Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha dichiarato lunedì che la cooperazione militare di Mosca con Teheran porterà probabilmente la Russia ad assistere e aiutare l’Iran nello sviluppo del suo programma nucleare, affermando che Israele avrebbe potuto impedire la nascente alleanza tra i due Paesi.

Rivolgendosi alla Conferenza sulla democrazia di Haaretz in un video messaggio preregistrato, il leader ucraino ha affermato che la vendita di droni suicidi da parte dell’Iran e la fornitura di istruttori militari alle forze russe che operano nel suo Paese non sarebbero state possibili senza la decisione di Israele di rimanere neutrale nel conflitto.

«In otto mesi di guerra totale, la Russia ha usato quasi 4.500 missili contro di noi. E le loro scorte di missili stanno diminuendo. Per questo motivo la Russia è andata a cercare armi a prezzi accessibili in altri Paesi per continuare il suo terrore. Le ha trovate in Iran», ha detto Zelenskyy. Ha aggiunto che l’intelligence ucraina stima che la Russia abbia ordinato circa 2.000 droni Shahed da Teheran.

«Ho una domanda per voi: In che modo la Russia paga l’Iran per questo, secondo voi? L’Iran è interessato solo al denaro? Probabilmente non si tratta di denaro, ma di assistenza russa per il programma nucleare iraniano. Probabilmente è proprio questo il senso della loro alleanza. E questa loro alleanza semplicemente non sarebbe avvenuta se i vostri politici avessero preso una sola decisione all’epoca: quella che abbiamo chiesto noi».

L’Ucraina ha chiesto l’assistenza militare israeliana sin dall’inizio dell’invasione russa a febbraio. «Se avessimo immediatamente messo in sicurezza i nostri cieli di fronte alla minaccia di missili e droni, la Russia non avrebbe nemmeno il motivo di andare in Iran e offrirle qualcosa in cambio di assistenza per il terrorismo», ha detto Zelenskyy invitando Israele ad «agire insieme alle democrazie occidentali che armano Kiev».

L’establishment di sicurezza israeliano si è ripetutamente opposto all’armamento dell’Ucraina, sostenendo che irritare Mosca potrebbe mettere in pericolo la libertà d’azione delle Israel Defense Forces in Siria, dove le forze russe si sono tenute in disparte consentendo attacchi aerei contro obiettivi iraniani.

I russi si stanno ritirando dalla Siria grazie alla resistenza dell’Ucraina

Volodymyr Zelenskyy

Per rispondere alle preoccupazioni israeliane, Zelenskyy ha dichiarato lunedì che «la presenza russa in Siria si è ridotta in modo significativo grazie ai nostri soldati e alla nostra difesa, che stanno battendo gli occupanti. Ma purtroppo non abbiamo il nostro Iron Dome», ha aggiunto, riferendosi al sistema di difesa israeliano contro i missili a corto raggio.

Martedì scorso, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha chiesto ufficialmente al ministero degli Esteri israeliano sistemi di difesa aerea e addestramento. Ha osservato che l’Iran sfrutterebbe l’opportunità di dispiegare i propri sistemi di armamento in Europa per perfezionare le proprie capacità, che potrebbero poi essere rivolte contro Israele.

Tuttavia, Israele ha chiarito che non invierà assistenza militare, con il Ministro della Difesa Benny Gantz che ha sottolineato che «non venderemo armi all’Ucraina».

In una telefonata di lunedì, Gantz ha ribadito al suo omologo ucraino Oleksii Reznikov che «a causa delle limitazioni operative che lo Stato di Israele deve affrontare, Israele non fornirà sistemi d’arma all’Ucraina», secondo Barak Ravid di Walla New.

I ministri, tuttavia, hanno concordato di tenere un dialogo professionale nel tentativo di aiutare l’Ucraina nello sviluppo di un sistema di allarme civile contro le minacce aeree, ha detto l’ufficio di Gantz, aggiungendo che la telefonata è stata positiva.

L’unico membro del governo che ha chiesto l’invio di armi all’Ucraina è il Ministro degli Affari della Diaspora Nachman Shai. Di recente ha twittato che «alla luce degli [ultimi] barbari attacchi alle città ucraine, è tempo che il nostro Paese prenda una chiara posizione morale e sostenga [Kyiv] con passi pratici, inclusa la fornitura di armi difensive per proteggere la popolazione pacifica».

L’Ucraina ha contattato le organizzazioni ebraiche in Europa e negli Stati Uniti come parte di un tentativo di arruolare l’ebraismo mondiale per spingere Israele a porre fine alla sua neutralità autoimposta. Tuttavia, secondo un sondaggio condotto la scorsa settimana per conto dell’emittente pubblica israeliana Kan, il 41% degli israeliani si oppone ancora all’armamento dell’Ucraina, mentre il 21% è favorevole e il 38% è incerto.

Ringraziando Haaretz per avergli consegnato il premio per la democrazia 2022, Zelenskyy ha detto che, pur apprezzando il sostegno, «non è forse giunto il momento che anche il vostro Stato scelga con chi stare? Con il mondo democratico, che sta combattendo fianco a fianco contro la minaccia esistenziale alla sua esistenza? O con coloro che chiudono un occhio sul terrore russo, anche quando il costo del continuo terrore è la completa distruzione della sicurezza globale?». (Articolo in Inglese su Haaretz)