Squadrismo fascista a 5 stelle

31 Gennaio 2014

movineto-5-stelle-fascismo

Era dai tempi della marcia su Roma che non si vedevano cose simili, solo che questa volta i fascisti travestiti da grillini hanno marciato direttamente dentro il Parlamento, vere è proprie squadracce pronte a insultare, minacciare, persino sfiorare l’aggressione fisica. Chiamiamole con il proprio nome queste cose, questo è fascismo, la politica fatta bene o fatta male non c’entra nulla.

La cronaca di quanto è avvenuto ieri in Parlamento è riportata da diversi giornali (qui una breve rassegna stampa) e quindi non starò qui a riproporvela, quello che voglio fare e analizzare questo fenomeno squadrista e ragionare su come un partito politico, il Movimento 5 Stelle, che si professa democratico e si innalza a difensore del popolo italiano, sia in effetti un partito spinto da una ideologia fascista dove il dialogo democratico viene bandito e dove o si fa come vogliono loro oppure si sfascia tutto e si passa direttamente agli insulti e alle minacce.

Il Paese, almeno quella parte che ancora crede alla democrazia, non può e non deve rimanere indifferente di fronte a queste cose perché il passo dalla sceneggiata in Parlamento alla vera e propria violenza è veramente breve. A parte che la magistratura dovrebbe indagare (molto velocemente) su quanto accaduto ieri in Parlamento e ci vorrebbe qualche magistrato con le palle che inizi a far scattare indagini e provvedimenti contro questi fascisti, e poi lo stesso Parlamento dovrebbe portare all’attenzione della magistratura il fatto che il Movimento 5 Stelle ha di fatto interrotto lo svolgimento democratico dei lavori parlamentari, un fatto gravissimo mai accaduto prima se non, appunto, al tempo dei fascisti.

E il simbolo è proprio quel video che i grillini stanno elogiando in rete, quello della discussione tra Alessandro di Battista e Roberto Speranza (lo trovate qui) dove si capisce perfettamente la prepotenza fascista di vecchia memoria dei deputati del Movimento 5 Stelle. Che dire poi degli insulti sessisti alle deputate del PD o della Presidente Boldrini che, per la prima volta nella storia della Repubblica, ha dovuto chiudere a chiave lo studio della presidenza della Camera oppure del deputato del Movimento 5 Stelle, Angelo Tofolo, che in Parlamento urla boia chi molla di fascistoide memoria.

Io non so cosa ne pensino gli italiani per bene, ma la deriva fascista del Movimento 5 Stelle (per altro ampiamente prevista) sta assumendo connotati davvero preoccupanti. E secondo fonti del M5S oggi a Roma arriverà anche Grillo a dar manforte alle sue camice nere dopo che ieri c’è stato Casaleggio. Ora c’è da chiedersi fino a dove si vuol spingere il Movimento 5 Stelle dopo che si è auto-isolato da tutti e se era questo il piano originario del duo Grillo/Casaleggio.

Bianca B.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

M5S partito eversivo

Next Story

Al Qaeda minaccia Israele. Ma è veramente Al Qaeda o è l’Iran?

Latest from Senza categoria

Burkina Faso: nuovo golpe militare

A pochi giorni dalle elezioni che avrebbero dovuto portare alla democrazia in Burkina Faso, previste per il prossimo 11 ottobre, i militari hanno deposto
Go toTop