Ucciso alto comandante di Hezbollah. Oltre 60 razzi contro il nord di Israele

15 Maggio 2024
ucciso importante comandante di hezbollah

Secondo l’esercito israeliano martedì sera un alto comandante di Hezbollah è stato ucciso in un attacco di droni israeliani nel sud del Libano. In risposta alla morte del comandante, il gruppo terroristico ha lanciato una raffica di circa 60 razzi contro una base di controllo del traffico aereo nel nord di Israele.

Hussein Ibrahim Makki, secondo le Forze di Difesa Israeliane, era un comandante di alto livello nella cosiddetta unità del Fronte Sud del gruppo terroristico. In precedenza aveva comandato la divisione costiera di Hezbollah.

Secondo l’IDF e i media libanesi, Makki è stato preso di mira mentre guidava vicino a Tiro. I soccorritori hanno detto che altre due persone sono rimaste ferite nell’attacco.

Hezbollah ha annunciato la morte di Makki dicendo che è stato ucciso “sulla strada di Gerusalemme”, il suo termine per indicare gli agenti uccisi negli attacchi israeliani. Il gruppo terroristico non ha fatto riferimento a Makki come comandante né ha elencato un ruolo per lui.

L’IDF ha dichiarato che Makki “ha pianificato e condotto molti attacchi terroristici contro il fronte interno israeliano durante la guerra”.

L’esercito israeliano ha ricordato che più di 30 comandanti di Hezbollah sono stati uccisi nei suoi attacchi nel sud del Libano durante la guerra degli ultimi sette mesi.

Mercoledì mattina, in risposta all’uccisione del comandante, Hezbollah ha sparato una raffica di circa 60 razzi dal Libano verso il nord di Israele, colpendo soprattutto il monte Meron, situato a circa otto chilometri dal confine libanese.

Il gruppo terroristico ha preso di mira il Monte Meron diverse volte nel corso della guerra in corso, lanciando grandi raffiche di razzi contro la montagna e missili guidati contro limportante base di controllo del traffico aereo israeliano che si trova sulla sua cima.

Almeno un razzo pesante è stato sparato contro la base militare di Biranit, al confine con il Libano.

Molti dei 60 razzi sono stati intercettati dalle difese aeree, mentre alcuni hanno causato “danni minori” alla base di Monte Meron, ha dichiarato l’IDF.

Hezbollah ha rivendicato la responsabilità degli attacchi, affermando di aver preso di mira la base di Monte Meron con decine di razzi e la base di Biranit con altri proiettili.

Secondo l’IDF non ci sono stati feriti.

Il gruppo terroristico ha detto che gli attacchi erano “parte di una risposta all’assassinio”, riferendosi a Makki.

L’attacco al comandante supremo è avvenuto poche ore dopo l’uccisione di un civile israeliano e il ferimento di cinque soldati in un attacco con missili guidati anticarro di Hezbollah contro una postazione militare vicino alla comunità settentrionale di Adamit.

Dall’8 ottobre, le forze guidate da Hezbollah hanno attaccato quasi quotidianamente le comunità e le postazioni militari israeliane lungo il confine, affermando di farlo per sostenere Gaza durante la guerra.

Finora, le scaramucce al confine hanno provocato dieci morti tra i civili israeliani e 14 tra soldati e riservisti dell’IDF. Ci sono stati anche diversi attacchi dalla Siria, senza alcun ferito.

Hezbollah ha dichiarato che 298 membri sono stati uccisi da Israele durante le schermaglie in corso, per lo più in Libano, ma alcuni anche in Siria. In Libano sono stati uccisi altri 60 agenti di altri gruppi terroristici, un soldato libanese e almeno 60 civili.

Nel frattempo, per la seconda notte consecutiva, l’IDF ha dichiarato che i suoi jet da combattimento hanno abbattuto due droni diretti verso il territorio israeliano dalla “direzione orientale”. Nessuno dei due droni è entrato nello spazio aereo israeliano, ha aggiunto l’esercito.

La dichiarazione è arrivata mentre la Resistenza islamica in Iraq, sostenuta dall’Iran, ha affermato di aver lanciato due droni contro Eilat.

Nel corso della guerra in corso, i gruppi sostenuti dall’Iran in Iraq e Siria hanno dichiarato di aver lanciato decine di droni contro Israele, e l’IDF ha riferito di averne abbattuti molti. Lo stesso Iran ha effettuato il mese scorso un attacco senza precedenti contro Israele con centinaia di droni e missili.

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

SOSTIENICI USANDO STRIPE

invio armi a israele
Previous Story

Biden chiede al Congresso un miliardo di armi per Israele

danni base aerea russa di Belbek
Next Story

Colpo grosso di Kiev: colpita la base aerea russa di Belbek in Crimea

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop