Egitto, manifestazione contro Israele: “sterminiamoli”

By , in Middle East on . Tagged width: , ,

egitto-manifestanione-contro-israele

La Fratellanza Musulmana ha organizzato ieri al Cairo una manifestazione contro Israele durante la quale i manifestanti hanno bruciato bandiere israeliane e hanno fatto un appello alla distruzione di Israele e allo sterminio degli ebrei.

Le fonti di stampa occidentali hanno deliberatamente omesso di riportare sia la manifestazione che le incredibili “dichiarazioni di intento” espresse ieri dai Fratelli Musulmani” nei confronti del popolo ebraico e quelle poche che ne hanno fatto menzione hanno volontariamente sminuito la portata della manifestazione e le richieste fatte dai manifestanti.

Il fatto è gravissimo perché non si è trattata della solita manifestazione anti-israeliana, all’ordine del giorno in Egitto. Questa volta si è andati molto oltre e si è chiesto esplicitamente all’esercito egiziano di muovere guerra a Israele per distruggere lo Stato ebraico e “liberare la Palestina”. Durante la manifestazione sono state bruciate bandiere israeliane e sono stati proferiti insulti al popolo ebraico con definizioni del tipo “figli di scimmie” oppure “cani ebrei”.

Incredibilmente i Fratelli Musulmani hanno protestato anche per il recente raid condotto da aerei israeliani in Siria. Non hanno proferito parola mentre Assad sterminava decine di migliaia di musulmani ma appena Israele conduce un attacco preventivo volto a tutelare la propria sicurezza, si scatenano in manifestazioni di odio viscerale.

La Fratellanza Musulmana è il principale sostenitore di Mohammed Morsi ed è il padre putativo di Hamas. Non per niente la manifestazione arriva pochi giorni dopo che il capo di Hamas a Gaza, Ismail Haniyeh, aveva detto che non avrebbe accettato nessun piano di pace con Israele in quanto l’obbiettivo di Hamas era la distruzione dello Stato Ebraico e non il raggiungimento della pace.

Ormai è palese che l’Egitto è in mano agli estremisti islamici. Questo dovrebbe far riflettere attentamente l’amministrazione americana sul fatto di continuare a dare aiuti militari all’Egitto. Nonostante il Presidente Morsi si sia impegnato a rispettare il trattato di pace con Israele, quanto visto ieri al Cairo dimostra che i suoi principali sostenitori non la pensano affatto come lui. Non solo, mentre il Segretario di Stato USA, John Kerry, continua a parlare di improbabili piani di pace, le folle islamiche in Medio Oriente, quelle delle cosiddette “primavere araba”, chiedono a gran voce un nuovo genocidio del popolo ebraico. Come si fa a parlare di pace a queste condizioni?

Sarah F.

© 2013, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata