artiglieria russa bombe con nitrocellulosa

Report di Ian Talley e Brett Forrest – La Russia ha incrementato le importazioni di un composto esplosivo fondamentale per la produzione di munizioni per artiglieria, anche da aziende con sede negli Stati Uniti e in altri Paesi occidentali e alleati, nonostante le sanzioni internazionali volte a soffocare la produzione bellica di Mosca.

Le importazioni russe di nitrocellulosa, un prodotto di cotone altamente infiammabile fondamentale per la produzione di polvere da sparo e propellenti per razzi, sono aumentate del 70% nel 2022, il primo anno dell’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, e a metà del 2023 ammontavano a 3.039 tonnellate di prodotto, quasi il doppio del livello del 2021.

Le aziende del settore della difesa di tutto il mondo sono alle prese con la ricerca di modi per approvvigionarsi di nitrocellulosa, in una situazione di carenza che ha fatto lievitare i prezzi e ha creato punti di strozzatura per la produzione. Solo pochi Paesi al mondo producono nitrocellulosa, poiché il suo uso primario è nelle munizioni ed è soggetto a restrizioni commerciali internazionali.

La Russia produce poca nitrocellulosa, l’ingrediente principale della polvere da sparo usata nell’artiglieria, quindi la capacità di Mosca di rifornirsi all’estero ha giocato un ruolo fondamentale nella sua guerra contro l’Ucraina.

“La nitrocellulosa che va nel propellente diventa un proiettile d’artiglieria”, ha detto Bradley Martin, veterano della Marina degli Stati Uniti da 30 anni, che ora dirige il National Security Supply Chain Institute della Rand. “La maggior parte delle morti sul campo di battaglia e molti dei danni collaterali civili sono dovuti all’artiglieria”, ha detto.

La nitrocellulosa è utilizzata anche per scopi civili in inchiostri, pitture, vernici e prodotti correlati, ma gli analisti ritengono che l’aumento delle importazioni sia destinato alle armi, dato che l’economia russa è stata riorientata per la produzione bellica.

Oleksandr Danylyuk, del Center of Defense Reforms, un think tank sulla sicurezza con sede a Kiev che ha studiato le importazioni russe di nitrocellulosa, ha affermato che a guidare le importazioni è l’esercito russo.

“Tutta questa domanda è destinata alla produzione diretta di proiettili o alla sostituzione della nitrocellulosa, originariamente prodotta dalle fabbriche russe”, ha dichiarato Danylyuk, ex consigliere del governo ucraino per la difesa e l’intelligence.

La Cina ha aumentato le forniture del composto alla Russia in seguito alle sanzioni degli Stati Uniti e dell’Unione Europea che vietano le esportazioni di qualsiasi tipo per le forze armate di Mosca. Ma anche aziende statunitensi, tedesche e taiwanesi sono tra quelle che producono la nitrocellulosa spedita in Russia negli ultimi due anni, secondo i dati commerciali.

“La Cina non vende armi alle parti coinvolte nella crisi ucraina e gestisce con prudenza l’esportazione di prodotti a doppio uso in conformità con le leggi e i regolamenti”, ha dichiarato Liu Pengyu, portavoce dell’ambasciata cinese a Washington. “La cooperazione economica e commerciale tra Cina e Russia non ha come obiettivo nessuna terza parte e deve essere libera da interruzioni o coercizioni da parte di terzi”.

Secondo i dati commerciali, una piccola azienda turca, membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, è responsabile di quasi la metà delle importazioni russe di nitrocellulosa da quando il presidente Vladimir Putin ha ordinato l’invasione dell’Ucraina.

Un importatore russo, Analytical Marketing Chemical Group, ha ricevuto quasi 700.000 dollari di nitrocellulosa da Taiwan negli ultimi due anni, secondo i dati di spedizione. Secondo il sito web dell’azienda, l’importatore è un partner abituale dell’impianto russo Kazan State Gunpowder Plant, che produce una serie di armi, secondo gli account social media dell’azienda.

Un direttore dell’Analytical Marketing Chemical Group ha dichiarato che l’azienda non fornisce polpa di cotone alle imprese del settore della difesa dal 2019 e che importa nitrocellulosa per scopi civili.

Prima dell’espansione della guerra in Ucraina nel 2022, la Turchia forniva meno dell’1% delle importazioni russe di nitrocellulosa. A metà dello scorso anno, tuttavia, un’unica azienda turca, Noy İç Ve Diş Ti̇caret, ha fornito quasi la metà delle importazioni russe del prodotto, secondo i registri doganali russi forniti dalla banca dati commerciale ImportGenius.

La maggior parte delle vendite di Noy, che ha sede a Istanbul, sono state effettuate a società russe che secondo i registri aziendali sono appaltatori registrati per il governo di Mosca.

Le prime esportazioni di nitrocellulosa di Noy verso la Russia sono state effettuate entro tre mesi dall’invasione di Putin, ed è attraverso Noy che una parte significativa della nitrocellulosa prodotta dagli alleati occidentali è arrivata in Russia.

