Per cambiare i talebani occorre parlare con i talebani

Trascorsi questi due anni, i talebani continuano a violare sistematicamente i diritti umani in generale e i diritti delle varie minoranze in particolare. Tuttavia isolarli non è la soluzione e un modo di cambiare le cose ci potrebbe essere
31 Gennaio 2024
diritti delle donne in Afghanistan dominato dai talebani

Dopo questi due anni, i Talebani continuano a violare sistematicamente i diritti umani in generale e quelli di varie minoranze in particolare. In generale, le aspettative di un’evoluzione dell’organizzazione verso una struttura più tollerante e modernista sono fallite. Queste conclusioni sono state espresse dagli esperti delle Nazioni Unite nella loro dichiarazione sulla situazione in Afghanistan, basata sull’analisi dello stato attuale dei Talebani.

Secondo gli esperti delle Nazioni Unite, il divario tra le promesse delle autorità afghane de facto e le loro pratiche si è ampliato; quindi le speranze che la politica dei Talebani cambiasse in meglio si sono rivelate vane.

“Due anni fa, i Talebani hanno preso il potere in Afghanistan e da allora le politiche che impongono alla popolazione afghana hanno portato a costanti, sistematiche e scioccanti violazioni dei diritti umani in molti modi, tra cui il diritto all’istruzione, al lavoro, alla libertà di parola, di associazione e di riunione”, si legge nella dichiarazione.

Gli esperti sono preoccupati per il costante flusso di rapporti affidabili su atti impropri come le esecuzioni senza un regolare processo di legge, le sparizioni forzate, la pratica diffusa dell’incarcerazione irragionevole, le torture, i maltrattamenti e l’espulsione illegale dalle case.

Gli autori della dichiarazione notano che le persone che soffrono di più sono le donne e le ragazze, le minoranze etniche, religiose e di altro tipo, le persone con disabilità, gli sfollati, gli LGBTQ+, i difensori dei diritti umani e altri rappresentanti della società civile, tra cui giornalisti, artisti, insegnanti ed ex funzionari del governo e della sicurezza.

Nonostante le assicurazioni delle autorità talebane che qualsiasi restrizione, soprattutto nell’accesso all’istruzione, sarebbe stata solo una misura temporanea, i fatti “indicano che il sistema di segregazione, emarginazione e persecuzione acquista ritmo e diventa sistematico e onnipresente”.

Nel dicembre 2022, le autorità de facto talebane hanno vietato alle donne di lavorare nelle organizzazioni non governative e, nell’aprile di quest’anno, anche all’ONU. Ora si apprende che in diverse province le autorità hanno dato istruzioni alle scuole di negare l’accesso allo studio alle ragazze di età superiore ai 10 anni, mentre in precedenza il divieto riguardava le ragazze più grandi, dopo il sesto anno di scuola. “Molte donne e uomini afghani, tra cui molti leader di comunità e insegnanti, hanno espresso il loro profondo disappunto per la situazione, in quanto d’ora in poi le ragazze e le donne non potranno più continuare la loro istruzione”, sottolineano gli esperti.

Secondo gli esperti, “l’economia sempre più debole, la siccità e altri shock climatici hanno messo ancora più a rischio i diritti sociali, economici e culturali degli afghani e hanno esacerbato la necessità di assistenza umanitaria”.

Secondo le stime, 16 milioni di bambini in Afghanistan non ricevono l’alimentazione di base e le cure mediche necessarie per il loro benessere e il loro giusto sviluppo. La recessione economica genera pratiche dannose e violente come il matrimonio forzato di ragazze e persino di bambini, gli abusi, lo sfruttamento economico e sessuale, la vendita di bambini, la vendita di organi, il lavoro forzato e in particolare il lavoro minorile, il traffico di esseri umani e la migrazione non sicura.

Gli esperti delle Nazioni Unite esortano le autorità afghane a cambiare immediatamente la loro politica sui diritti delle donne e delle bambine e, in particolare, a consentire alle donne di lavorare e gestire attività commerciali, a garantire ai residenti afghani libertà di movimento e di partecipazione alla vita politica e pubblica e a riaprire immediatamente – per le bambine e le donne – le scuole a tutti i livelli e le università.

Queste conclusioni sono corrette ma non sufficienti; non riflettono appieno le complesse dinamiche della vita sociale e politica afghana. Inoltre, conclusioni così forti, fatte nel modo del “tutto o niente”, lasciano poche possibilità di influenzare la situazione dall’esterno, tuttavia l’ONU, la più grande organizzazione internazionale progettata per risolvere i conflitti e le crisi mondiali, dovrebbe svolgere un ruolo più tangibile nella soluzione del problema afghano e nel sostegno umanitario ai cittadini afghani.

Naturalmente, i Talebani reagiranno in modo estremamente negativo a questa affermazione e trarranno le loro conclusioni che non faranno altro che peggiorare la situazione per i cittadini e le società afghane. Credo che le Nazioni Unite, come altri importanti mediatori globali, dovrebbero utilizzare metodi e meccanismi più sottili per lavorare con i Talebani.

In effetti, purtroppo, la violenza ha sempre accompagnato la storia afghana. I fenomeni di cui scrivono e parlano gli esperti delle Nazioni Unite non sono una novità o un’innovazione dei Talebani.

Certo, lo stato delle cose va affrontato e va svolto un lavoro sistematico per ridurre al minimo ed eliminare ulteriormente queste pratiche orribili. Ma i Talebani sono la realtà politica e sociale dell’Afghanistan moderno. Non si può fare nulla al riguardo. Pertanto, i contatti con i Talebani dovrebbero essere costruiti in modo più sottile e a più livelli.

Un dialogo appropriato e, forse, un po’ di pressione dovrebbero essere esercitati sugli sponsor delle fazioni più radicali dei Talebani, in particolare sui militari conservatori pakistani. Inoltre, le organizzazioni internazionali, comprese le Nazioni Unite, dovrebbero condurre un dialogo confidenziale con i Talebani utilizzando spiegazioni e argomentazioni.

Questo movimento radicale desiderava ardentemente arrivare al potere e, ovviamente, ora vuole mantenerlo. Di conseguenza, l’assistenza umanitaria internazionale, la revoca delle sanzioni, il riconoscimento diplomatico e lo sblocco dei fondi sovrani afghani sono favorevoli ai Talebani.

Oggi i Talebani rimangono un movimento estremamente conservatore, radicale e fondamentalista, che ha sostituito di fatto l’intero apparato statale del Paese. Molte delle pratiche dei Talebani sono inaccettabili e inimmaginabili per una persona moderna. Tuttavia, oggi l’Afghanistan è talebano. Tra i leader talebani ci sono elementi abbastanza razionali, che cercano un dialogo con il mondo esterno. Se si negano e si ignorano le loro opinioni, si colpirà ancora più duramente la popolazione afghana.

Di Georgi Asatryan, professore associato, Università statale di Mosca Lomonosov e Università russa di economia Plekhanov

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

codardia di Biden con l'Iran
Previous Story

La codardia di Biden con l’Iran è imbarazzante

dottrina Biden per il Medio Oriente
Next Story

La nuova dottrina Biden per il Medio Oriente

Latest from Opinioni

Go toTop