netanyahu respinge proposta elezioni

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha respinto domenica con decisione la richiesta del leader della maggioranza del Senato Chuck Schumer di indire nuove elezioni nel suo Paese, definendo la forzatura “totalmente inappropriata” e dannosa per la guerra di Israele contro Hamas.

Il battibecco a distanza e solo l’ultimo di un crescente scambio verbale tra gli alti dirigenti di Washington e il primo ministro israeliano, che ha attirato crescenti critiche da parte dell’amministrazione Biden e di molti legislatori democratici per la sua gestione del conflitto con Hamas, tra gli appelli internazionali a permettere che più aiuti umanitari raggiungano i palestinesi a Gaza.

Netanyahu ha ripetutamente rifiutato di impegnarsi a indire elezioni anticipate durante un’intervista con la CNN, contestando i sondaggi pubblici che mostrano il sostegno del popolo israeliano a tale iniziativa. Ciò porterebbe ad “almeno sei mesi di paralisi nazionale, il che significa che perderemmo la guerra”, ha detto Netanyahu.

“Penso che sia ridicolo parlarne”, ha detto, paragonandolo alla richiesta di nuove elezioni negli Stati Uniti dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001. “È inappropriato andare in una democrazia sorella e cercare di sostituire la leadership eletta. È una cosa che il pubblico israeliano fa da solo”.

Schumer, un democratico di New York e il più alto funzionario eletto ebreo nel governo degli Stati Uniti, ha detto la scorsa settimana che Netanyahu “ha perso la sua strada” e ha chiesto nuove elezioni per scegliere un nuovo governo.

Netanyahu “sta permettendo che la sua sopravvivenza politica abbia la precedenza sugli interessi di Israele”, ha detto Schumer, aggiungendo che Israele “non può sperare di avere successo come un paria osteggiato dal resto del mondo”.

Il drammatico discorso di Schumer è arrivato nel mezzo di una crescente frustrazione dell’amministrazione Biden nei confronti di Netanyahu per il numero di vittime civili a Gaza e per la sua resistenza ai piani statunitensi per il dopoguerra, compresa una nuova spinta per la creazione di uno Stato palestinese indipendente.

Il Presidente Biden ha dichiarato ai giornalisti che Schumer ha “fatto un buon discorso” e “ha espresso una seria preoccupazione condivisa non solo da lui, ma da molti americani”. I repubblicani, tra cui il leader della minoranza del Senato Mitch McConnell (R., Ky.), lo hanno criticato in quanto dannoso per uno stretto alleato.

I commenti giungono mentre il Congresso sta cercando di trovare un percorso per un pacchetto di aiuti all’estero da 95 miliardi di dollari che include assistenza per l’Ucraina e Israele.

John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha dichiarato domenica che Biden ritiene che la questione di se e quando ci debbano essere nuove elezioni sia “di competenza del popolo israeliano e del governo israeliano”.

Kirby, intervenendo su Fox News, ha dichiarato che l’amministrazione continua a nutrire preoccupazioni per alcune operazioni militari a Gaza, tra cui una possibile invasione da parte delle forze israeliane della regione meridionale di Rafah a Gaza, e che Israele deve fare di più per ridurre il numero di vittime civili.

“Non sosterremo, non possiamo sostenere, un’operazione a Rafah che non abbia un piano eseguibile, verificabile e realizzabile per prendersi cura di 1,5 milioni di persone che stanno cercando di trovare rifugio a Rafah”, ha detto Kirby, aggiungendo che i piani di Israele per fornire una via di fuga ai civili finora non sono stati credibili.

Netanyahu ha promesso di respingere qualsiasi pressione su Israele per allentare il suo obiettivo di sradicare Hamas, il gruppo terroristico designato dagli Stati Uniti i cui attacchi contro Israele il 7 ottobre hanno scatenato la guerra.

Domenica ha dichiarato che Israele sta aumentando la fornitura di camion di cibo autorizzati ad entrare a Gaza, ma che il problema che impedisce agli aiuti di raggiungere i civili è il saccheggio dei camion da parte di Hamas. Domenica Kirby ha detto che l’amministrazione “non ha visto prove che Hamas abbia rubato gran parte dell’assistenza umanitaria”.

Secondo i funzionari israeliani, Rafah, l’ultimo importante bastione di Hamas, è essenziale per distruggere il gruppo terrorista. Hamas ha ancora quattro battaglioni dislocati lì. Venerdì Netanyahu ha approvato i piani per un’offensiva dopo una riunione del gabinetto di guerra.

Netanyahu ha continuato a mostrarsi sfiduciato di fronte alle crescenti critiche statunitensi e internazionali al suo impegno bellico. Durante l’intervista alla CNN, Netanyahu ha affermato che le richieste di nuove elezioni servono solo a distrarre dalla risoluzione del conflitto.

“L’unico governo che dovremmo far cadere ora è la tirannia terroristica di Gaza”, ha dichiarato.