Connect with us

Società e cronaca

Venezuela: oggi potrebbe essere la giornata decisiva. Il piano B di Maduro

Oggi la resistenza venezuelana sfiderà il blocco imposto da Maduro all’ingresso di aiuti umanitari nel paese. Cosa faranno i militari? Spareranno come ordinato dal dittatore rischiando di colpire cittadini americani o faranno passare gli aiuti? Qualunque cosa succeda per Maduro sarà un problema

Oggi per il Venezuela potrebbe essere la giornata decisiva. Non solo l’opposizione scenderà in piazza in massa per chiedere le dimissioni del dittatore Nicolas Maduro ma, secondo attendibili fonti venezuelane, cercherà anche di forzare i blocchi militari per far entrare nel paese gli indispensabili aiuti umanitari che il regime ha ordinato di bloccare.

I militari schierati al confine con la Colombia al fine di impedire l’ingresso degli aiuti umanitari hanno l’ordine perentorio di sparare su chiunque cerchi di forzare il blocco. Cosa faranno oggi se veramente i convogli di aiuti umanitari cercheranno di forzare quel blocco? Spareranno con il rischio di colpire anche qualche americano della USAID? A quel punto un intervento americano sarebbe inevitabile.

Ieri in qualche modo una parte di aiuti sono stati consegnati ai venezuelani. Ad annunciarlo è stato il Presidente ad interim, Juan Guaido, il quale ha detto che una prima consegna di aiuti umanitari, composta da integratori vitaminici e nutrizionali per bambini e donne incinte, è stata consegnata a una rete di centri sanitari, senza tuttavia spiegare come si fosse riusciti a introdurre gli aiuti umanitari nel paese.

Oggi quindi si vorrebbe cercare di far entrare anche il resto degli indispensabili aiuti umanitari ma il dubbio su come si comporterà l’esercito venezuelano, se cioè chiuderà gli occhi o sparerà sugli operatori umanitari come ordinato da Maduro, resta.

In ambedue i casi il regime rischia. Se fa passare gli aiuti perde la faccia. Se non li fa passare, specie se lo fa usando la forza, rischia di scatenare la reazione armata americana.

Il piano B di Maduro. La fuga in un paese amico

Secondo fonti americane citate dal famoso blog Zero Hedge la moglie di Maduro, Cilia Flores, starebbe facendo sempre più pressioni sul marito affinché si tenga pronto al cosiddetto “piano B”, cioè la fuga in un paese amico che però, stando a quanto riferisce Zero Hedge, non sarebbero né Cuba né la Russia.

L’agenzia Bloomberg riferisce che potrebbero essere tanti i paesi disposti a ospitare Maduro e i generali venezuelani in fuga. Secondo Bloomberg l’inviato speciale del Dipartimento di Stato in Venezuela, Elliott Abrams, ha detto che «paesi diversi dalla Russia e da Cuba sono venuti da noi in privato e hanno detto che sarebbero disposti ad accogliere i membri dell’attuale regime illegittimo se ciò fosse d’aiuto alla transizione».

L’ultima roccaforte ISIS si arrende ai curdi. Ma Erdogan non ci sta

Middle East

Causa palestinese: video diffuso da Netanyahu mette in imbarazzo leader arabi

Middle East

A Varsavia si scrive la storia. Israele e paesi arabi “spezzano il pane insieme”

Middle East

Il gioco sporco di Erdogan e Maduro per sottrarre l’oro del Venezuela

Società e cronaca

Advertisement

Sostienici

Articoli recenti

Newsletter

Connect
Rimani aggiornato

Rimani aggiornato sugli argomenti più importanti