Riforma giudiziaria in Israele: si dilata il divario tra Biden e Netanyahu

21 Luglio 2023
Isaac Herzog parla al congresso americano

Di Lazar Berman – Il compito del presidente Isaac Herzog a Washington era tanto semplice quanto delicato. Con l’emergere di due pericolose spaccature – tra il leader statunitense Joe Biden e il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, e tra i sostenitori del governo e dell’opposizione in Israele – la visita di Herzog ha offerto un’opportunità tempestiva per creare ponti attraverso gli abissi.

Inizialmente, sembrava che Herzog fosse riuscito a evitare che Washington e Gerusalemme si allontanassero ulteriormente.

Qualche ora prima che Herzog partisse da Israele per Washington – un invito che Netanyahu aspettava da quando è tornato in carica – Biden ha parlato al telefono con il primo ministro, in quello che è sembrato un chiaro tentativo di ridurre la portata dell’affronto. Ha invitato Netanyahu a un incontro, anche se non è ancora chiaro se avrà luogo alla Casa Bianca.

Il cambio di tono di Biden è stato ancora più evidente nell’incontro di martedì con Herzog.

Dopo che negli ultimi mesi la sua amministrazione è intervenuta più volte per mettere in guardia il governo di Netanyahu dall’avanzare la versione originale della sua revisione giudiziaria e dall’adottare solo riforme che godano di un consenso, Biden non ha assolutamente menzionato la questione durante i suoi commenti di fronte alla stampa.

Non ha ricordato a Israele che i legami bilaterali sono radicati nei valori democratici, il suo non tanto sottile avvertimento sui potenziali effetti della riforma giudiziaria è passato con successo, e ha evitato altre potenziali aree di attrito, tra cui gli insediamenti, la soluzione dei due Stati e i partner di estrema destra della coalizione di Netanyahu.

Biden ha invece parlato a Herzog del suo amore per Israele, definendolo “radicato e duraturo”.

“Questa è un’amicizia che credo sia semplicemente indissolubile, inattaccabile, e insieme stiamo lavorando per portare maggiore integrazione e stabilità in Medio Oriente”, ha detto.

Un messaggio attraverso Friedman

Ma non ci è voluto molto prima che diventasse dolorosamente evidente quanto ampi fossero i divari tra i governi e che la visita di Herzog, in gran parte simbolica, non sarebbe bastata a riavvicinarli.

La dichiarazione della Casa Bianca sull’incontro di martedì è tornata al linguaggio sottilmente critico che l’amministrazione ha usato da quando Netanyahu è tornato al potere.

Il comunicato ha inoltre affermato che i leader “hanno discusso della necessità di un approccio basato sul consenso per il pacchetto di riforme giudiziarie”, cosa ben diversa dalla situazione emergente, in cui la coalizione è pronta ad approvare modifiche unilaterali, nonostante le proteste sempre più disperate dell’opposizione.

Il comunicato afferma che Biden ha parlato di un’altra area di disaccordo in corso, uno Stato palestinese.

“Il Presidente Biden ha ribadito il suo impegno a mantenere un percorso per una soluzione negoziata a due Stati per il conflitto israelo-palestinese, la strada migliore per una pace duratura e giusta, e per fornire a israeliani e palestinesi uguali misure di libertà, prosperità e sicurezza”, si legge nel comunicato statunitense.

Il Segretario di Stato Antony Blinken, che in occasione della sua visita in Israele nel mese di febbraio ha ripetutamente parlato dei valori democratici ai leader israeliani, è tornato sugli stessi temi prima del suo incontro con Herzog.

“Abbiamo un rapporto unico, fondato sul nostro impegno per la sicurezza di Israele, ma anche sui valori democratici”, ha dichiarato Blinken.

Ha inoltre affermato che il mancato raggiungimento di una soluzione con i palestinesi minerebbe lo status di democrazia di Israele. Una soluzione a due Stati, ha detto, “è essenziale per la sicurezza a lungo termine di Israele e per il suo status di Stato democratico ed ebraico”.

Ma la cosa più preoccupante per il futuro delle relazioni è stata l’intervista che Biden ha rilasciato all’editorialista del New York Times Thomas Friedman poche ore dopo il caloroso incontro con Herzog. L’intervista – alla quale Biden ha dedicato più tempo di quanto ne abbia dedicato a Herzog – aveva lo scopo di rendere perfettamente chiaro che il Presidente degli Stati Uniti non era affatto rassicurato.

Biden, che non ha avvertito Herzog che stava per creare titoli di giornale che avrebbero oscurato il loro amichevole incontro, ha detto a Friedman di aver espresso a Herzog le sue preoccupazioni sulla revisione giudiziaria.

Secondo Friedman, Biden ha voluto esprimere che se le proposte di revisione giudiziaria venissero approvate, “si romperebbe uno dei legami più importanti tra gli Stati Uniti e Israele, i nostri valori condivisi intorno al processo decisionale democratico e a un sistema giudiziario indipendente”.

Per fugare ulteriormente ogni dubbio, la Casa Bianca ha ribadito che il pezzo di Friedman “citava direttamente il presidente” e che i “commenti di Biden nell’articolo valgono da soli”. Mercoledì, lo stesso giorno in cui Herzog si è rivolto al Congresso -.

E giovedì, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby è andato al telegiornale israeliano per sottolineare ancora una volta che il pezzo di Friedman è un “riflesso accurato” della conversazione con Biden.

La signora protesta troppo

L’altro evento di spicco del viaggio di Herzog è stato il suo discorso a una sessione congiunta del Congresso. Il discorso è stato, per molti versi, un classico di Herzog. È stato un mix di storia familiare, insegnamenti ebraici, riferimenti biblici e, infine, una visione del futuro di Israele come nazione che contribuisce al benessere dell’umanità.

Ha inoltre cercato di presentare Israele non come un partner minore che dipende dagli Stati Uniti per la sua sopravvivenza, ma come un alleato a pieno titolo e con pari diritti che deve affrontare le stesse sfide.

“È chiaro che l’America è insostituibile per Israele”, ha detto, “e Israele è insostituibile per l’America. È tempo di progettare la prossima fase della nostra amicizia in evoluzione e della nostra crescente partnership”.

Essere potenti è come essere una signora. Se devi dire alla gente che lo sei, non lo sei.

Margaret Thatcher

Ma quando un leader mondiale deve ripetere più volte che il suo Paese è una democrazia liberale, dà l’impressione che ci sia motivo di dubitare di questa affermazione.

“Essere potenti è come essere una signora”, ha detto il primo ministro britannico Margaret Thatcher. “Se devi dire alla gente che lo sei, non lo sei”.

I leader della maggior parte delle democrazie occidentali non hanno bisogno di andare in giro a lodare le loro elezioni libere ed eque e i diritti delle minoranze. Quando il leader di Israele lo fa, anche se la folla bipartisan si è alzata in piedi e ha applaudito, è segno che c’è qualcosa che non va.

Non è chiaro quanto il messaggio di Biden sia arrivato a Netanyahu o ai suoi partner, ma Herzog, che ha spinto i colloqui di compromesso sulla legge di revisione, ha fatto eco ai commenti di Biden sulle lotte interne di Israele, osservando che la vibrante democrazia israeliana è “salvaguardata dalla sua forte Corte Suprema e da un sistema giudiziario indipendente“, in quello che è sembrato un chiaro rimprovero al piano del governo, che ridurrebbe l’indipendenza della Corte.

Il Presidente avrà molto di cui essere orgoglioso durante il suo viaggio. Non c’è molto che unisca i partiti negli Stati Uniti, e vedere centinaia di legislatori che si alzano da entrambi i lati del corridoio è un’importante affermazione dell’ampiezza del sostegno a Israele.

“Mi sono presentato davanti a molti parlamenti”, ha detto giovedì, “ma è stato estremamente emozionante vedere l’entusiasmo che c’era”.

La sua amicizia personale con Biden e con il vicepresidente Kamala Harris è evidente. Ha incontrato i membri del Congressional Black Caucus, che rappresentano una comunità con la quale Israele ha avuto difficoltà a trovare un terreno comune.

“Una cosa è stata molto chiara”, ha detto Herzog ai giornalisti a New York giovedì. “C’è amore per Israele in entrambi gli schieramenti, nonostante l’impressione che si ha in Israele che sia una causa persa”.

Ma quando sabato sera tornerà in Israele, Herzog si troverà di nuovo in un vortice politico che diventa sempre più pericoloso, in quanto lacera i legami che uniscono la società israeliana. Giustificata o meno, questa battaglia impedisce al Presidente degli Stati Uniti e al Primo Ministro di Israele di concentrarsi sulla minaccia iraniana e di costruire sugli Accordi di Abraham.

Da sempre ottimista, Herzog continuerà ad abbassare la testa e a spingere le parti a trovare un accordo sulla riforma giudiziaria. Ed è rimasto ottimista sul futuro dei legami tra Stati Uniti e Israele. Ma potrebbe essere necessario qualcosa di più di un’esultanza positiva e di incontri simbolici per cambiare una realtà che diventa sempre più problematica ogni settimana che passa.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
riforma giudiziaria in israele
Previous Story

Netanyahu sta portando Israele verso l’autodistruzione

Next Story

Israele: centinaia di piloti si rifiutano di volare. Furia di Netanyahu

Latest from Medio Oriente

Go toTop