Il terrorismo in Africa prolifera nell’indifferenza globale

Mentre nelle università di tutto il mondo si manifesta a favore di Hamas, il terrorismo islamico in Africa nel 2023 ha provocato la morte di oltre 23.000 persone, il tutto nell'indifferenza globale. Anche per questo gli africani decidono di agire da soli per contrastare questa piaga che attraversa il continente
3 Maggio 2024
terrorismo in Africa minaccia esistenziale

I maggiori analisti mondiali sono arrivati alla conclusione che l’Africa occidentale, e di fatto l’intera Africa, stia affrontando una minaccia esistenziale innescata da un’impennata del terrorismo nel continente. 

Il terrorismo, l’estremismo violento, i cambi di governo incostituzionali e il banditismo sono aumentati, assumendo un ritmo allarmante e diffondendosi a macchia d’olio in tutta l’Africa. 

In un recente studio, ad esempio, l’African Center for Strategic Studies ha affermato che le attività terroristiche in Africa sono andate fuori controllo di oltre il 100.000 per cento negli ultimi due decenni. 

Il centro ha affermato che, nonostante gli interventi locali e stranieri avviati nel corso degli anni, nel 2023 i terroristi hanno ucciso più di 23.000 persone. Ciò rappresenta un aumento del 20% rispetto al numero di persone uccise nel 2022. 

Secondo gli esperti, la minaccia del terrorismo è alimentata e aggravata da tre cause principali: il finanziamento globale del terrorismo, il commercio illegale di armi e la cattiva governance, con le sue propaggini negative di corruzione e adozione di politiche inique. 

La cattiva governance si manifesta anche con l’inquinamento del sistema giudiziario, la manipolazione elettorale, l’inadeguatezza della polizia, l’emarginazione etnica, l’esclusione politica, la disoccupazione, la povertà e, soprattutto, l’insicurezza, che rendono il continente un terreno fertile e un’atmosfera favorevole alla crescita dei terroristi. 

I leader africani e le altre parti interessate sono quindi concordi nel ritenere che la collaborazione, il rafforzamento delle istituzioni, la mobilitazione delle risorse, la condivisione delle informazioni e i contratti sociali siano fondamentali per arginare il flagello del terrorismo. 

Per affrontare questa minaccia, la Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (ECOWAS) e l’Unione Africana (UA) hanno tenuto pochi giorni fa ad Abuja, in Nigeria, una riunione inaugurale di consultazione congiunta del Consiglio di Mediazione e Sicurezza (MSC) dell’ECOWAS e del Consiglio di Pace e Sicurezza (CPS) dell’UA a livello di ambasciatori. 

Il rappresentante permanente della Nigeria presso l’ECOWAS e presidente del Consiglio di mediazione e sicurezza dell’ECOWAS, Amb. Musa Nuhu, nel suo intervento all’evento, ha chiesto una risposta unitaria che vada oltre i confini nazionali. 

“Dobbiamo sottolineare il ruolo critico e l’assoluta necessità della collaborazione e della cooperazione per prevenire, gestire e risolvere questi conflitti nella nostra regione”, ha sottolineato. 

 Il Rappresentante permanente del Gambia presso l’UA e Presidente dell’AU-PSC, Amb. Jainaba Jagne, ha dichiarato che il terrorismo, l’estremismo violento e i cambiamenti incostituzionali di governo sono i principali flagelli dell’Africa che devono essere eliminati. 

L’ambasciatrice ha dichiarato che il CPS dell’UA sta lavorando a stretto contatto con il CSM dell’ECOWAS per affrontare queste minacce emergenti nel continente. 

“Dobbiamo collaborare, fare sinergia e lavorare per garantire la lotta a tutti questi flagelli nel continente”, ha dichiarato. 

Il Commissario dell’ECOWAS per gli Affari politici, la pace e la sicurezza, Amb. Abdel-Fatau Musah, ha dichiarato che l’ECOWAS e l’UA sono determinate a debellare il flagello dell’insicurezza. 

Ha descritto il terrorismo e i cambiamenti incostituzionali nei governi come “le due minacce esistenziali che il continente deve affrontare”. 

L’Amb. Musah ha rivelato che l’ECOWAS e l’Unione Africana stanno già lavorando a una chiara tabella di marcia e a un piano d’azione congiunto sulle sfide che l’Africa occidentale deve affrontare. 

Ha affermato che la tabella di marcia prevede l’elaborazione di un quadro d’azione e la raccolta di risorse per affrontare insieme le sfide e rispondere alle esigenze del momento. 

“Abbiamo scelto il terrorismo e i cambi di governo incostituzionali come temi principali da discutere, perché sono le due minacce esistenziali che oggi si trovano ad affrontare la regione dell’Africa occidentale”, ha dichiarato. 

L’Amb. Bankole Adeoye, Commissario dell’UA per gli Affari politici, la pace e la sicurezza, ha osservato che il finanziamento e la sponsorizzazione del terrorismo, sia all’estero che a livello locale, sono fattori critici per il terrorismo, aggiungendo che “dobbiamo liberare il continente dal terrorismo e mettere a tacere le armi”. 

Adeoye ha chiesto un sistema di intelligence finanziaria efficace che consideri il quadro globale più ampio e collabori con l’Ufficio delle Nazioni Unite per l’antiterrorismo per rintracciare i fondi dei terroristi. 

“Una volta tagliata questa linea di vita, la maggior parte dei terroristi non sarà in grado di sopravvivere”, ha detto Adeoye. 

Per sottolineare l’urgenza e la serietà con cui i leader africani affrontano il degenerare della situazione della sicurezza nel continente, si è tenuto anche un vertice africano di due giorni ad alto livello sull’antiterrorismo ad Abuja, appena un giorno prima della riunione di consultazione UA-ECOWAS. 

Il vertice mirava a trovare soluzioni “guidate dall’Africa e di proprietà africana” contro il terrorismo e a rafforzare la risposta regionale alle minacce terroristiche. 

L’obiettivo è anche quello di rafforzare la cooperazione regionale e di produrre un quadro globale, nonché di ridurre le condizioni che favoriscono la diffusione del terrorismo. 

Intervenendo all’evento, il presidente nigeriano Bola Tinubu, presidente dell’Autorità dei capi di Stato e di governo dell’ECOWAS, ha chiesto la creazione e il rafforzamento di una forza militare africana di riserva. 

 Ha spiegato che la forza avrebbe frenato la minaccia del terrorismo e dei conflitti violenti, oltre a scoraggiare i cambiamenti incostituzionali di governo. 

“Il terrorismo spezza il tessuto stesso della società prospera e giusta che cerchiamo di costruire per noi e per i nostri figli”. 

“Questa minaccia violenta cerca di spaventare il contadino dai suoi campi, i bambini dalle loro scuole, le donne dal mercato e le famiglie dalle loro stesse case”. 

“Dobbiamo quindi combattere questa minaccia insieme, combinando uno sforzo nazionale determinato con una collaborazione regionale e internazionale ben strutturata”, ha detto Tinubu. 

Anche il presidente ghanese Nana Akufo-Addo ha chiesto azioni urgenti di collaborazione per combattere il terrorismo, che secondo lui continua a minacciare la pace, la sicurezza e lo sviluppo dell’Africa. 

Ha osservato che la natura in evoluzione del terrorismo in Africa richiede una risposta dinamica e coordinata che trascenda i confini nazionali e gli sforzi individuali. 

“Questi gruppi stanno sfruttando le rimostranze e le vulnerabilità e stanno manipolando le ideologie per diffondere paura, divisione e caos”, ha affermato. 

Il Presidente del Togo Faure Gnassingbe, nel suo discorso, ha ribadito la necessità che gli Stati africani collaborino e mobilitino le loro forze di difesa e di sicurezza per arginare collettivamente ed efficacemente le minacce del terrorismo, che ha definito “cruciali”. 

Nel suo intervento, il vicesegretario generale delle Nazioni Unite, Amina Mohammed, ha sottolineato la necessità di rafforzare la cooperazione regionale e la costruzione delle istituzioni per affrontare la minaccia senza precedenti del terrorismo e dell’estremismo violento in Africa. 

Ha affermato che l’epicentro del terrorismo si è spostato dal Medio Oriente e dal Nord Africa alla regione del Sahel dell’Africa subsahariana, con conseguenze terribili. 

Secondo lei, l’Africa da sola rappresenta attualmente quasi la metà di tutti i morti per terrorismo a livello globale. 

“I nostri leader devono garantire che le istituzioni dell’Unione Africana e dell’ECOWAS, che hanno la responsabilità di guidare l’integrazione, abbiano la capacità e le risorse necessarie per farlo, se vogliamo raggiungere i loro mandati”, ha detto. 

Vladimir Voronkov, sottosegretario generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la lotta al terrorismo (UNOCT), ha sottolineato che l’ECOWAS, l’UA e le altre organizzazioni regionali africane hanno un ruolo cruciale da svolgere per contrastare efficacemente il terrorismo. 

Secondo lui, il successo delle Nazioni Unite in Africa dipende dall’impegno dell’ONU a sostenere “soluzioni guidate dall’Africa per le sfide africane”. 

Ha lodato gli sforzi dell’UA e dell’ECOWAS nel contrastare il terrorismo e nel prevenire l’estremismo violento. 

“Nessun singolo attore può risolvere le odierne minacce alla pace e alla sicurezza, abbiamo invece bisogno di più attori che lavorino insieme con soluzioni fondate su una forte titolarità nazionale e sul sostegno di partner bi-finanziatori”, ha dichiarato Voronkov. 

Il presidente della Commissione dell’UA, Moussa Mahamat, nelle sue osservazioni, ha affermato che è giunto il momento di elaborare un piano d’azione strategico continentale olistico e onnicomprensivo per combattere il terrorismo in Africa. 

Si è chiesto perché in altre parti del mondo sono state create coalizioni per combattere il terrorismo, ma sforzi simili non sono stati compiuti nemmeno in una delle cinque regioni africane, dove i terroristi hanno devastato vite umane, infrastrutture e istituzioni. 

Mahamat ha poi esortato la comunità internazionale a fare di più per sostenere la lotta dell’Africa contro il terrorismo e ha chiesto retoricamente: “Perché le nostre voci non sono ascoltate e non vengono ascoltate?” 

Amadu Sesay, il più importante professore africano di relazioni internazionali, ritiene che per affrontare il terrorismo in Africa, i suoi leader debbano prima risolvere l’imbroglio del Sahel. 

Ha detto che la via d’uscita dal pantano del Sahel è la ricerca urgente di soluzioni diplomatiche che possano risolvere la pericolosa e delicata situazione della sicurezza in quel luogo e riportare il Mali, il Burkina Faso e il Niger nella famiglia dell’ECOWAS. 

Sesay ha esortato i leader dell’ECOWAS a dispiegare la propria destrezza diplomatica per restituire i Paesi del Sahel all’ECOWAS, aggiungendo che è fondamentale qualsiasi sforzo di collaborazione per la creazione di una forza permanente africana che respinga i terroristi dal diffondersi negli Stati membri costieri dell’Africa occidentale e oltre. 

“I leader dell’ECOWAS dovrebbero cercare emissari capaci, credibili e competenti, specialmente all’interno del Comitato dei Saggi e degli Anziani, per guidare gli impegni diplomatici che potrebbero fornire percorsi realistici e pratici che siano accettabili per tutte le parti, compresi i tre Paesi”, ha dichiarato. 

Il dottor Mohamed Ibn Chambas, pioniere della Commissione ECOWAS e Alto rappresentante dell’Unione Africana per il “Silenziamento delle armi in Africa”, ha confermato il punto di vista di Sesay. 

“Sono consapevole che il presidente nigeriano Bola Tinubu, presidente dell’Autorità dei capi di Stato e di governo dell’ECOWAS, sta già lavorando attivamente con il presidente dell’ECOWAS, Omar Touré, per garantire che venga compiuto ogni passo diplomatico per mantenere l’ECOWAS unita”, ha dichiarato Chambas. 

Gli osservatori diplomatici ritengono tuttavia che, nonostante gli sforzi multilaterali dei leader africani e globali per arginare l’ondata di terrorismo e di conflitti violenti che sta attraversando il continente, essi debbano “fare il loro dovere”, se vogliono ottenere un successo significativo. 

Sostengono con forza che la collaborazione, la cooperazione, la condivisione di informazioni finanziarie, in particolare per rintracciare i finanziamenti e gli sponsor del terrorismo, il rafforzamento delle istituzioni, la mobilitazione delle risorse, il buon governo e i contratti sociali sono cruciali per arginare la crescente piaga del terrorismo in Africa. 

 

Haamid B. al-Mu’tasim

Blogger siriano rifugiato in Italia. Esperto di terrorismo islamico e di dinamiche mediorientali in particolare di Siria e Iraq

SOSTIENICI USANDO STRIPE

david cameron armi britanniche in ucraina
Previous Story

Cameron (GB): l’Ucraina può usare i missili britannici per colpire la Russia in profondità

non alternative alla distruzione di hamas
Next Story

Non c’è alternativa alla totale distruzione di Hamas

Latest from Africa

Go toTop