nuovo accordo sugli ostaggi in mano di hamas

Nel giorno più brutto per Israele dall’inizio della guerra con la perdita di 21 soldati, emerge la notizia che Gerusalemme avrebbe offerto una pausa dei combattimenti di due mesi in cambio del rilascio di tutti gli ostaggi. Tuttavia, ha rifiutato di accettare la richiesta di Hamas di porre completamente fine alla guerra.

La proposta di accordo in più fasi è passata attraverso i mediatori del Qatar e dell’Egitto, secondo quanto riferito da fonti israeliane. La proposta era stata approvata dal gabinetto di guerra israeliano 10 giorni fa e i parametri della nuova proposta sono diversi e più orientati al futuro rispetto alle precedenti proposte israeliane, che erano state respinte da Hamas.

Secondo la proposta, tutti gli ostaggi vivi saranno restituiti. Anche i corpi degli ostaggi morti saranno rilasciati in diverse fasi. La prima fase prevede il rilascio di donne, uomini di età superiore ai 60 anni e ostaggi in condizioni mediche critiche.

Le fasi successive includeranno il rilascio delle donne soldato, degli uomini sotto i 60 anni che non sono soldati, dei soldati israeliani maschi e dei corpi degli ostaggi. L’accordo prevede anche che Israele e Hamas si accordino in anticipo sul numero di prigionieri palestinesi da rilasciare per ogni ostaggio israeliano in ciascuna categoria.

Dall’altro lato, Israele ridistribuirebbe le proprie truppe in modo che alcune vengano spostate fuori dai principali centri abitati dell’enclave. Ciò consentirebbe un graduale ritorno dei civili palestinesi a Gaza City e nella Striscia di Gaza settentrionale.

Tuttavia, i funzionari israeliani hanno affermato che la proposta chiarisce che Israele non accetterà di porre fine alla guerra e non accetterà di rilasciare tutti i 6.000 prigionieri palestinesi dalle carceri israeliane. Tuttavia, sono pronti a rilasciare un numero significativo di prigionieri palestinesi se Hamas accetta l’offerta.

Nel frattempo, come detto, le Forze di Difesa israeliane hanno subito la più grande perdita di vite umane dall’inizio della guerra, dopo che lunedì 21 soldati sono morti durante i combattimenti nel sud di Gaza. 

In una dichiarazione televisiva di martedì, il portavoce delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), il contrammiraglio Daniel Hagari, ha dichiarato che due edifici sono crollati sui soldati dopo essere stati colpiti da un RPG durante un’operazione militare.