USA furiosi con Israele per fuga di notizie su incontro con Libia

Related

Il parlamento iraniano approva legge più severa sul velo islamico

Il Parlamento iraniano ha approvato mercoledì un disegno di...

Israele: Netanyahu non ha più il senso della democrazia

Il Premier israeliano, Benjamin Netanyahu, sembra aver perso completamente...

Israele intercetta 16 tonnellate di materiale per razzi diretti a Gaza

Israele ha sventato un tentativo di contrabbando di 16...

Raid aerei israeliani nel nord della Siria. Colpiti obiettivi iraniani

Mercoledì notte l'aviazione israeliana avrebbe effettuato attacchi aerei contro...

Share

L’amministrazione americana sarebbe furiosa con Israele per aver rivelato l’incontro della scorsa settimana tra i ministri degli Esteri di Israele e Libia.

Il ministro degli Esteri Eli Cohen ha annunciato domenica l’incontro con la sua controparte libica Najla Mangoush, scatenando l’indignazione in Libia per l’incontro senza precedenti e una tempesta di critiche in patria per la sua rivelazione.

Lunedì Mangoush è stata licenziata per essersi incontrata con Cohen, dopo enormi polemiche politiche sia a Gerusalemme che a Tripoli per la decisione dell’alto diplomatico israeliano di rivelare che i due ministri avevano tenuto un incontro “storico” a Roma.

Funzionari statunitensi hanno detto di temere che l’episodio scoraggerà altri Paesi dall’intraprendere un processo di normalizzazione con Israele.

Un funzionario statunitense ha detto anche che la rivelazione “ha ucciso” il canale di conversazione con la Libia sul riconoscimento di Israele.

L’ambasciata statunitense in Israele ha rifiutato di commentare la notizia. Anche il Ministero degli Esteri non ha fornito una risposta.

Le emittenti israeliane Channel 12 e Channel 13 hanno riferito che lunedì sera l’ambasciatore statunitense in Israele, Stephanie Hallett, ha detto a Cohen che l’aver reso pubblico l’incontro avvenuto a Roma è stato un passo falso che doveva essere corretto. Cohen, in risposta, ha detto che Israele non avrebbe discusso ulteriormente l’incontro in pubblico.

Biden era a conoscenza dell’incontro, ha riferito il sito Walla news, e ha incoraggiato Tripoli a partecipare, ma aveva l’impressione che l’incontro fosse segreto e che sarebbe rimasto tale.

Gli americani non sono rimasti molto convinti dalla spiegazione del Ministero degli Esteri, secondo cui la dichiarazione sull’incontro sarebbe stata rilasciata in reazione a una fuga di notizie, affermando che Israele avrebbe potuto scegliere di non commentare la fuga di notizie e minimizzare il danno.

Walla e Channel 12 news hanno citato funzionari dell’ufficio di Cohen che hanno affermato che Washington non era arrabbiata con Israele e aveva semplicemente chiesto a Gerusalemme di “calmare” la situazione. Entrambe le testate hanno poi citato funzionari statunitensi i quali hanno contraddetto questa affermazione e hanno detto che la Casa Bianca era furiosa con Israele.

Una fonte anonima dell’agenzia di intelligence Mossad è stata citata da Channel 12 per riferire che la condotta di Cohen “ha danneggiato immensamente i legami creati negli ultimi anni”, aggiungendo: “Ha bruciato il ponte. È irreparabile”.

In seguito all’annuncio dell’incontro da parte di Cohen, che è stato accolto con indignazione in Libia, il primo ministro libico Abdul Hamid al-Dbeibeh ha sospeso Mangoush dal suo ruolo e ha dichiarato che sarebbe stata formata una commissione d’inchiesta per esaminare l’incontro. Il ministero degli Esteri libico ha negato di aver avuto colloqui formali con Cohen, mentre a Tripoli e in altre città della Libia occidentale sono scoppiate proteste.

Lunedì, Dbeibeh ha licenziato Mangoush e un funzionario del ministero degli Esteri libico ha confermato che la donna è fuggita in Turchia per timore della sua sicurezza.

