Biden chiede al Congresso un miliardo di armi per Israele

L'amministrazione americana notifica al Congresso un grosso pacchetto di armi destina a Israele a meno di una settimana dal blocco dell'invio di una spedizione di bombe
15 Maggio 2024
invio armi a israele

Martedì l’amministrazione Biden ha notificato al Congresso l’intenzione di procedere con più di un miliardo di dollari in nuovi aiuti militari per Israele, un massiccio pacchetto di armi dopo che la Casa Bianca aveva messo in pausa una spedizione di bombe a causa del minacciato assalto israeliano a Rafah.

L’ultimo pacchetto di armi dovrebbe includere il trasferimento di 700 milioni di dollari in munizioni per carri armati, 500 milioni di dollari in veicoli tattici e 60 milioni di dollari in proiettili da mortaio. Ci sono ancora altri passaggi prima che le armi vengano approvate e consegnate.

La decisione di procedere con il processo di approvazione ha evidenziato la riluttanza dell’amministrazione Biden ad approfondire la frattura con il Primo Ministro Benjamin Netanyahu sull’operazione di Rafah.

Gli americani hanno sottolineato la loro opposizione a un attacco israeliano su larga scala nella città, affermando che potrebbe causare un numero elevato di vittime civili e aggravare la crisi umanitaria di Gaza senza porre fine alla minaccia che Israele deve affrontare da parte di Hamas. Ma finora hanno manifestato la loro opposizione solo trattenendo un singolo carico di bombe da 2.000 libbre.

La settimana scorsa il Presidente Biden ha dichiarato che avrebbe preso in considerazione la possibilità di ritirare ulteriori armi se Israele avesse attaccato Rafah. Ha aggiunto che continuerà a fornire armi che il Paese potrebbe usare per l’autodifesa.

“Stiamo continuando a inviare assistenza militare”, ha dichiarato lunedì il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ai giornalisti. “Abbiamo messo in pausa una spedizione di bombe da 2.000 libbre perché non crediamo che debbano essere sganciate in città densamente popolate”.

Israele ha effettuato attacchi aerei e inviato forze a Rafah nell’ultima settimana, in quella che definisce un’operazione mirata a fare pressione su Hamas per ottenere un accordo che rilasci gli ostaggi in cambio di un cessate il fuoco temporaneo. Molti degli oltre un milione di palestinesi che si erano rifugiati nella città si sono trasferiti negli ultimi giorni.

Il Dipartimento di Stato e il Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca hanno citato i commenti di Sullivan in risposta alle domande sul nuovo pacchetto.

Seth Binder, esperto di vendite di armi statunitensi presso il Middle East Democracy Center, un istituto politico di Washington, ha affermato che la decisione della Casa Bianca di procedere con un nuovo pacchetto di armi di grandi dimensioni per Israele solo pochi giorni dopo aver bloccato una spedizione di bombe ha indebolito il suo tentativo di fare pressione su Netanyahu per rivedere la condotta della guerra.

“Questo è solo un altro esempio del fatto che stanno confondendo il loro messaggio e minando qualsiasi sforzo reale dietro la sospensione”, ha detto Binder.

Anche se potrebbe volerci molto tempo prima che le armi contenute nell’ultimo pacchetto vengano consegnate, Binder ha detto che Israele potrebbe interpretare il fatto che l’amministrazione proceda con questi accordi come un segno che le munizioni usate nella guerra a Gaza saranno rimpiazzate, nonostante il forte disaccordo su Rafah.

Dall’inizio della guerra, gli Stati Uniti hanno inviato a Israele decine di migliaia di bombe, munizioni per carri armati e artiglieria, armi di precisione e attrezzature per la difesa aerea, spesso attingendo a trasferimenti di armi per 23 miliardi di dollari precedentemente approvati dal Congresso.

I proiettili per carri armati, i veicoli e i mortai contenuti nel pacchetto inviato al Congresso martedì sono un raro caso di nuovi accordi di armi con Israele dallo scorso ottobre. Le nuove armi potrebbero rifornire le scorte di Israele, che si sono esaurite durante oltre mezzo anno di guerra a Gaza.

Gli accordi sono stati presi in considerazione dall’inizio della primavera. La decisione di informare il Congresso martedì ha dato il via a un periodo di revisione durante il quale i legislatori hanno la possibilità di bloccare i trasferimenti.

Il Dipartimento di Stato è tenuto a notificare al Congresso i piani di vendita di armi degli Stati Uniti ad altri Paesi quando l’accordo supera determinate soglie di spesa. In genere, il Dipartimento di Stato fornisce informazioni alle commissioni affari esteri di Camera e Senato prima di queste potenziali vendite di armi, seguite da una notifica formale al Congresso.

I trasferimenti di armi degli Stati Uniti a Israele sono di solito pagati con i fondi per gli aiuti all’estero forniti dal Congresso. Un pacchetto di aiuti approvato il mese scorso comprende circa 26 miliardi di dollari di finanziamenti per Israele, tra cui 5,2 miliardi di dollari per le difese aeree, 1 miliardo di dollari per la produzione di artiglieria e miliardi di dollari per altri sistemi d’arma e per le operazioni militari statunitensi intraprese nella regione in risposta ai recenti attacchi. Sono inoltre previsti circa 9 miliardi di dollari per l’assistenza umanitaria, in parte destinati ai residenti di Gaza.

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

SOSTIENICI USANDO STRIPE

offensiva russa in ucraina
Previous Story

È iniziata la grande offensiva russa in Ucraina

ucciso importante comandante di hezbollah
Next Story

Ucciso alto comandante di Hezbollah. Oltre 60 razzi contro il nord di Israele

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop