Stare con le donne iraniane… di Carlotta Or Diamanti

Si, decisamente sono a fianco delle donne Iraniane, decisamente sono a fianco del popolo Iraniano che vuole vivere in una vera democrazia.

Quanto sta accadendo in Iran è la rappresentazione palese di una dittatura nata il 1 aprile 1979, la cosiddetta Repubblica Islamica , praticamente un regime teocratico sciita.

Un regime dove non c’è rispetto dei diritti umani;

Un regime dove non vi è libertà di religione;

Un regime che uccide minorenni;

Un regime responsabile e finanziatore di organizzazioni terroristiche, basta citare Hezbollah e altri gruppi sciiti;

Un regime che non riconosce l’Olocausto;

Un regime che disprezza le donne relegandole al solo compito di soddisfare l’uomo.

Non mi meravigliano le affermazioni dell’ayatollah Seyyed Ali Khamenei leader supremo della Repubblica Islamica, quando sottolinea che in “occidente le donne sono sottoposte alla schiavitù e accusandolo di presentarsi come portabandiera dei diritti delle donne“

Ali Khamenei è un vero personaggio ridicolo cosi come quando dice che le “donne senza il velo integrale dovrebbero essere corrette e i loro doveri principali, sono quelli di moglie e madre, rispetto alle attività sociali”

E cosi si uccide una 22enne – Masha Amini – morta in custodia dopo essere stata arrestata dalla polizia morale.

Si uccidono altri giovani perché non accettano più questa ingiustizia questo Stato teocratico guidato da personaggi ridicoli con idee fuori da ogni realtà.

Queste attività e cosi la cosiddetta polizia morale, mi riporta a periodi neri che non dovrebbero più rivivere.

Si sono con le donne e il popolo Iraniano che vuole VIVERE

Carlotta Or Diamanti

Related Articles

Scontri di Jenin: Jihad Islamica e Hamas giurano vendetta

Il portavoce del Jihad islamico Tariq Salmi ha giurato che "la...

Comments

Same Category

Scontri di Jenin: Jihad Islamica e Hamas giurano vendetta

Il portavoce del Jihad islamico Tariq Salmi ha giurato...

Israele: importante operazione antiterrorismo a Jenin. Morti e feriti

Almeno sei terroristi palestinesi sono stati uccisi e diversi...

Israele: chi comanda veramente nel Governo Netanyahu?

La lotta per un piccolo avamposto in Cisgiordania contrappone il premier alle fazioni radicali della sua coalizione e apre una finestra sul funzionamento interno del nuovo governo che spiega anche il perché Netanyahu non si fa intervistare dai media in ebraico che non lo appoggiano apertamente