Che Biden non faccia l’errore di ripristinare gli aiuti alla UNRWA

La UNRWA non paga gli stipendi ai dipendenti di Gaza scatenando le ire di Hamas che minaccia serie conseguenze mentre il Direttore dell’agenzia ONU per i palestinesi assicura che Biden riprenderà la pioggia di soldi

hamas-unrwa-biden

Giorni fa si parlava di quello che NON cambierà in Medio Oriente con l’avvento dell’Amministrazione Biden.

Ma tra le cose che potrebbero cambiare avevamo inserito la ripresa degli aiuti ai palestinesi sotto forma di finanziamento alla UNRWA, inutile e dannosa agenzia che noi da anni vorremmo vedere chiusa.

La battaglia che sicuramente riprenderà a breve sarà aggiornata sul nostro sottodominio dedicato alle campagne.

Parliamo di ripresa della campagna perché fonti molto attendibili ci assicurano che una delle primissime cose che farà Joe Biden sarà ripristinare gli aiuti alla UNRWA, cioè 300 milioni di dollari.

Ieri per calzare la mano alla nuova amministrazione americana i terroristi di Hamas, nella Striscia di Gaza, hanno organizzato un piccola manifestazione ma, soprattutto, Hamas ha emesso un minaccioso comunicato contro la stessa UNRWA che aveva da poco annunciato di non avere i fondi per pagare gli stipendi di novembre delle migliaia di dipendenti di Gaza, per lo più tutti elementi di Hamas.

L’Amministrazione Trump aveva giustamente tagliato i fondi alla UNRWA non solo perché non ha ragione di esistere ma anche perché svolgeva una massiccia propaganda anti-israeliana e più di una volta ha “prestato” le sue scuole ad Hamas come deposito di armi e missili.