Berlusconi ha vinto: Santoro via dalla RAI. Un chiaro caso di conflitto di interessi

7 Giugno 2011

Finalmente Berlusconi ha vinto. E’ riuscito per vie traverse a cacciare Santoro dalla RAI e a riportare un grandissimo colpo per se e per le reti Mediaset facendo cacciare dalla TV di Stato un conduttore che da solo faceva il doppio dello share delle reti di proprietà del Premier.

Non si conoscono ancora i retroscena della separazione di Santoro dalla RAI, una separazione definita “consensuale” dall’interessato. Lo sapremo probabilmente dopo la conferenza stampa del conduttore annunciata per oggi. Ma un fatto è certo, il nuovo DG della RAI, Lorenza Lei, è riuscita in poche settimane a fare quello che il povero Masi non era riuscito a fare in anni e anni di lotta contro Santoro. Il bello (o il brutto) è che con questa mossa la RAI perde il suo maggior introito pubblicitario. E’ un po’ come se il Milan cedesse gratuitamente Ibrahimovic ad una diretta concorrente o l’Inter regalasse Eto’o al Real Madrid. Infatti, anche se Santoro andrà probabilmente a rinforzare l’astro nascente de La 7, nell’immediato a beneficiarne sarà Mediaset che, guarda caso, è di proprietà del caro Premier, Silvio Berlusconi. Quando si dice “conflitto di interessi”.

Ed è proprio sul conflitto di interessi che si dovrebbe aprire un serio dibattito politico a seguito di questa assurda e suicida decisione della TV di Stato. L’Italia è l’unico Paese dove c’è un Premier che controlla direttamente o indirettamente l’80% dell’informazione televisiva e oltre il 50% di quella cartacea. E pensare che si lamenta di essere “accerchiato” dia media ostili. Bella faccia di bronzo. L’Italia è l’unico Paese dove il Premier possiede il più grande polo televisivo dopo quello di Stato e che ha il potere di insediare nella TV statale gli uomini che vuole e che, chiaramente, si guardano bene dal fare concorrenza alle sue reti. Insomma, controlla la concorrenza. E’ giusto questo? Si può continuare ancora così anche prevedendo che a succedere a Silvio Berlusconi sarà la figlia Marina? Io direi proprio di no.

Ecco perché l’opposizione politica su questo deve essere chiara: nel programma elettorale deve inserire il conflitto di interessi e poi, nel caso di vittoria, deve implementare la legge per impedire a chi governa il paese di controllare l’informazione a suo piacimento. Lo doveva fare Prodi quando è andato al Governo ma, chissà come mai, non lo nemmeno mai pensato. Su questo l’opposizione deve essere chiarissima.

Intanto dal prossimo anno ci potremo godere Santoro e la sua squadra su una rete che non imporrà al conduttore vincoli particolari il che per noi sarà sicuramente positivo. Ma questo non toglie l’assurdo e gravissimo comportamento della TV di Stato, una TV pagata da noi e che dovrebbe dare al contribuente un servizio adeguato e apolitico invece che sottostare ai voleri di Berlusconi. Oggi è stata la volta di Santoro, domani a chi toccherà di quelli che hanno l’ardire di contestare il rais di Arcore?

Brigitta Donati

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Scandaloso attacco del Papa alle coppie di fatto

Next Story

Terrorismo pacifista

Latest from Senza categoria

Burkina Faso: nuovo golpe militare

A pochi giorni dalle elezioni che avrebbero dovuto portare alla democrazia in Burkina Faso, previste per il prossimo 11 ottobre, i militari hanno deposto
Go toTop