Dopo aver licenziato Mangoush, Dbeibeh ha visitato l’ambasciata palestinese a Tripoli e ha giurato che non ci sarebbe stata alcuna normalizzazione con Israele, come ha riferito il sito di notizie Libya Observer.

Durante la sua visita, Dbeibeh ha ribadito di non essere a conoscenza dell’incontro tra Mangoush e Cohen e ha confermato di averla licenziata.

Dbeibeh ha detto che stava “riaffermando il rifiuto della Libia di normalizzare le relazioni con l’entità sionista”.

La decisione di Dbeibeh di licenziare la Mangoush suggerisce che egli non fosse a conoscenza dell’incontro. Tuttavia, due alti funzionari del governo libico hanno dichiarato all’Associated Press che il primo ministro era a conoscenza dei colloqui tra il suo ministro degli Esteri e il capo della diplomazia israeliana.

Uno dei funzionari ha detto che Dbeibeh ha dato il via libera all’incontro il mese scorso, quando era in visita a Roma. L’ufficio del Primo Ministro ha organizzato l’incontro in coordinamento con Mangoush.

Il secondo funzionario ha detto che l’incontro Mangoush-Cohen è durato circa due ore e Mangoush ha informato il primo ministro direttamente dopo il suo ritorno a Tripoli. Il funzionario ha detto che l’incontro è legato agli sforzi compiuti dagli Stati Uniti per far sì che la Libia si unisca a una serie di Paesi arabi che stabiliscono relazioni diplomatiche con Israele.

Il funzionario ha detto che la normalizzazione delle relazioni tra Libia e Israele è stata discussa per la prima volta in un incontro tra Dbeibeh e il direttore della CIA William Burns, che ha visitato la capitale libica a gennaio.

Il premier libico ha dato l’approvazione iniziale per l’adesione agli Accordi di Abraham promossi dagli Stati Uniti, ma era preoccupato per le reazioni dell’opinione pubblica in un Paese noto per il suo sostegno alla causa palestinese.

Entrambi i funzionari hanno parlato a condizione di anonimato per la loro sicurezza.

Lunedì scorso, il Ministero degli Esteri di Gerusalemme ha rilasciato la sua prima reazione ufficiale dopo che Cohen è stato ampiamente criticato per aver reso pubblico formalmente il suo incontro con Mangoush, e in un apparente tentativo di spostare la responsabilità del suo annuncio, ha sostenuto di averlo rilasciato solo dopo la “fuga di notizie” sui dettagli dell’incontro, che non è stata quindi causata né dal suo ufficio né dal Ministero.

“Il Ministro degli Esteri e il Ministero degli Esteri sono impegnati ad espandere le relazioni estere di Israele… La fuga di notizie sull’incontro con il Ministro degli Esteri libico non proviene dal Ministero degli Esteri o dall’ufficio del Ministro degli Esteri”, si legge in un comunicato del Ministero.

In precedenza, un diplomatico israeliano aveva dichiarato al Times of Israel che Gerusalemme aveva rivelato l’incontro diversi giorni prima del previsto perché era già trapelato ai media.

Alti funzionari del governo, citati dai media ebraici, hanno affermato che Cohen ha causato un grave danno alle relazioni estere di Israele e hanno avvertito che i leader arabi sarebbero stati dissuasi dallo stringere legami più stretti.

Fonti diplomatiche di Gerusalemme hanno detto chel’incontro sarebbe stato comunque reso pubblico, ma che l’annuncio è stato anticipato perché i giornalisti lo chiedevano. Una fonte del Ministero degli Esteri ha dichiarato a Canale 12 che il Ministero ha chiamato l’ufficio di Mangoush per informarlo dell’imminente annuncio.

Il leader dell’opposizione Yair Lapid ha dichiarato: “I paesi guardano all’irresponsabile fuga di notizie sull’incontro tra i ministri degli esteri israeliano e libico e si chiedono: È un Paese con cui è possibile gestire le relazioni estere? È un Paese di cui ci si può fidare?”.

“L’incidente con il ministro degli Esteri libico è stato dilettantesco, irresponsabile e un grave fallimento di giudizio”, ha aggiunto Lapid. “Questa è una mattinata di vergogna nazionale e di messa in pericolo di una vita per un titolo di giornale”.

Il leader del partito laburista Merav Michaeli ha detto che Cohen “deve dimettersi”, aggiungendo: “Il danno che ha fatto è senza precedenti. Una pubblicazione avventata ha rovinato la vita del ministro libico che è stato costretto a fuggire in Turchia e ha creato un danno internazionale a Israele”.

“Nessun attore internazionale serio e discreto vorrà ora incontrare un ministro degli Esteri il cui unico scopo è guadagnare capitale politico e like su Twitter”, ha aggiunto.

Giovedì scorso, in occasione di una cerimonia per i volontari del servizio nazionale, Cohen aveva detto di essere entusiasta che Israele potesse esplorare i legami con un’altra nazione musulmana. Non ha menzionato la Libia per nome, ma gli assistenti hanno cercato comunque di interrompere le sue osservazioni.

Nella sua dichiarazione di domenica, il Ministero degli Esteri ha detto che Cohen e Mangoush si sono incontrati in Italia la scorsa settimana, nel primo incontro ufficiale tra i massimi diplomatici dei due Paesi, per discutere della possibilità di cooperazione e della conservazione dei siti del patrimonio ebraico in Libia. Il Ministero ha dichiarato che durante l’incontro si è parlato anche di aiuti umanitari israeliani e di aiuto all’agricoltura, alla gestione dell’acqua e ad altri argomenti.

Cohen ha definito l’incontro “storico” e un “primo passo” nella creazione di legami tra i Paesi.

Ma in una rapida svolta degli eventi, che è sembrata spegnere l’idea di un significativo progresso nelle relazioni tra i due Paesi, come aveva lasciato intendere Cohen, il governo libico ha negato che l’incontro fosse stato formalizzato in anticipo e ha cercato di sminuirne il significato.

“Ciò che è accaduto a Roma è stato un incontro casuale non ufficiale e non preparato, durante una riunione con il ministro degli Esteri italiano, e non ha incluso alcuna discussione, accordo o consultazione”, ha dichiarato il ministero degli Esteri libico in un comunicato.

Piuttosto, ha detto, “il ministro ha affermato le costanti della Libia sulla questione palestinese in modo chiaro e inequivocabile”.

Inoltre, ha sottolineato che “smentisce categoricamente le strumentalizzazioni riportate dalla stampa ebraica e internazionale e il loro tentativo di conferire all’incidente il carattere di incontri, colloqui, o anche solo di organizzare o prendere in considerazione lo svolgimento di tali incontri”.

Ha dichiarato il suo “completo e assoluto rifiuto della normalizzazione con l’entità sionista” e ha affermato il suo “pieno impegno alle costanti nazionali sulle questioni delle nazioni arabe e islamiche, prima fra tutte la causa palestinese”, aderendo alla posizione di Gerusalemme come “capitale eterna della Palestina”.

La Libia è piombata nel caos dopo che una rivolta sostenuta dalla NATO ha rovesciato e ucciso il dittatore di lunga data Muammar Gheddafi nel 2011. Il Paese si è diviso nel caos che ne è seguito, con amministrazioni rivali a est e a ovest sostenute da milizie disoneste e governi stranieri.

Mangoush rappresenta il governo riconosciuto dalle Nazioni Unite con sede a Tripoli.

Sebbene Israele e la Libia non abbiano mai avuto legami, da tempo sono stati segnalati contatti tra il figlio di Gheddafi, Saif al-Islam, e funzionari israeliani. Gheddafi stesso avrebbe contattato Israele in diverse occasioni, anche per promuovere la sua proposta di un Paese israelo-palestinese unito, da chiamare Isratine.

Nel 2021, il figlio del signore della guerra libico Khalifa Haftar avrebbe visitato Israele per un incontro segreto con funzionari israeliani in cui si sarebbe offerto di stabilire relazioni diplomatiche tra i due Paesi in cambio del sostegno israeliano.

In Libia è illegale normalizzare i legami con Israele in base a una legge del 1957.