Come l’accordo Libano – Israele può condizionare tutta la regione

11 Novembre 2022

Di Gabriel Mitchell – Nell’ultimo decennio, i politici hanno sostenuto che i giacimenti di gas naturale offshore del Mediterraneo orientale potrebbero contribuire a sostenere gli sforzi dell’Europa per liberarsi dagli idrocarburi russi. Ma le dispute marittime tra gli Stati del Mediterraneo orientale per l’accesso a queste risorse – e i dubbi sulla fattibilità di diversi progetti grandiosi – hanno smorzato l’interesse commerciale.

Queste ipotesi sono state momentaneamente sospese quando Israele e Libano hanno finalizzato un accordo sui confini marittimi dopo 12 anni di sforzi interrotti e ripresi diverse volte. Con la mediazione di Washington, le parti hanno raggiunto termini che consentono a entrambi di sfruttare le ricchezze del mare e di incoraggiare gli investimenti stranieri. Per due Stati che condividono una lunga storia di violenza, rancore e sfiducia, si è trattato di un risultato significativo.

La disponibilità al compromesso di Israele e Libano potrebbe mettere in moto un effetto domino che sblocchi lo sfruttamento degli idrocarburi della regione? E potrebbe accadere abbastanza rapidamente da aiutare l’Europa ad affrontare i suoi attuali problemi energetici? Israele e Libano non sono certo le uniche parti in lite della regione. La Grecia e la Turchia hanno una disputa marittima pluridecennale e il conflitto di Cipro ha anch’esso una dimensione marittima.

La combinazione di incentivi, tempismo e mediazione efficace che ha funzionato per Israele e Libano sarà difficile da replicare. Tuttavia, il loro percorso verso il compromesso, in particolare la decisione di abbandonare le argomentazioni giuridiche internazionali a favore di interessi nazionali fondamentali, ha dimostrato con successo come altri attori del Mediterraneo orientale possano trovare soluzioni creative alle proprie controversie.

Il cammino verso il compromesso

Una confluenza di eventi ha creato circostanze particolarmente favorevoli al raggiungimento di un accordo tra Libano e Israele. Le condizioni economiche del Libano, esacerbate dalla tragica esplosione del 2020 a Beirut, hanno costretto il governo libanese e Hezbollah ad accantonare temporaneamente la loro opposizione ideologica a Israele in nome di un accordo che avrebbe potuto sbloccare preziosi giacimenti di gas ed evitare un conflitto aperto. Ma questo non è stato l’unico sviluppo geopolitico che ha reso possibile l’accordo. La firma degli Accordi di Abramo ha anche incoraggiato i colloqui indiretti, indebolendo l’opposizione araba all’impegno con Israele. E l’impegno dell’Occidente a trovare forniture alternative di petrolio e gas per l’Europa ha ulteriormente convinto l’amministrazione Biden a continuare a mediare tra le due parti. Anche la tempistica degli sviluppi politici interni è stata fortuita. A causa delle imminenti elezioni in Israele, Libano e Stati Uniti, ciascuna delle parti negoziali, così come la parte mediatrice, sperava che un accordo avrebbe favorito la propria posizione alle urne.

In particolare, questa confluenza di eventi negli ultimi 18 mesi ha portato i negoziatori a spostare le argomentazioni legali internazionali verso gli interessi fondamentali di Israele e del Libano. Per Israele, ciò ha significato enfatizzare i problemi di sicurezza nazionale, come la stabilizzazione dell’economia libanese, l’istituzione di un meccanismo di deconfliction lungo il confine marittimo settentrionale, la possibilità di sviluppare in sicurezza il giacimento di gas di Karish e il riconoscimento de facto da parte libanese della linea di galleggiamento installata da Israele dopo la guerra del 2006 con Hezbollah. Per il Libano, questo ha significato trascurare il boicottaggio di Israele per convincere le compagnie petrolifere e del gas internazionali a esplorare e sviluppare le sue acque. In effetti, anche il potenziale di sviluppo futuro potrebbe essere sufficiente al Libano per migliorare la sua posizione presso il Fondo Monetario Internazionale e consentirgli di corteggiare gli investimenti di altri Paesi. Questo cambiamento è riuscito a sbloccare la situazione di stallo che aveva infangato i precedenti sforzi di mediazione.

La decisione di Israele e del Libano di non concentrarsi sul diritto marittimo internazionale è in linea con lo spirito della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, che è stata concepita come una linea guida piuttosto che come un rigido regolamento per gli accordi di delimitazione. Nell’ultimo decennio si è assistito a una serie di potenziali mappe con linee di confine multiple e in competizione tra loro, che rappresentano le argomentazioni giuridiche rivali di ciascun Paese. È interessante notare che l’accordo attuale non prevede una mappa che gli oppositori politici nazionali potrebbero contestare. Ciò riflette la realtà di fondo che i benefici di un accordo superano i meriti tecnici di ogni specifica serie di rivendicazioni.

Infine, l’accordo rafforza la tesi secondo cui un mediatore informato e investito può essere più efficace di uno neutrale nel produrre una svolta in certi negoziati. Storicamente, Israele si è sempre affidato agli Stati Uniti per mediare tra sé e i suoi vicini regionali, in gran parte perché Washington era l’unica parte che poteva offrire garanzie di sicurezza in cambio di concessioni israeliane. I negoziatori libanesi – a causa di una combinazione di preoccupazioni sulla neutralità americana e della posizione combattiva di Hizballah – sono stati spesso riluttanti ad affidarsi alla mediazione degli Stati Uniti. In questo caso, però, hanno riconosciuto a malincuore che Washington era la parte che aveva maggiori probabilità di raggiungere un accordo.

Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno ottenuto questo risultato da soli. Attori di supporto come Francia e Qatar hanno incoraggiato le parti a raggiungere il traguardo. Anche le Nazioni Unite, osservatore durante il processo di mediazione, hanno svolto un importante ruolo tecnico che ha permesso alle parti di incontrarsi in diverse occasioni lungo il confine tra Israele e Libano. Infine, le compagnie energetiche Energean e Total hanno dimostrato creatività e flessibilità, sostenendo al contempo il pragmatismo.

Questo sforzo collettivo avrebbe potuto essere ancora insufficiente se non fosse stato per la singolare figura dell’inviato speciale statunitense Amos Hochstein. Hochstein il quale non solo possedeva un’intima familiarità con l’industria energetica, con gli attori israeliani e libanesi e con lo stesso Presidente Biden, ma ha anche beneficiato del fatto di aver già tentato, senza riuscirci, di colmare le lacune tra le parti durante il suo periodo nell’amministrazione Obama. La combinazione di esperienza, accesso e investimenti personali ha permesso a Hochstein di superare gli ostacoli dove altri hanno fallito e di spingere le parti verso un accordo. In poche parole: Hochstein è stato molto più di un messaggero della Casa Bianca.

Replicare i risultati

Queste condizioni possono essere replicate altrove nel Mediterraneo orientale? I primi segnali indicano che il fermento internazionale attorno all’accordo tra Israele e Libano ha incoraggiato altri attori regionali a scongelare i propri negoziati congelati. Secondo quanto riferito, il Libano e la Siria hanno tentato (senza riuscirci) di riavviare i negoziati sulla loro disputa sui confini marittimi. Secondo varie fonti anche Egitto, Israele e Autorità Palestinese stanno cercando di far avanzare i colloqui per lo sviluppo del giacimento marino di Gaza, a lungo ignorato. Più realisticamente, Israele e Cipro hanno promesso di mettere a tacere le loro questioni in sospeso sul giacimento di Afrodite-Yishai.

Ognuna di queste controversie presenta complessità uniche, ma impallidiscono di fronte al vero nodo gordiano del Mediterraneo orientale: le dispute marittime in corso e spesso interconnesse tra Grecia e Turchia e l’isola divisa di Cipro. Un accordo su queste questioni non solo ridurrebbe la probabilità di un conflitto regionale, ma potrebbe potenzialmente aprire la porta a partnership nel campo dell’energia, e non solo, precedentemente scartate. Le circostanze possono essere molto meno favorevoli in questo caso, ma si possono comunque trarre utili insegnamenti.

In primo luogo, è stata la prospettiva di sfruttare le riserve di gas offshore a far sì che Libano e Israele vedessero un accordo vantaggioso per tutti. Nel caso di Grecia e Turchia, la loro disputa marittima non promette una ricompensa economica immediata, eliminando così il più ovvio incentivo potenziale per un accordo. Sebbene nelle acque cipriote siano stati scoperti idrocarburi offshore, la posta in gioco è notevolmente più alta, soprattutto per quanto riguarda la sovranità territoriale della Repubblica di Cipro.

La tempistica delle elezioni nazionali ha contribuito a spingere Israele e il Libano oltre il traguardo. Tuttavia, le elezioni che si terranno a Cipro nel febbraio 2023, in Grecia nel luglio 2023 e in Turchia nel giugno 2023 avranno probabilmente l’effetto opposto. Con i vantaggi economici meno imminenti e le questioni di sovranità più importanti, le elezioni renderanno più difficile il compromesso per i decisori di Nicosia, Atene e Ankara.

L’approccio della Turchia si rivelerà particolarmente cruciale. Come il Libano, le iniziative regionali in materia di energia l’hanno lasciata in disparte. Nell’ultimo decennio si è spesso inserita con la forza nella politica energetica del Mediterraneo orientale, spesso cercando di modificare le realtà giuridiche o di sicurezza in mare. La domanda è se le lezioni dell’accordo Israele-Libano incoraggeranno una linea più muscolare o più di compromesso da parte di Ankara. Il Ministero degli Affari Esteri turco ha rilasciato un comunicato stampa il 27 ottobre in cui accoglieva con favore l’accordo israelo-libanese e affermava che “questo modello, che riflette pratiche simili in tutto il mondo, costituisce un buon esempio per la regione e in particolare per i ciprioti turchi e greci”. Questo potrebbe far pensare a un atteggiamento più moderato. Ma il presidente cipriota Nicos Anastasiadis ha controbattuto osservando che la Turchia ha respinto i precedenti tentativi di mediazione e si è rifiutata di presentare richieste di arbitrato internazionale.

È ingenuo aspettarsi risultati da un giorno all’altro. Israele e il Libano hanno negoziato per un decennio, subendo diverse battute d’arresto prima di giungere a una svolta. In confronto, molte delle altre dispute marittime della regione sono più indietro nel processo. A complicare le cose, l’Europa prevede di passare in misura considerevole alle energie rinnovabili entro la fine del decennio. Il lato positivo è che Grecia, Turchia e Cipro non devono affrontare le interferenze di un attore non statale come Hezbollah.

L’accordo tra Israele e Libano suggerisce che il giusto equilibrio tra tempismo, interessi compatibili e un mediatore investito può produrre una svolta. Risolvere le controversie marittime non significa solo estrarre le risorse, ma anche eliminare le fonti di conflitto e sviluppare gradualmente la fiducia tra le parti in causa. Anche se l’era degli idrocarburi sta lentamente volgendo al termine, ci sono molteplici ragioni per cui gli Stati Uniti, l’Europa e gli Stati del Mediterraneo orientale dovrebbero perseguire simili tipi di accordi marittimi nei mesi e negli anni a venire. Il modello fornito da Israele e dal Libano è un ottimo punto di partenza.

Gabriel Mitchell è direttore degli studi universitari presso l’Università di Notre Dame a Tantur e policy fellow presso il Mitvim Institute. Sta completando il dottorato di ricerca in Governo e relazioni internazionali presso la Virginia Tech University. Seguitelo su Twitter all’indirizzo @GabiAMitchell

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Previous Story

L’Iran annuncia di aver costruito un missile balistico ipersonico

Next Story

Netanyahu è tornato. Ecco le sfide che lo attendono

Latest from Medio Oriente

Go toTop