Missili taurus tedeschi, il no di Olaf Scholz

Prima è stato il presidente francese, Emmanuel Macron, a far arrabbiare i suoi alleati della NATO suggerendo che presto l’Occidente potrebbe essere costretto a inviare truppe in Ucraina, con il rischio di un confronto diretto con le forze russe che il resto dell’alleanza ha a lungo rifiutato.

Poi il cancelliere tedesco Olaf Scholz è intervenuto esponendo nuove divisioni. Cercando di giustificare il motivo per cui la Germania stava trattenendo il suo missile più potente, il Taurus, dalle mani dell’Ucraina, ha lasciato intendere che la Gran Bretagna, la Francia e gli Stati Uniti potrebbero segretamente aiutare l’Ucraina a puntare ad armi simili, un passo che, secondo lui, la Germania semplicemente non poteva fare. Sebbene né la Gran Bretagna né la Francia abbiano commentato ufficialmente – non parlano quasi mai di come vengono impiegate le loro armi – Scholz è stato immediatamente accusato da ex funzionari di aver rivelato segreti di guerra.

“Il comportamento di Scholz ha dimostrato che, per quanto riguarda la sicurezza dell’Europa, è l’uomo sbagliato nel posto sbagliato al momento sbagliato”, ha dichiarato Ben Wallace, ex ministro della Difesa britannico, al quotidiano londinese The Evening Standard. Tobias Ellwood, un conservatore che in passato ha presieduto una commissione chiave per la difesa alla Camera dei Comuni, è stato ampiamente citato dalla stampa britannica definendo la dichiarazione “un palese abuso di intelligence“.

In una settimana in cui Vladimir Putin ha minacciato un’escalation nucleare se le truppe della NATO fossero entrate nel conflitto, le tensioni tra gli alleati occidentali hanno sottolineato come essi stiano lottando per mantenere l’unità in un momento di apparente stallo della guerra e di flessione del sostegno, soprattutto a Washington.

Per la NATO la sfida è ora quella di trovare una combinazione di nuovi armamenti e sostegno finanziario senza provocare un confronto diretto con Putin, senza mai sapere con precisione dove sia il limite. È un ballo particolarmente difficile per Scholz.

La Germania ha fornito più armi e promesso più aiuti all’Ucraina di qualsiasi altra nazione, a parte gli Stati Uniti, ma Scholz ha posto un limite al Taurus, i cui poteri, teme, potrebbero provocare particolarmente Putin.

I problemi di Scholz si sono aggravati nel fine settimana, quando i media statali russi hanno pubblicato una conversazione telefonica di 38 minuti intercettata tra il capo delle forze aeree tedesche e altri ufficiali, svelando che esistevano piani di emergenza nel caso in cui Scholz avesse cambiato idea e deciso di inviare il sistema Taurus. La fuga di notizie è stata ampiamente interpretata a Berlino come un’operazione russa volta a fomentare l’opposizione a concedere maggiori aiuti all’Ucraina.

Ha fatto scattare le indagini a Berlino, perché gli alti ufficiali stavano parlando su una linea aperta, dando ai russi un modo facile per mettere in imbarazzo il leader tedesco di fronte agli alleati della NATO e al suo stesso pubblico, in un momento in cui i tedeschi esitano a farsi coinvolgere più profondamente nella guerra.

Le forze armate tedesche hanno confermato l’autenticità dell’audio, ma non hanno commentato il suo contenuto, compresa una discussione sulla necessità di un coinvolgimento tedesco nella gestione del sistema se questo fosse consegnato all’Ucraina.

Al massimo, la Germania sembra avere a disposizione circa 100 missili Taurus, che hanno una gittata maggiore rispetto al Sistema Missilistico Tattico dell’Esercito fornito dagli Stati Uniti, ai missili britannici Storm Shadow o a quelli francesi SCALP.

Il Parlamento europeo ha citato il sistema Taurus tra i vari sistemi di cui l’Ucraina ha bisogno in una risoluzione non vincolante che invita tutti i Paesi membri a fornire più armi. Ma è tutt’altro che chiaro che anche se la Germania fornisse missili Taurus all’Ucraina, come sollecitato dal Presidente Volodymyr Zelensky, ciò farebbe una differenza decisiva nel conflitto.

La decisione della Germania di inviare carri armati Leopard l’anno scorso non ha permesso all’Ucraina di organizzare una controffensiva di successo, e ci sono dubbi sul fatto che i caccia F-16, che stanno per essere consegnati a Kiev, possano dare una svolta alla guerra.

Ciò di cui l’Ucraina ha più bisogno, dicono i funzionari americani, sono proiettili di artiglieria vecchio stile per respingere le avanzate territoriali russe e difese aeree contro gli attacchi di missili e droni.

Il motivo per non dare all’Ucraina il Taurus è semplice, ha detto Scholz agli elettori durante un evento cittadino a Dresda giovedì. Mentre la Germania fornirà 30 miliardi di dollari in armi a Kiev nei prossimi anni, il Taurus può colpire a una distanza di 500 chilometri, o 310 miglia.

Questo metterebbe a rischio Mosca, e il Presidente ha chiarito di non confidare che le forze ucraine possano trattenersi dal portare la guerra in casa del Cremlino. Né la Germania potrebbe essere vista come un bersaglio diretto della Russia senza rischiare un confronto diretto con Mosca.

Scholz ha fatto notare che la Germania ha dato e promesso più armi di quasi tutti gli altri Paesi del mondo, il che le dà “il diritto di dire spesso sì, ma anche – a volte – ‘non questa volta’”.

Ma ciò che lo ha messo maggiormente nei guai è stata la sua descrizione di come i sistemi missilistici avanzati non potessero essere semplicemente consegnati all’Ucraina; egli ha suggerito che le forze della NATO dovevano occuparsi del puntamento dei complessi armamenti.

“Ciò che viene fatto da britannici e francesi in termini di controllo e accompagnamento degli obiettivi non può essere fatto in Germania”, ha detto, dichiarando che gli alleati della NATO avevano il controllo diretto dei sistemi d’arma che avevano fornito. “Quello che fanno altri Paesi, che hanno altre tradizioni e altre istituzioni costituzionali, è qualcosa che noi non possiamo fare allo stesso modo”.

Ha detto che una cosa è dare le armi all’Ucraina e un’altra è che la Germania le punti contro gli obiettivi. “Non dobbiamo essere collegati in nessun punto e in nessun luogo a obiettivi militari”.

Ma poi sono arrivati i nastri, che includevano il generale Ingo Gerhartz, il più alto ufficiale delle forze aeree del Paese. La conversazione intercettata del generale Gerhartz ha registrato lui e altri ufficiali mentre si preparavano per un briefing riservato che avrebbero dovuto tenere.

Descriveva in dettaglio come i soldati tedeschi sarebbero stati necessari per il targeting, soprattutto contro obiettivi difficili da colpire come il ponte di Kerch, che collega la Crimea all’Ucraina.

Gli ufficiali hanno discusso del fatto che la Germania sarebbe stata in grado di inviare solo un massimo di 100 missili, il che significa che ogni colpo avrebbe dovuto contare.

Hanno anche discusso su come aiutare a programmare il Taurus in modo da evitare di collegare la Germania al bersaglio e senza essere costretti a inviare soldati tedeschi in Ucraina. Un’opzione, hanno suggerito, era quella di lavorare in silenzio attraverso il produttore dell’arma, o trasportando i dati del bersaglio in Ucraina via terra.

“Nel peggiore dei casi, potrei anche dover fare avanti e indietro in macchina”, ha detto un ufficiale.

Domenica, Roderich Kiesewetter, membro del potente comitato parlamentare per l’intelligence, ha dichiarato che un “ascoltatore non autorizzato” si è apparentemente inserito nella conversazione e non è stato notato dagli ufficiali.

Domenica pomeriggio, Boris Pistorius, ministro della Difesa tedesco, ha definito la fuga di notizie come un “attacco ibrido russo per la disinformazione” e ha invitato a reagire con lucidità. “Si tratta di minare la nostra unità”, ha dichiarato ai giornalisti.

Durante l’incontro, i tedeschi hanno chiarito che avrebbero preferito che il loro governo spendesse di più in patria e meno per l’Ucraina.

La sessione è iniziata con un uomo che ha chiesto al cancelliere perché avesse scelto “la spada al posto dell’anima”, intendendo la fornitura di aiuti militari all’Ucraina piuttosto che i negoziati con la Russia.

Quando Scholz ha risposto che nessun soldato tedesco o della NATO sarebbe stato dispiegato in Ucraina, ha ricevuto un’ovazione.

Il tema del sostegno militare è diventato più che mai spinoso, soprattutto nell’ex Germania dell’Est – compresa Dresda – dove molti dicono ai sondaggisti di essere contrari a schierarsi contro la Russia. Mentre i membri della traballante coalizione tripartitica di Scholz e l’opposizione conservatrice di Berlino hanno spinto il cancelliere a fornire armi sempre più sofisticate, gli elettori comuni non sono altrettanto sicuri.

A Dresda, Scholz ha ascoltato le lamentele sul milione di ucraini giunti in Germania per sfuggire alla guerra, anche se il governo afferma che molti sono tornati. Altri critici della sua politica, in un’argomentazione che ricalca la posizione assunta da molti repubblicani al Congresso americano, sostengono che il denaro dovrebbe essere speso per le necessità interne.

“Se vogliamo finanziare le armi per l’Ucraina”, ha detto Daniel Ascher, “dovremmo anche investire nei nostri servizi di emergenza, perché se il peggio dovesse accadere” con la Russia, “ne avremo bisogno”.