Putin accusa l’occidente per la rivolta della Wagner. “Vogliono che ci uccidiamo tra di noi”

Un discorso che, se possibile, dimostra ancora di più la debolezza del dittatore russo

By redazione

Il Presidente russo Vladimir Putin ha accusato l’Ucraina e i suoi alleati occidentali di volere che i russi si “uccidano a vicenda” e di tifare per questo durante la rivolta dei mercenari del gruppo Wagner, che hanno stupito il Paese con una marcia su Mosca interrotta quando erano a soli 200 Km dalla capitale russa.

Nel suo primo discorso alla nazione da quando i ribelli si sono ritirati, Putin ha detto di aver emanato ordini per evitare spargimenti di sangue e di aver concesso l’amnistia ai combattenti del gruppo Wagner, il cui ammutinamento ha rappresentato la più grande sfida al suo governo durato ormai due decenni.

“Fin dall’inizio degli eventi, su mio ordine sono state prese misure per evitare spargimenti di sangue su larga scala”, ha detto Putin in un discorso televisivo, ringraziando i russi per il loro “patriottismo”.

“Era proprio questo fratricidio che i nemici della Russia volevano: sia i neonazisti di Kiev che i loro patroni occidentali, e ogni sorta di traditori nazionali. Volevano che i soldati russi si uccidessero a vicenda”, ha detto Putin.

Putin ha anche ringraziato i suoi funzionari della sicurezza per il lavoro svolto durante la ribellione armata, in un incontro che comprendeva anche il Ministro della Difesa Sergei Shoigu, uno dei principali bersagli dell’ammutinamento.

“La solidarietà dei civili ha dimostrato che qualsiasi ricatto, qualsiasi tentativo di organizzare disordini interni è destinato a fallire”, ha dichiarato Putin.

Ha aggiunto che i combattenti Wagner possono scegliere se unirsi all’esercito russo o partire per la Bielorussia, o addirittura tornare alle loro case.

Oggi avete la possibilità di continuare a servire la Russia stipulando un contratto con il Ministero della Difesa o con altre forze dell’ordine, oppure di tornare dalla vostra famiglia e dai vostri cari…”. Chi vuole può andare in Bielorussia”, ha detto Putin nel suo discorso.

Il capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin, aveva in precedenza difeso il suo ammutinamento come un tentativo di salvare il suo gruppo di mercenari e di esporre i fallimenti della leadership militare russa, ma non di sfidare il Cremlino.

Il primo messaggio audio del Signore della Guerra dopo il ritiro delle sue truppe da Mosca è stato pubblicato mentre i funzionari russi cercavano di presentare al pubblico il ritorno agli affari di sempre.

Un “affare interno russo

A Washington, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha dichiarato che i funzionari stavano monitorando “molto da vicino” i disordini in Russia, per di più dotata di un enorme arsenale di armi nucleari.

“Abbiamo avuto e siamo stati in grado di avere in tempo reale – attraverso i canali diplomatici – conversazioni con i funzionari russi sulle nostre preoccupazioni”, ha dichiarato.

Il Dipartimento di Stato ha dichiarato che l’ambasciatore Lynne Tracy a Mosca ha contattato i funzionari russi “per ribadire ciò che abbiamo detto pubblicamente – che si tratta di un affare interno russo in cui gli Stati Uniti non sono coinvolti e non lo saranno”.

I combattimenti sono proseguiti in Ucraina, dove le forze di Kiev hanno riportato nuove vittorie nella loro battaglia per cacciare le truppe russe dall’est e dal sud del Paese, ma nella capitale russa le autorità hanno sospeso il loro regime di sicurezza rafforzato.

Prigozhin, che non ha rivelato da dove stava parlando, ha detto in un messaggio audio online che la sua rivolta era volta a impedire lo smantellamento della sua forza Wagner e si è vantato del fatto che la facilità con cui è avanzata su Mosca evidenzia “seri problemi di sicurezza”.