blocco bombe americane a Israele

Blocco delle bombe americane a Israele. Punto di svolta o punto di rottura?

Il presidente Biden spera che la decisione di trattenere la consegna di 3.500 bombe spinga Israele a cambiare rotta nella sua guerra a Gaza

Di Peter Baker – Il messaggio non arrivava. Non attraverso le telefonate o gli emissari o le dichiarazioni pubbliche o le riunioni delle commissioni congiunte. E così, frustrato per essere stato ignorato, il presidente Biden ha scelto un modo più drammatico per farsi capire ai leader israeliani. Ha smesso di mandare le bombe.

La decisione di Biden di sospendere la consegna di 3.500 bombe a Israele aveva lo scopo di trasmettere un segnale forte che la sua pazienza ha dei limiti.

Pur insistendo sul fatto che il suo sostegno allo Stato ebraico rimane “ferreo”, Biden per la prima volta da quando è scoppiata la guerra di Gaza lo scorso autunno ha scelto di usare il suo potere come principale fornitore di armi di Israele per dimostrare il suo malcontento.

La stretta sulle bombe rappresenta un punto di svolta significativo nelle relazioni tra Stati Uniti e Israele, relazioni che che durano da 76 anni e che storicamente sono una delle partnership di sicurezza più strette al mondo. Ma potrebbe non essere necessariamente un punto di rottura.

L’amministrazione Biden sta ancora permettendo l’invio della maggior parte delle altre armi a Israele, e infatti i funzionari hanno sottolineato che non è stata presa alcuna decisione finale sulle bombe che sono attualmente nel limbo.

Biden spera che la pausa selettiva spinga il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a rinunciare a all’invasione su larga scala di Rafah, la città a sud di Gaza dove si sono rifugiati più di un milione di palestinesi. Il presidente si è opposto a tale operazione per paura che le bombe americane possano causare diffuse vittime civili. Mercoledì ha detto che avrebbe anche bloccato la consegna di proiettili di artiglieria che potrebbero essere sparati nei quartieri urbani di Rafah.

“Ho chiarito a Bibi e al gabinetto di guerra, che non otterranno il nostro sostegno se in realtà andranno in questi centri abitati”, ha detto mercoledì il presidente in un’intervista con Erin Burnett della CNN, riferendosi a Netanyahu con il suo soprannome. “Non ci stiamo allontanando dalla sicurezza di Israele; ci stiamo allontanando dalla capacità di Israele di fare la guerra in quelle aree”.

Ha riconosciuto, come raramente ha fatto, che le bombe americane hanno ucciso palestinesi innocenti. “I civili sono stati uccisi a Gaza come conseguenza di quelle bombe e di altri modi in cui attaccano i centri abitati”, ha detto Biden.

I piani israeliani di prendere d’assalto Rafah sono stati fonte di intensi attriti con l’amministrazione Biden per mesi. Mentre gli americani si oppongono a tale operazione, gli israeliani sostengono che hanno bisogno di andare a Rafah per finire di distruggere Hamas, che ha ucciso 1.200 persone nel suo attacco terroristico del 7 ottobre contro Israele.

La disputa è arrivata al culmine negli ultimi giorni, quando Netanyahu e il suo gabinetto di guerra sembravano vicini alla decisione di muoversi contro Rafah, nonostante le obiezioni degli Stati Uniti. I funzionari dell’amministrazione hanno detto di aver iniziato a rivedere il mese scorso le armi che potrebbero essere utilizzate nell’operazione e che Biden aveva firmato la sospensione della bomba la scorsa settimana.

“La decisione significa che Biden ha deciso di usare la sua unica vera forma di influenza su Bibi: trattenere le armi”, ha detto Cliff Kupchan, presidente dell’Eurasia Group, che è appena tornato da un viaggio in Medio Oriente. “E’ un punto basso per le relazioni tra Stati Uniti e Israele, in quanto inizia a mettere in gioco la sicurezza israeliana. Biden non aveva scelta. La guerra è un freno alla sua campagna elettorale, all’unità del Partito Democratico e alla posizione degli Stati Uniti nel mondo”.

L’amministrazione sperava che la pausa avrebbe inviato un messaggio tranquillo e all’inizio non l’ha annunciata pubblicamente, ma gli israeliani l’hanno fatta trapelare. Nei giorni successivi alla decisione, Israele ha ordinato l’evacuazione di 110.000 civili a Rafah, ha condotto attacchi aerei contro obiettivi ai margini della città, ha inviato carri armati e ha sequestrato il valico con l’Egitto. Anche se queste mosse sono state caratterizzate come limitate e non l’inizio dell’assalto promesso, hanno fatto scattare l’allarme alla Casa Bianca.

Le azioni israeliane, che sono arrivate in parte in risposta agli attacchi missilistici di Hamas che hanno ucciso quattro soldati israeliani lo scorso fine settimana, sembrano essere intese a mantenere la pressione su Hamas affinché accetti un cessate il fuoco temporaneo in cambio del rilascio di alcuni degli ostaggi presi il 7 ottobre.

Se un tale accordo sia possibile rimane incerto. William J. Burns, il direttore della CIA che è stato profondamente coinvolto nei negoziati, ha incontrato mercoledì Netanyahu a Gerusalemme, anche se altri funzionari hanno conferito al Cairo sulle offerte concorrenti delle due parti. Raggiungere un tale accordo potrebbe essere l’unico modo per evitare una rottura più grave tra Israele e l’amministrazione Biden, hanno detto gli analisti.

“Quello che chiedono è che Israele non entri a Rafah in modo significativo”, ha detto Elliott Abrams, uno specialista del Medio Oriente presso il Council on Foreign Relations che ha servito in diverse amministrazioni repubblicane. “A meno di un accordo sugli ostaggi, penso che gli israeliani entreranno a Rafah e questo causerà una grande tensione”.

Il rapporto tra Stati Uniti e Israele è stato singolare da quando lo Stato ebraico ha dichiarato la sua indipendenza nel 1948 e il presidente Harry S. Truman solo 11 minuti dopo ha reso gli Stati Uniti la prima nazione al mondo a riconoscerlo. Ma la relazione è stata a lungo segnata anche da momenti di profondo stress.

In un primo momento, sia sotto Truman che sotto il presidente Dwight D. Eisenhower, gli Stati Uniti si rifiutarono di vendere armi a Israele. Il presidente John F. Kennedy fu il primo ad aprire l’arsenale fornendo missili antiaerei Hawk. Il presidente Lyndon B. Johnson ampliò i legami con l’invio di carri armati M-48, aerei A-4 Skyhawk e aerei F-4 Phantom.

I presidenti hanno trattenuto gli aiuti a Israele in passato per indicare il loro disappunto o influenzare la politica. Il presidente Ronald Reagan ritardò più di una volta le spedizioni di aerei da guerra e altre munizioni a causa dell’insoddisfazione per l’intervento israeliano in Libano. Il presidente George H.W. Bush ha rinviato 10 miliardi di dollari in garanzie sui prestiti immobiliari per evitare che il denaro americano venisse utilizzato per finanziare la costruzione di insediamenti in Cisgiordania.

Ma nel complesso, dalla seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno dato più aiuti a Israele di qualsiasi altro paese al mondo. A partire dall’anno scorso, gli Stati Uniti avevano fornito 158,7 miliardi di dollari a Israele dalla sua fondazione, la maggior parte dei quali, 124,3 miliardi di dollari, per le sue difese militari e missilistiche, secondo il Congressional Research Service. In base a un memorandum d’intesa di 10 anni siglato dal presidente Barack Obama, Washington fornisce attualmente 3,8 miliardi di dollari all’anno in aiuti militari, senza contare i 15 miliardi di dollari di aiuti aggiuntivi approvati il mese scorso dal Congresso e firmati in legge da Biden.

I repubblicani hanno immediatamente criticato Biden mercoledì dopo che il segretario alla Difesa Lloyd J. Austin III ha confermato pubblicamente le notizie sulla spedizione ritardata della bomba in un’audizione al Senato. “Questo è osceno. È assurdo”, ha detto il senatore Lindsey Graham della Carolina del Sud al segretario alla Difesa. “Date a Israele ciò di cui ha bisogno per combattere la guerra che non può permettersi di perdere”.

Il senatore Mitch McConnell del Kentucky, leader del partito al Senato, ha detto di aver chiamato Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente, mercoledì mattina “per esprimere la mia preoccupazione all’amministrazione che il ritardo nella spedizione di armi a Israele è solo un altro modo per cercare di dire a un alleato come condurre la guerra”. Lui e il presidente della Camera Mike Johnson hanno poi inviato una lettera a Biden per protestare contro la decisione.

D’altra parte, i democratici e i progressisti che hanno fatto pressione su Biden per limitare o tagliare le armi per limitare la guerra di Israele hanno affermato che l’azione del presidente era attesa da tempo e non è ancora sufficiente dopo che più di 34.000 persone sono morte a Gaza, tra combattenti e civili.

Il senatore Bernie Sanders, socialista democratico del Vermont, ha detto che la decisione di Biden è “assolutamente giusta” ma dovrebbe essere solo l’inizio. “La nostra influenza è chiara”, ha detto. “Nel corso degli anni, gli Stati Uniti hanno fornito decine di miliardi di dollari in aiuti militari a Israele. Non possiamo più essere complici dell’orribile guerra di Netanyahu contro il popolo palestinese”.

La decisione ha attirato l’attenzione di Netanyahu e del suo gabinetto di guerra. Shalom Lipner, consigliere di lunga data di diversi primi ministri israeliani, ha detto che “ha toccato una profonda corda di preoccupazione all’interno di Israele, dove la gente si chiede come limitare l’accesso di Israele alle armi – una mossa che sicuramente incoraggerà Hamas – potrebbe essere conciliata con l’impegno ferreo spesso ripetuto di Biden per la sua sicurezza”.

Ma ha aggiunto che “sarebbe un danno strategico per Israele se il governo Netanyahu ignorasse la forte opposizione del suo principale fornitore di sostegno militare e diplomatico”.

Le 3.500 bombe trattenute la scorsa settimana includono sia munizioni da 2.000 libbre che da 500 libbre. Il Dipartimento di Stato sta ancora valutando se procedere con la consegna di kit di guida per munizioni Joint Direct Attack Munition in grado di convertire le cosiddette bombe stupide in armi a guida di precisione, ma al momento non c’è una spedizione imminente. Allo stesso tempo, i funzionari hanno detto che avrebbero ancora fornito “ogni dollaro” di aiuto autorizzato nel nuovo pacchetto del Congresso.

Kupchan, l’analista, ha detto che il corso delle relazioni tra Stati Uniti e Israele dipenderà da ciò che accadrà dopo. Se Netanyahu si rimette al giudizio di Biden su Rafah, potrebbe trattarsi solo di una fiammata momentanea. Ma se i due leader rimangono in una situazione di stallo, ciò potrebbe portare a un taglio più ampio delle armi, che avrebbe un effetto più duraturo.

“Le fondamenta delle relazioni tra Stati Uniti e Israele sono così forti che non saranno danneggiate in modo significativo da questa mossa”, ha detto Kupchan. “Ulteriori trattenute, tuttavia, anche se abbastanza improbabili, sarebbero una storia diversa”.

Autore Ospite

I migliori autori ed inviati delle maggiori testate internazionali tradotti dallo staff di Rights Reporter

ricatto di biden a israele
Previous Story

Il ricatto di Biden a Israele: o Rafah o le armi

netanyahu contro biden
Next Story

Cosa succede veramente tra Biden e Israele e perché è pericoloso

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop