Connect with us

Middle East

Straziante appello del Kurdistan National Congress al mondo: fermate la Turchia

Riceviamo e con vicinanza e amicizia al popolo curdo pubblichiamo lo straziante appello del Kurdistan National Congress (KNK) a tutto il mondo affinché il popolo curdo non rimanga in balia dell’estremismo islamico della Turchia.


A gennaio di quest’anno, lo stato turco ha avviato una campagna di aggressione militare contro la regione un tempo pacifica di Afrin in Rojava, e questa campagna, condotta in coordinamento con vari gruppi jihadisti, è culminata con l’occupazione di Afrin.

La guerra dello stato turco nella regione di Afrin ha provocato una tragedia umana di vaste proporzioni: centinaia di civili indifesi sono stati massacrati e altre migliaia feriti, e la regione è stata bruciata, saccheggiata e distrutta dallo stato turco e dai loro alleati jihadisti.

Centinaia di migliaia di persone sono stati sfollati con la forza dalle loro case, e la guerra e la successiva occupazione e le continue campagne di terrore da parte dello stato turco e dei suoi alleati jihadisti nella regione hanno significativamente modificato la demografia di Afrin.

Lo stato turco ora cerca di ottenere lo stesso risultato visto ad Afrin in altre regioni del Rojava e si sta attualmente preparando ad attaccare una regione di 500 km in Siria tra i fiumi Tigri ed Eufrate.

I primi obiettivi nella regione sono le aree di confine di Kobane, Manbij, Tal Abyad, Serêkaniyê (Ras al-Ain), Darbasiyah, Amude, Qamishlo, Tirbespî (al-Qahtaniyah), Dêrik (al-Malikiyah) e migliaia di città e villaggi. Accanto a città come Qamishlo, Hasakah e Raqqa con grandi popolazioni urbane, ci sono circa un centinaio di villaggi e migliaia di villaggi nell’area, che attualmente ospita circa 3 milioni di persone. Ogni assalto dello stato turco porterebbe a un’insopportabile tragedia umanitaria di grandi dimensioni.

È noto che, con tutti i loro sacrifici, l’amministrazione regionale della Siria settentrionale e orientale / Rojava e le forze YPG / YPJ / SDF sono coloro che hanno pagato il prezzo più alto nella guerra contro l’ISIS. Il mondo intero ha assistito alla resistenza di Kobane, avvenuta non molto tempo fa. Queste sono le stesse forze prese di mira dallo stato turco, e Kobane, il bastione della resistenza contro ISIS, è tra i principali bersagli turchi. La guerra contro l’ISIS è ancora in corso e le forze della Siria settentrionale e orientale sono in prima linea in questa guerra.

Le forze della coalizione anti-ISIS guidata dagli Stati Uniti, che comprendono anche il Regno Unito, la Francia e altri paesi, sono stanziate in quest’area e mantengono una presenza attiva, conducendo oltre 200 attacchi in Siria nell’ultima settimana.

Le forze della coalizione avevano promesso protezione all’amministrazione regionale e ai popoli di queste aree. Tuttavia, secondo recenti notizie, a causa delle minacce dello stato turco, gli Stati Uniti si stanno preparando a ritirare rapidamente le proprie forze dalla regione. Se gli Stati Uniti e le altre forze della coalizione si ritireranno, abbandoneranno le comunità di questa zona a massacri su vasta scala. Tale sviluppo porterebbe a una grave tragedia umanitaria e allo stesso modo infliggerebbe una profonda ferita alla coscienza dell’umanità.


Sottolineando che il popolo del Kurdistan resisterà contro questi attacchi, KNK ha invitato tutti a solidarizzare con il popolo curdo e ha fatto il seguente appello alle potenze internazionali e all’umanità:

1. Le forze della coalizione non devono lasciare la Siria settentrionale e orientale / Rojava.

2. Il Consiglio di sicurezza dell’ONU deve riunirsi con urgenza, decidere di proteggere quest’area dall’aggressione e dichiararla come Zona No-Fly.

3. Gli Stati Uniti devono riconsiderare e annullare la decisione dichiarata di ritirarsi da quest’area.

4. Le nazioni europee, in particolare la Francia, la Germania e il Regno Unito, devono immediatamente mettere questo tema nella loro agenda e non rimanere in silenzio di fronte ai potenziali massacri contro curdi, arabi, siriaci, assiri e armeni nella regione.

5. La Russia non deve rimanere spettatrice degli attacchi dello stato turco come ha fatto con Afrin, ma deve piuttosto opporsi alle politiche distruttive dello stato turco e alle interferenze in questa regione.

6. I difensori dei diritti umani, i movimenti pacifisti e le organizzazioni attive nel campo della politica e della società, non dovrebbero rimanere in silenzio di fronte a massacri imminenti, ma piuttosto devono ascoltare le voci dei curdi, degli arabi, dei siriaci, degli assiri e degli armeni, i milioni di innocenti Alevi, musulmani, yazidi e civili cristiani minacciati dall’aggressione dello stato turco e solidali con i popoli della Siria settentrionale e orientale e contribuire a trasmettere le loro richieste di protezione e pace al mondo.

Ampiamente sottovalutato il rischio della infiltrazione turca in Europa

Società e cronaca

Erdogan continua lo shopping di armi russe e punta agli S-500

Middle East

Tensioni tra Israele e Turchia per l’appoggio di Erdogan ad Hamas

Middle East

Siria: gli americani consegnano armi ai combattenti curdi. Ira di Erdogan

Intelligence

Connect
Rimani aggiornato

Rimani aggiornato sugli argomenti più importanti