Le filiali tedesche della International Flavors & Fragrances, con sede a New York, hanno venduto almeno 80 tonnellate di nitrocellulosa a Noy, che poi l’anno scorso ha spedito il materiale in Russia.

Un portavoce della International Flavors & Fragrances ha dichiarato che l’azienda è rimasta sorpresa nell’apprendere che le spedizioni in Russia dei suoi prodotti a base di nitrocellulosa, sospese nell’aprile del 2022, sono continuate attraverso una terza parte.

“Non ne eravamo a conoscenza e stiamo rivedendo le condizioni di questa vendita e il rapporto con questo cliente”, ha dichiarato il portavoce dell’azienda.

L’azienda ha dichiarato che il suo prodotto non ha una quantità di azoto sufficiente a renderlo di livello militare.

Michelle Pantoya, docente di ingegneria meccanica presso la Texas Tech University e direttrice del centro di ricerca Combustion Lab della scuola, ha affermato che il contenuto di azoto della nitrocellulosa per uso civile può essere aumentato fino a raggiungere il grado di armamento. Indipendentemente dal grado, “dal punto di vista chimico e termodinamico è un ingrediente eccellente per un sistema di armamento”, ha detto.

L’azienda taiwanese TNC Industrial ha prodotto più di 500 tonnellate del composto che Noy ha spedito in Russia l’anno scorso. Hagedorn-NC, che produce nitrocellulosa da oltre un secolo nelle pianure occidentali della Germania, ha prodotto una quantità simile a quella spedita da Noy in Russia negli ultimi due anni.

Hagedorn ha dichiarato di non produrre nitrocellulosa per scopi militari e che il suo prodotto viene utilizzato come legante negli inchiostri da stampa e nelle lacche per uso civile. “Tutte le esportazioni sono approvate dalle autorità competenti”, ha dichiarato l’azienda.

In risposta alle domande sulle esportazioni di nitrocellulosa, Marie Güttler, portavoce del ministero dell’Economia tedesco, ha definito le sanzioni dell’Unione Europea contro la Russia “senza precedenti e di vasta portata”.

“In base a queste restrizioni, anche l’esportazione diretta e indiretta (attraverso Stati terzi) di nitrocellulosa è vietata”, ha scritto in un comunicato. “Lo stesso vale per la cellulosa di cotone e altri prodotti di cotone che possono essere utilizzati nella produzione di esplosivi”.

Queste sanzioni sono state inasprite l’anno scorso, ha detto, e “il governo tedesco e le autorità investigative competenti seguono rigorosamente le indicazioni di violazioni delle sanzioni”.

La TNC ha dichiarato di non sapere che il suo prodotto veniva spedito in Russia attraverso Noy e di produrre nitrocellulosa con un contenuto di azoto inferiore alla soglia militare. L’azienda ha dichiarato che all’inizio del mese le autorità taiwanesi hanno verificato la conformità dell’azienda in materia di sicurezza.

“La nostra azienda continuerà a esportare nitrocellulosa di grado industriale”, ha dichiarato la TNC.

Le esportazioni verso la Russia da parte delle aziende occidentali avvengono anche nel contesto di una carenza globale di nitrocellulosa che sta rallentando la produzione di artiglieria per l’Ucraina da parte dei Paesi NATO. La Polonia, ad esempio, ha investito nel riavvio della produzione di nitrocellulosa per soddisfare la crescente domanda di artiglieria.

“I Paesi della NATO sono alla disperata ricerca di queste materie prime”, ha dichiarato Danylyuk.

Il Bureau of Industry and Security del Dipartimento del Commercio statunitense sta lavorando per limitare l’accesso della Russia a prodotti come la nitrocellulosa che possono sostenere il suo sforzo bellico, ha dichiarato Thea Rozman, assistente segretario con la supervisione del controllo delle esportazioni. Questi sforzi includono “l’identificazione di entità – ovunque si trovino – che cercano di fornire supporto”, ha detto.

Il mese scorso, il Dipartimento del Tesoro di Washington ha imposto una nuova serie di sanzioni per “continuare a stringere la morsa sui fornitori e sulle reti di Paesi terzi che forniscono alla Russia gli input di cui ha disperatamente bisogno per aumentare e sostenere la sua base militare-industriale”, ha dichiarato il Segretario del Tesoro Janet Yellen.

A dicembre, il Dipartimento del Commercio ha aggiunto la nitrocellulosa all’elenco dei prodotti controllati ad alta priorità, limitandone le esportazioni, e il Dipartimento del Tesoro ha dichiarato che avrebbe sanzionato le banche o altre istituzioni sorprese a finanziare tale commercio.

Martin, analista della Rand, ha affermato che per essere efficaci, le sanzioni devono essere applicate anche alle aziende che forniscono la nitrocellulosa.

“Le sanzioni o la minaccia di sanzioni devono arrivare a quel livello”, ha detto.