Gerusalemme: ragazzo palestinese ucciso perché gay. Nessuna vendetta

[asg-content-box boxcolor=”blue” boxtitle=”” boldtitle=”false” boxexpand=”false” showcontent=”false”]Per correttezza – Prima di leggere l’articolo siete pregati di andare a vedere su questi link (qui e qui) perché è chiaro che in questo caso ci siamo sbagliati[/asg-content-box]

Mohammed Abu Khdeir, il ragazzo palestinese trovato morto questa mattina a Gerusalemme e del quale ne abbiamo reso conto immediatamente, sarebbe stato ucciso per una faida interna tra famiglie malavitose palestinesi e perché sarebbe stato omosessuale.

Non ci sarebbe quindi nessuna vendetta per la morte dei tre ragazzi israeliani rapiti e poi massacrati da Hamas.

Già da subito la polizia aveva sollevato seri dubbi sul movente della vendetta orientando da subito le ricerche nella direzione della malavita di Gerusalemme. Mohammed Abu Khdeir faceva parte di una famiglia malavitosa molto conosciuta nella capitale di Israele e di recente sarebbe stato accusato di essere omosessuale. Già altre tre volte avevano cercato di sequestralo. La polizia sta attivamente ricercando una macchina di proprietà palestinese ripresa da alcune telecamere di sicurezza durante il rapimento del ragazzo.

Questa mattina a Gerusalemme sono scoppiati diversi disordini tra arabi e polizia israeliana, scontri fomentati dai soliti noti che immediatamente si erano affrettati a parlare di “vendetta”, tafferugli improvvisamente scemati quando è stato chiaro che la vendetta non c’entrava nulla.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sarah F.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2014 – 2015, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recently Published Stories

isis fratellanza musulmana

Attenti perché non è ISIS il pericolo più grande per l’occidente

Una visione diversa del pericolo rappresentato dalla Stato Islamico, uno sguardo a dove stiamo andando e a come la Fratellanza Musulmana in occidente cerchi di occupare gli spazi lasciati vuoti da ISIS

iran programma nucleare mogherini

Iran: «possiamo riprendere l’arricchimento dell’uranio in cinque giorni»

Una intervista del capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, svela tutta la debolezza dell’accordo sul nucleare iraniano voluto da Obama e dalla Mogherini

iran siria pericolo israele

Medio Oriente: il rapporto sulla presenza iraniana in Siria che allarma Israele

Un nuovo rapporto sulla presenza iraniana in Siria stilato dall’analista di intelligence Ronen Salomon allarma ulteriormente Israele. E’ peggio di come sospettavamo

I palestinesi inviano aiuti medici al Venezuela, ma a Gaza non ci stanno

E’ surreale la decisione di Abu Mazen di inviare aiuti medici al Venezuela quando a Gaza e a Ramallah manca di tutto. Ma pur di farsi pubblicità il Presidente palestinese non guarda in faccia a nessuno

iran turchia rights reporter

Iran e Turchia danno il via a operazioni congiunte contro i curdi

Se l’indiscrezione venisse confermata ci troveremmo di fronte a un fatto gravissimo che la NATO non può più ignorare

Grave preoccupazione in Israele per le posizioni di Trump in Siria

Nonostante le prove fornite dalla delegazione israeliana volata a Washington, Trump non sembra intenzionato a chiedere la fine della occupazione iraniana in Siria. Un favore a Putin e soprattutto a Teheran

Medio Oriente: nuovo incontro tra Putin e Netanyahu sulla Siria

Putin e Netanyahu si incontreranno mercoledì prossimo a Sochi, in Russia. E’ il sesto incontro in due anni e sarà quello più difficile

Congo: oltre 200 morti sepolti da frana in zona miniere

Oltre 200 morti sepolti dalle frane nella contesa zona delle miniere nel Congo nord-orientale. Ma i nostri smartphone non possono aspettare