Gaza: tregua umanitaria di 72 ore. Grosso schiaffo diplomatico a Obama

Ennesima tregua umanitaria fortemente voluta da Onu e Stati Uniti che però sono stati costretti ad accettare due condizioni imposte da Israele e che di certo andranno di traverso a Obama.

La prima è quella che durante la tregua umanitaria, che durerà 72 ore, i militari israeliani potranno rimanere all’interno della Striscia di Gaza. La seconda e che i colloqui per un eventuale prolungamento della tregua si terranno al Cairo.

Sembra sfuggito agli “osservatori” ed “esperti” che specialmente questa seconda condizione è un vero e proprio schiaffo a Kerry e quindi a Obama, i quali per far contenti Qatar e Turchia la settimana scorsa avevano spostato l’epicentro diplomatico della crisi dal Cairo a Parigi. Il ritorno della questione al Cairo è il segno che Qatar e Turchia sui quali Obama aveva puntato tutto hanno sostanzialmente fallito. Ed è indicativo che ai colloqui che si terranno al Cairo nelle prossime ore tra Hamas e Israele ci sarà solo una rappresentanza di basso profilo degli Stati Uniti.

Ora resta da vedere se Hamas rispetterà la tregua oppure farà come le altre volte che ha continuato a lanciare missili su Israele. Khaled Meshaal dal suo albergo di lusso in Qatar ha garantito che questa volta Hamas la rispetterà, ma tutti sanno quanto sa essere bugiardo il leader dei terroristi di Hamas, quindi sarà solo il tempo a dirci quanto reggerà questa tregua o se la parola tornerà alle armi.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sarah F.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare