Stati Uniti e paesi arabi vogliono imporre uno stato palestinese a israele

L’amministrazione Biden e un piccolo gruppo di partner mediorientali si stanno affrettando a completare un piano dettagliato e completo per una pace a lungo termine tra Israele e Palestina, che includa un calendario preciso per la creazione di uno Stato palestinese e che potrebbe essere annunciato già nelle prossime settimane.

L’urgenza dello sforzo è legata direttamente alla proposta di una pausa nei combattimenti e al rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza da Hamas, negoziati da Stati Uniti, Qatar ed Egitto.

Secondo i rappresentanti statunitensi e arabi, un cessate il fuoco iniziale, che dovrebbe durare almeno sei settimane, darebbe il tempo di rendere pubblico il piano, reclutare ulteriore sostegno e compiere i primi passi verso la sua attuazione, compresa la formazione di un governo palestinese ad interim. I pianificatori sperano che un accordo sugli ostaggi possa essere raggiunto prima dell’inizio del Ramadan, il mese di digiuno musulmano che inizia il 10 marzo, per evitare di aggravare le privazioni e l’atmosfera da pentola a pressione a Gaza.

“La chiave è l’accordo sugli ostaggi”, ha dichiarato un funzionario statunitense tra i numerosi diplomatici americani e arabi.

Ma anche se i partecipanti al piano – tra cui Egitto, Giordania, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e rappresentanti palestinesi, oltre agli Stati Uniti – lavorano per raggiungere un accordo tra di loro, ci sono nuovi timori che un incombente attacco israeliano a Rafah faccia esplodere la crisi di Gaza e seppellisca sia l’accordo sugli ostaggi che gli sforzi di pace a lungo termine.

Israele dovrebbe accettare il ritiro di molte, se non di tutte, le comunità di coloni in Cisgiordania; una capitale palestinese a Gerusalemme Est; la ricostruzione di Gaza; la sicurezza e gli accordi di governance per una Cisgiordania e una Gaza combinate

L’elefante nella stanza dei cristalli è Israele, e se il suo governo accetterà gran parte di ciò che viene discusso: il ritiro di molte, se non di tutte, le comunità di coloni in Cisgiordania; una capitale palestinese a Gerusalemme Est; la ricostruzione di Gaza; la sicurezza e gli accordi di governance per una Cisgiordania e una Gaza combinate. La speranza è che a Israele vengano offerte anche specifiche garanzie di sicurezza e una normalizzazione con l’Arabia Saudita e altri Stati arabi che sarebbe difficile rifiutare.

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu non ha dato alcuna indicazione di essere pronto a cedere sulle richieste di Hamas di un accordo sugli ostaggi o sulla sua opposizione a uno Stato palestinese.

“Tutti quelli che parlano di una soluzione a due Stati – beh, io chiedo, cosa intendete con questo?”. Netanyahu ha detto domenica a “This Week” di ABC News. “I palestinesi dovrebbero avere un esercito? Dovrebbero continuare a educare i loro figli al terrorismo e all’annientamento? Certo, dico, certo che no”.

“Il potere più importante che deve rimanere nelle mani di Israele”, ha detto, “è il controllo della sicurezza nell’area a ovest del fiume Giordano”.

I recenti viaggi nelle capitali arabe del Segretario di Stato americano Antony Blinken e le visite a Washington del primo ministro del Qatar e del re giordano Abdullah II si sono concentrati su ciò che Blinken, in occasione di una sosta la scorsa settimana a Doha, ha definito “la sostanza e la sequenza di tutti i passi” necessari per stabilire “un percorso pratico, tempificato e irreversibile verso uno Stato palestinese che viva fianco a fianco in pace con Israele”.

“Si sta mettendo sempre più a fuoco”, ha detto Blinken.

La cerchia dei sostenitori di un piano concreto si estende oltre il piccolo gruppo di coloro che ci lavorano direttamente. Il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha espresso pubblicamente il suo interesse per un rapido riconoscimento di uno Stato palestinese.

L’Unione Europea sta “raggiungendo il gruppo… per vedere come possiamo lavorare insieme per avere un piano più ampio che si concentri effettivamente sulla fine del conflitto”, ha detto Sven Koopmans, rappresentante speciale dell’Unione Europea per il processo di pace in Medio Oriente. “Si tratta di un vero e proprio processo di pace che vuole arrivare a uno Stato palestinese indipendente e pienamente riconosciuto e a uno Stato di Israele sicuro e pienamente integrato nella regione. È fattibile? È estremamente difficile, ma in assenza di altri piani, siamo interessati a perseguirlo”.

Mentre l’amministrazione Biden affronta le prossime elezioni, ha detto Koopmans, “può essere utile che altri condividano la responsabilità di aiutare a porre fine al conflitto”.

I Paesi coinvolti sperano di discutere i loro piani con i leader europei e non solo, in occasione della Conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco che inizia venerdì.

I funzionari statunitensi hanno dichiarato che il menu di azioni in esame include il riconoscimento anticipato di uno Stato palestinese da parte degli Stati Uniti, anche se si stanno attuando elementi di riforma politica, garanzie di sicurezza sia per Israele che per i palestinesi, normalizzazione e ricostruzione.

“Non vogliamo perdere lo slancio di questo momento facendo le cose a pezzi e in parti”, ha detto un rappresentante statunitense. C’è il desiderio, ha detto il funzionario, di sapere “come sarà fin dal primo giorno”.

Ma decenni di tentativi falliti di arrivare a una soluzione a due Stati hanno messo in dubbio l’impegno degli Stati Uniti, soprattutto in un anno elettorale in cui la guerra tra Israele e Gaza e il sostegno a Israele sono diventati temi politici importanti.

“Il linguaggio del ‘processo di pace’ ci ha accompagnato per 10 anni negli anni ’90 e non ha prodotto nulla”, ha detto Amr Moussa, che è stato ministro degli Esteri egiziano dal 1991 al 2001 e segretario generale della Lega Araba dal 2001 al 2011. “Era solo un trucco.

“Se vogliamo risolvere il problema, è oggi e in termini concreti… ci deve essere un calendario”, ha detto.

“Il mio punto di vista è che tutto questo non avrà importanza”, ha detto Khaled Elgindy, direttore del Programma sulla Palestina e gli Affari Palestinesi-Israeliani presso il Middle East Institute. “Parlare solo di statualità è una distrazione. È tutto fumo e niente arrosto. Se non si parla di porre fine all’occupazione israeliana” della Cisgiordania, “non ha importanza”.

Nel frattempo, ha detto Elgindy, l’amministrazione Biden si è dimostrata poco incline ad affrontare Israele, limitandosi a “torcersi le mani” e a dire: “Vorremmo che concedeste più aiuti e uccideste meno civili”. È il giorno della marmotta”.

Molti ritengono che solo il riconoscimento da parte degli Stati Uniti di uno Stato palestinese all’inizio del processo, anche se i confini e le istituzioni finali non sono ancora stati definiti, potrebbe convincere il mondo arabo che questa volta sarà diverso. Sebbene i funzionari statunitensi affermino che il riconoscimento in qualche forma è sulla lista delle possibilità, gli scettici non lo vedono accadere a breve.

“Sarei stupito se estendessero il riconoscimento de jure o de facto allo Stato di Palestina” come parte iniziale di un piano del giorno dopo, ha dichiarato Aaron David Miller, ex consigliere e coordinatore del Dipartimento di Stato per i negoziati arabo-israeliani e senior fellow presso il Carnegie Endowment for International Peace.

Miller è d’accordo sul fatto che qualsiasi promessa di statualità palestinese sarebbe inutile senza passi concreti lungo un calendario preciso. Ma ha messo in dubbio che l’attuale leadership di Israele o dei palestinesi sia capace o interessata a “qualsiasi soluzione trasformativa”.

“In questo momento si tratta di gestione”, ha detto Miller. “Non si tratta di trasformazione. Non hanno i leader per tirare il carro”. Sia Netanyahu che il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas “sono più interessati a mantenere le loro poltrone”, ha detto.

I rappresentanti dei Paesi del gruppo di pianificazione affermano di riconoscere le difficoltà di raggiungere un accordo da entrambe le parti e hanno diviso il lavoro, con gli Stati Uniti che negoziano con Israele e gli arabi con i palestinesi.

“[Gli americani] pensano di poter venire qui e giocare con noi come se stessero costruendo dei Lego”, ha detto Tawfiq Al-Tirawi, membro del Comitato Centrale di Fatah, la più grande fazione dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, che a sua volta costituisce la base dell’Autorità Palestinese che governa la Cisgiordania. “Se vogliamo rinnovare la nostra leadership”, ha detto, “è una nostra decisione”.

I funzionari arabi insistono sulla possibilità di riunire i gruppi palestinesi per istituire un governo di tecnocrati, piuttosto che di politici, che si concentri sul rilancio dell’economia palestinese, sul miglioramento della sicurezza e sulla ricostruzione di Gaza, seguito da elezioni. Abbas ha accettato in linea di principio, hanno detto diversi funzionari arabi, e potrebbe forse mantenere la sua posizione di capo di Stato in un ruolo simile a quello del presidente israeliano Isaac Herzog.

I partecipanti ai colloqui stanno proponendo i propri candidati preferiti per ricoprire altri ruoli governativi di primo piano e stanno discutendo se la leadership politica di Hamas avrà un ruolo in una Gaza postbellica.

Un funzionario arabo ha detto che l’ala politica di Hamas dovrebbe essere inclusa nei colloqui, se non nel futuro governo. “Abbiamo bisogno di qualcuno che li rappresenti per assicurarci che siano d’accordo”, ha detto il funzionario.

“In caso contrario, e se non sono d’accordo, ci ritroveremo di nuovo con Fatah e Hamas”, ha aggiunto il funzionario, riferendosi ai precedenti scontri tra i due gruppi palestinesi che alla fine hanno portato all’elezione di Hamas a governo di Gaza. Ma se riusciranno a raggiungere due anni di stabilità e prosperità sotto un governo rivitalizzato, ha detto il funzionario, “nessuno sceglierà Hamas” alle urne.