mani di Hezbollah. Contesta i rapporti delle Nazioni Unite che affermano che il governo siriano non possiede armi chimiche dal 2013, osservando che il governo siriano «ha usato armi chimiche contro i propri cittadini nel 2018».

Non ci sono prove del coinvolgimento iraniano nell’industria delle armi chimiche siriane, ma Zehavi ha detto che gli stretti legami tra Siria ed Hezbollah suggeriscono che il gruppo terroristico potrebbe ottenere le armi chimiche siriane. «Hezbollah ha avuto un ruolo chiave nel salvare il governo siriano dalla guerra civile, insieme ai russi e agli iraniani, e quindi la collaborazione è ad un livello molto alto», ha aggiunto Zehavi.

Zehavi ha affermato che Hezbollah potrebbe usare armi chimiche contro Israele solo in situazioni estreme e sul campo di battaglia.

L’uso di armi convenzionali da parte di Hezbollah contro Israele, invece, non è più in discussione. «Siamo già lì, cioè sappiamo che Hezbollah le userà in guerre future, che gli iraniani le useranno e che altre milizie le useranno», ha detto.

«Questo è un rischio per lo Stato di Israele. Si tratta di armi precise, il che significa che se Iron Dome dovesse mancare anche un solo razzo i danni sarebbero ingenti», ha detto Zehavi.

Sarah G. Frankl

Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
diritti delle donne in israele
Previous Story

I diritti delle donne in Israele ai tempi del governo di ultradestra. Due parole con Meirav Cohen

rischio guerra israele
Next Story

Mentre Israele rischia la guerra il governo non se ne cura

Latest from Medio Oriente

Go toTop