Roger Waters indagato in Germania per istigazione all’antisemitismo

27 Maggio 2023

La polizia tedesca ha avviato un’indagine penale su Roger Waters dopo che, all’inizio del mese, si era vestito da nazista durante un concerto a Berlino.

La polizia di Berlino sta indagando sul co-fondatore dei Pink Floyd per istigazione al nazismo e all’antisemitismo.

“Il contesto dell’abbigliamento indossato è ritenuto in grado di approvare, glorificare o giustificare il dominio violento e arbitrario del regime nazista in un modo che viola la dignità delle vittime e quindi disturba la pace pubblica”, ha dichiarato l’ispettore capo della polizia Martin Halweg.

La Germania ha leggi severe contro l’incitamento all’odio razziale come reazione al passato nazista del Paese.

Waters a volte indossa un’uniforme che ricorda le SS, con una lunga giacca nera, guanti neri e una fascia rossa al braccio, e durante gli spettacoli spara simbolicamente un colpo di pistola sulla folla. Secondo quanto riferito, lo ha fatto durante un concerto del 17 maggio a Berlino.

Waters, leader del movimento di boicottaggio di Israele, ha anche suscitato indignazione proiettando il nome di Anna Frank in occasione di recenti concerti per fare paragoni tra Israele e la Germania nazista. Tali paragoni sono considerati antisemiti secondo la definizione di antisemitismo dell’IHRA.

Durante il suo attuale tour, attraverso proiezioni sullo schermo, Waters ha accostato Anna Frank alla giornalista palestinese di Al Jazeera Shireen Abu Akleh morta accidentalmente l’anno scorso durante uno scontro a fuoco in Cisgiordania.

Waters ha anche apposto una stella di Davide sul fianco di un maiale gonfiabile durante gli ultimi spettacoli.

Waters si è recentemente esibito in concerti a Berlino e Monaco di Baviera e domenica è previsto che si esibisca a Francoforte.

La comunità ebraica di Francoforte ha organizzato una protesta contro l’esibizione.

L’amministrazione comunale di Francoforte e il sindaco di Monaco hanno tentato senza successo di impedire a Waters di esibirsi nelle loro città.

La città di Francoforte aveva definito Waters “uno dei più accaniti antisemiti del mondo”, per le immagini e le critiche a Israele durante i suoi concerti passati.

Waters si esibirà anche in una serie di concerti nel Regno Unito a partire dalla prossima settimana. Si esibirà a Birmingham, Glasgow, Londra e Manchester.

Il Jewish Representative Council for Greater Manchester and the Region ha dichiarato in un comunicato che Waters è “sinonimo di diffusione di opinioni politiche profondamente preoccupanti che giustamente preoccupano le comunità ebraiche e non solo”.

“Permettere a Waters di esibirsi rischia di danneggiare la coesione della comunità con la possibilità di un aumento dei crimini d’odio contro gli ebrei”, ha dichiarato mercoledì il Consiglio.

Un membro del parlamento britannico, Christian Wakeford, ha chiesto all’AO Arena di Manchester di cancellare l’esibizione di Waters a causa dei suoi “vili commenti nei confronti della comunità ebraica, con le sue esibizioni utilizzate per disumanizzare gli ebrei, diffondere teorie cospirative e promuovere l’antisemitismo”.

Wakeford, membro del partito laburista, ha dichiarato che la leader della Camera dei Comuni del Regno Unito, Penny Mordaunt, era a conoscenza della questione e avrebbe informato il Ministero dell’Interno.

Il Board of Deputies of British Jews ha dichiarato giovedì che è “molto preoccupante” che Waters si esibisca nel Regno Unito, definendo i suoi concerti “raduni politici”.

Waters ha una lunga storia di commenti ignobili nei confronti della comunità ebraica, dal suo parlare di “lobby ebraica” ai suoi commenti secondo cui alcuni ebrei nel Regno Unito e in America sono responsabili delle azioni di Israele”, ha dichiarato il gruppo.

In un post di domenica su Facebook, scritto mentre si trovava a Monaco, Waters ha esaltato la sua retorica anti-Israele e ha nuovamente paragonato lo Stato ebraico alla Germania nazista.

Citando il sopravvissuto all’Olocausto e autore Eli Wiesel, Waters ha detto che i tedeschi sono stati costretti a “stare in silenzio e indifferenti” mentre Israele commetteva “omicidi istituzionalizzati”.

“Il regime tirannico e razzista è lo Stato di Israele”, ha detto Waters, paragonando il trattamento riservato dallo Stato ebraico ai palestinesi all’Olocausto.

Ha accusato la “lobby israeliana” di aver manipolato i tentativi di cancellare i suoi spettacoli. I riferimenti agli ebrei e alle lobby ebraiche che esercitano un potere sproporzionato sono considerati antisemiti, perché evocano tropi antichi e teorie cospirative sugli ebrei che controllano le leve del potere dall’ombra.

“Mi dispiace per voi che dovete vivere, o almeno convivere, con le menzogne di cui tutti noi siamo nutriti da The Powers That Be”, ha scritto ai suoi fan.

Anche l’inviata dell’amministrazione Biden per l’antisemitismo, Deborah Lipstadt, e il Congresso ebraico europeo hanno condannato Waters questa settimana. Lipstadt ha definito le esibizioni “una spregevole distorsione dell’Olocausto”.

La responsabile dell’UE per la lotta all’antisemitismo, Katharina von Schnurbein, si è detta “nauseata e disgustata” dai concerti.

“Quando è troppo è troppo. La [banalizzazione] dell’Olocausto è criminalizzata in tutta l’UE”, ha dichiarato.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Previous Story

Israele forse rinvia la legge anti-Ong per le proteste degli alleati

Next Story

Missili israeliani su obiettivi di Hezbollah vicino a Damasco, in Siria

Latest from Società e cronaca

Go toTop