Politica Italiana

Bersani: scatenati i soliti imbecilli del web

bersani

Grillo è stato furbo, sulla vicenda di Bersani tace completamente perché sa benissimo che un qualsiasi suo articolo in merito scatenerebbe la grandissima massa di imbecilli pronti a gioire sulle disgrazie degli altri. Ne abbiamo avuto un esempio lampante ieri sulle pagine Facebook de Il Fatto Quotidiano e di Repubblica (trovate due immagini indicative sotto l’articolo).

Il commento più intelligente era: «Speriamo che si aggravi. Nessuna pietà per gente del genere. Qui stiamo facendo la fame anche per colpa di gente come lui». Ma c’era anche «speriamo che soffra tanto» oppure veri atti di gioia con «evvaiiii, fuori uno».

Difficile dare una connotazione politica a questi imbelli anche se a dire il vero io una idea me la sono fatta.

Resta il fatto che se è questa l’Italia del domani c’è davvero di che preoccuparsi. E, aggiungo, se tutto questo i signori de il Fatto Quotidiano e de La Repubblica lo reputano “libertà di espressione” e per questo consentono un tale turpiloquio sulle loro pagine Facebook (ma lo abbiamo già visto in altri casi) allora bisognerà davvero rivedere il concetto di web e di come venga usato dai media. Se deve essere usato in questo modo (anche Facebook ne è responsabile) allora meglio passare oltre e pensare a qualcosa di più selettivo. Lo so, è difficile anche perché la mamma degli imbecilli è sempre incinta, ma almeno bisognerebbe pensarci a trovare valide alternative a quello che ormai è diventano un catino di imbecillità senza pari.

Intanto noi di Rights Reporter, pur non essendo mai stati d’accordo con Pierluigi Bersani, gli auguriamo ogni bene e una pronta guarigione sperando  che possa presto tornare a smacchiare i suoi giaguari e magari anche qualche imbecille.

Bianca B.

Tags

Related Articles

9 Comments

  1. Schifo di paese, privo di senso di appartenenza, cultura democratica ed educazione tout-court.

  2. ma perché non pubblicate mai i commenti di chi scrivi sui siti degli altri movimenti politici? Un consiglio: quella della lega! Siete in mala fede. E poi almeno nel caso le porcherie le scrivono cittadini qualunque che spesso si nascondono dietro nickname. Le frasi “orango” (calderoli), “sembra uno di loro” (mussolini su fini che faceva visita in israele per chiedere scusa), “bingo bongo” (bossi), “quel cadavere ha inquinato il fiume” (amministratore locale leghista su una donna extracomunitaria uccisa e gettata nel fiume) provengono direttamente da politici. SIETE DEGLI IPOCRITI. E ora mi viene dare dire, per dirla a guisa di grillino: niente da fare, TANTO LA PACCHIA E’ FINITA!

    1. la mamma degli imbecilli è sempre incinta e non conosce colore politico, lo abbiamo detto, ma qui si arriva a livelli da record. E compimenti per il commento……..

      1. e come immaginavo il commento della redazione (latitante nelle altre occasioni) è puntualmente giunto.
        Ribadisco: si tratta di gente qualunque che scrive sui siti. E’ come se andaste ad ascoltare ad ascoltare e poi pubblicare ciò che viene detto in un bar.
        Provi a porre attenzione a ciò che si scriveva sui siti “nobili” della sinistra quando berlusconi si beccò la statuetta in faccia e vedrà che i commenti succitati sembrano a confronto quasi immacolati.
        Il punto è che continuate a scrivere “lo sappiamo che ciò accade anche altrove” ma allora perché continuate a pubblicare solo ciò che scrivono i grillini? E sull’asserzione “qui si raggiungono livelli record” lei ha scritto un’inesattezza: la rimando, come già ho detto, a ciò che anni le gente del web scriveva e continua a scrivere su berlusconi.
        Mi scuso per il post precedente e per l’accusa di ipocrisia però un fondo di verità in ciò che ho scritto c’è. E l’ho motivato, ampiamente.
        In ogni caso, saluti.
        PS svolgete uno splendido mestiere…rendetelo nobile!

        1. e le richiedo: è più grave ciò che scrive la gente del web (spesso anonima) o ciò che dicono i politici? Ovvio la seconda….e allora rendete nobile il vostro lavoro!
          Vede, io sto scrivendo celato da un nickname: quanto vale ciò che scrivo? Nulla! E allora che senso avrebbe fare un articolo su ipotetiche minacce da parte mia? Nessuno.
          Inoltre le rammento che la stragrande maggioranza dei votatanti del m5s è fatta di giovani ed è ovvio che per essa il web è il principale canale per esprimere le proprie idee. Ma qui resta traccia, traccia che invece non resta quando si usa il turpiloquio in un bar. Sapesse mio padre (renziano quasi ottantenne) quante ne dice su berlusconi! Ma lui non usa il web, e le sue idee e quelle dei suoi coetanei) non potranno mai salire agli onori delle cronache…Credo si sia capito cosa voglio dire.
          Di nuovo, saluti.

          1. chiedo solo onestà intellettuale. Ma tanto parla il 23% del m5s che ha lo stesso peso di quello che aveva berlusconi e che la sinistra crocifiggeva (giustamente ma ipocritamente….e i risultati elettorali hanno sempre parlato!)

  3. In una comunità qualsiasi le persone di questo tipo creerebbero scandalo, sconcerto, ripugnanza, il loro destino sarebbe l’emarginazione.
    E’ raro trovarli, difficilmente si appalesano in pubblico, lo fanno dietro lo schermo dell’anonimato di rete, vigliaccamente, poi tornano nella vita reale dissimulandosi fra tutte le persone normali.
    E’ un pedaggio che si paga alla estrema versatilità e libertà d’uso di questo strumento, al tempo stesso un utile memento per la maggioranza di tutti noi, persone per bene, sconfinare nella malvagità, è un attimo.

Close