Confermato: Biden blocca l’invio di bombe a Israele

Sotto fortissima pressione della sua sinistra antisemita, Biden è costretto a bloccare l'invio delle bombe pesanti a Israele e a garantire al Congresso che per i prossimi invii di armi, Israele rispetterà il diritto internazionale
8 Maggio 2024
bombe americane per israele

Martedì sera l’amministrazione Biden ha confermato le notizie secondo cui avrebbe trattenuto un grosso carico di bombe da 2.000 e 500 libbre che temeva Israele potesse usare in una grande operazione di terra nella città di Rafah, nel sud di Gaza.

È la prima volta, dallo scoppio della guerra tra Israele e Hamas, che gli Stati Uniti bloccano un carico di armi per l’IDF, che forniscono quasi costantemente dal 7 ottobre.

Washington si oppone fermamente a una grande offensiva a Rafah, convinta che Israele non abbia modo di condurla in modo da garantire la sicurezza dell’oltre 1 milione di palestinesi che vi si rifugiano.

Negli ultimi mesi gli Stati Uniti hanno tenuto un paio di incontri virtuali con alti funzionari israeliani per esprimere le loro preoccupazioni riguardo a una potenziale operazione a Rafah e per presentare alternative su come Israele potrebbe colpire Hamas nella città invece di condurre un’invasione su larga scala.

Questi colloqui continueranno, ma la Casa Bianca ha ritenuto che non fossero sufficienti a trasmettere le sue preoccupazioni, ha dichiarato un alto funzionario dell’amministrazione Biden.

“Quando il mese scorso i leader israeliani sembravano avvicinarsi a un punto di decisione su un’operazione di questo tipo, abbiamo iniziato a esaminare attentamente le proposte di trasferimento a Israele di particolari armi che potrebbero essere utilizzate a Rafah”, ha dichiarato il funzionario.

L’esame ha portato a sospendere la scorsa settimana una spedizione di 1.800 bombe da 2.000 libbre e 1.700 bombe da 500 libbre, ha rivelato il funzionario, sottolineando che la Casa Bianca era particolarmente preoccupata che Israele avrebbe usato le bombe da 2.000 libbre a Rafah, densamente popolata, come ha fatto in altre parti di Gaza.

Il funzionario ha chiarito che non è stata presa alcuna decisione definitiva riguardo a questa particolare spedizione.

L’alto funzionario sembra anche confermare una notizia secondo cui gli Stati Uniti avrebbero ritardato la vendita di munizioni da attacco diretto congiunto (JDAM) a Israele, ma ha chiarito che questa transazione era in una fase molto precedente rispetto alla spedizione di bombe pesanti bloccata la settimana scorsa.

“Per alcuni altri casi al Dipartimento di Stato, tra cui i kit JDAM, stiamo continuando la revisione. Nessuno di questi casi riguarda trasferimenti imminenti. Si tratta di trasferimenti futuri”, ha detto il funzionario.

L’alto funzionario ha sottolineato che le spedizioni di armi in esame provengono da fondi stanziati anni fa e non fanno parte degli aiuti che il Congresso ha approvato per Israele il mese scorso.

“Siamo impegnati a garantire che Israele riceva ogni dollaro stanziato nel supplemento”, ha sottolineato l’alto funzionario dell’amministrazione, sottolineando che gli Stati Uniti hanno appena approvato altri 827 milioni di dollari di armi e attrezzature per Israele.

La conferma da parte dell’amministrazione Biden è arrivata ore dopo che diversi suoi portavoce avevano segnalato la loro iniziale approvazione dell’operazione lanciata da Israele martedì mattina presto per conquistare il lato palestinese del valico di frontiera di Rafah con l’Egitto.

I portavoce hanno affermato che gli obiettivi dichiarati da Israele nell’operazione sono legittimi, ma hanno avvertito che questa valutazione potrebbe cambiare se l’offensiva si espandesse e portasse a un ostacolo prolungato alle spedizioni di aiuti a Gaza.

“Quello che ci è stato detto dalle nostre controparti israeliane è che l’operazione di ieri sera è stata limitata e progettata per tagliare la capacità di Hamas di contrabbandare armi e fondi a Gaza”, ha detto il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ai giornalisti durante un briefing.

“Per ora sembra essere un’operazione limitata, ma dipende in larga misura da ciò che verrà dopo”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller in un briefing separato.

“Una delle cose che Israele ha detto – e che è molto accurata – è che Hamas [controllava] ancora il lato di Gaza del valico di Rafah, e Hamas continuava a riscuotere le entrate derivanti dall’apertura del valico”, ha spiegato il portavoce del Dipartimento di Stato. “Quindi è un obiettivo legittimo cercare di privare Hamas di denaro che potrebbe usare per continuare a finanziare le sue attività terroristiche”.

Da mesi Netanyahu ha dichiarato che le truppe israeliane effettueranno un’operazione per sradicare le ultime roccaforti di Hamas a Rafah, indipendentemente dal raggiungimento di un accordo nei colloqui in corso sugli ostaggi. Secondo i funzionari della difesa israeliana, quattro dei sei battaglioni rimanenti di Hamas si trovano in città, insieme a membri della leadership del gruppo terroristico e a un numero significativo di ostaggi rapiti da Israele durante l’assalto del 7 ottobre che ha scatenato la guerra a Gaza.

L’operazione dell’IDF nella mattina di martedì ha portato alla chiusura del valico di Rafah, una delle porte principali utilizzate per incanalare gli aiuti a Gaza. La chiusura è avvenuta mentre anche il vicino valico di Kerem Shalom è rimasto chiuso dopo che nel fine settimana un attacco missilistico di Hamas ha ucciso quattro soldati dell’IDF e ne ha feriti altri.

La Casa Bianca ha dichiarato che Netanyahu aveva promesso al Presidente Joe Biden, durante una telefonata lunedì, che avrebbe riaperto Kerem Shalom, ma ciò non è avvenuto martedì. I portavoce dell’amministrazione hanno detto che Israele si è impegnato a riaprire Kerem Shalom mercoledì e a riaprire Rafah per i convogli di carburante.

Miller ha fatto una distinzione tra l’operazione al valico di Rafah, che sembrava approvare, e l’annuncio dell’IDF di lunedì che invitava circa 100.000 palestinesi a evacuare dai quartieri orientali della città.

Ha chiarito che l’evacuazione dei civili prima di un’operazione militare è ben accetta in teoria, ma ha accusato Israele di aver compiuto questo passo senza i meccanismi adeguati per prendersi cura degli evacuati una volta trasferiti.

Sempre questa settimana, il Dipartimento di Stato avrebbe dovuto consegnare al Congresso un rapporto per stabilire se l’amministrazione Biden ha accettato le garanzie da parte di Israele di utilizzare le armi americane in conformità con il diritto internazionale.

Il rapporto al Congresso, che sarà reso pubblico, fa parte di una nuova politica istituita da Biden a febbraio, che richiede ai beneficiari degli aiuti esteri di fornire garanzie scritte sull’utilizzo degli aiuti nel rispetto del diritto internazionale e di non ostacolare l’assistenza umanitaria.

La politica è stata delineata in un promemoria che richiedeva al Dipartimento di Stato di presentare una relazione al Congresso entro mercoledì. Martedì, tuttavia, Miller ha indicato che il suo ufficio potrebbe aver bisogno di più tempo per completare il rapporto. “È possibile che slitti di poco”.

In vista della scadenza di mercoledì, i legislatori progressisti hanno intensificato le loro pressioni sull’amministrazione affinché consideri Israele non conforme al diritto internazionale, il che porterebbe probabilmente a una restrizione degli aiuti militari statunitensi.

Ottantotto democratici hanno firmato venerdì una lettera a Biden in cui esprimono “serie preoccupazioni riguardo alla condotta del governo israeliano nella guerra a Gaza, per quanto riguarda il deliberato rifiuto della distribuzione degli aiuti umanitari”.

Israele insiste sul fatto che non blocca gli aiuti che entrano a Gaza e che qualsiasi carenza è il risultato dell’incapacità delle agenzie umanitarie di distribuirli a chi ne ha bisogno. Ha anche sottolineato l’aumento degli aiuti iniziato il mese scorso. L’aumento ha fatto seguito alla minaccia di Biden di cambiare la sua politica sulla guerra se Israele non avesse preso provvedimenti immediati per migliorare la situazione umanitaria a Gaza, che secondo i gruppi per i diritti è sull’orlo della carestia.

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

SOSTIENICI USANDO STRIPE

ostaggi di hamas
Previous Story

Altro che trattative, Hamas non ha abbastanza ostaggi vivi

ricatto di biden a israele
Next Story

Il ricatto di Biden a Israele: o Rafah o le armi

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop