Come l’esercito cinese sta diventando globale

8 Settembre 2023
esercito e marina cinese

Di Craig Singleton
Singleton è analista esperto della Cina e membro anziano presso la Foundation for Defense of Democracies di Washington.

Nella base navale di Ream, in Cambogia, la Cina sta per completare quello che i funzionari statunitensi sospettano sarà il suo primo avamposto militare all’estero nella regione indo-pacifica.

Ciò rappresenta un’importante evoluzione nella strategia di difesa regionale di Pechino. Oltre a facilitare l’avventurismo militare cinese nel Mar Cinese Meridionale, la nuova base potrebbe fornire all’Esercito Popolare di Liberazione, o P.L.A., un terreno importante per monitorare e influenzare rotte marittime vitali come lo Stretto di Malacca, attraverso il quale si stima passi il 40% del commercio mondiale.

Ma la base è anche una evidenza del più ampio abbraccio di Pechino a una strategia innovativa per sfidare la forza militare americana, che ha implicazioni potenzialmente gravi per Washington e i suoi alleati.

La missione militare cinese in espansione è incentrata sulla creazione di quelli che definisce “punti di forza strategici” lungo le principali rotte commerciali, energetiche e delle risorse della Cina, in particolare quelle che dalla Cina attraversano lo Stretto di Malacca e si dirigono verso l’Oceano Indiano e il Golfo di Aden. La Cina ha dichiarato chiaramente che questi punti sono progettati per “fornire supporto alle operazioni militari all’estero” ed “esercitare influenza politica e militare” all’estero.

Le informazioni e le immagini di fonte intelligence open source suggeriscono che la Cina sta gettando le basi per questa rete, con progetti completati o potenziali che si estendono da Gibuti in Africa orientale e dalla Guinea Equatoriale sulla costa atlantica dell’Africa alle Isole Salomone nel Pacifico meridionale.

La strategia di difesa della Cina si è storicamente concentrata sulla difesa del territorio cinese più vicino a casa. Ma con la crescita della sua forza militare e dei suoi interessi all’estero, Pechino si è orientata verso il dispiegamento di mezzi militari più all’estero.

La Cina rimane molto svantaggiata dal punto di vista tattico rispetto agli Stati Uniti, che mantengono una rete di centinaia di basi militari in più di 80 Paesi. Ma la Cina ha ora la più grande marina militare del mondo. Questo, unito al suo nuovo approccio – più snello ed economico rispetto alla strategia statunitense “everywhere-at-once” – potrebbe intaccare i margini dell’America, dando a Pechino la possibilità di colpire obiettivi militari o di altro valore durante un conflitto o di neutralizzare la capacità dell’America di reindirizzare le proprie forze verso l’immediata periferia della Cina, qualora si verificasse un conflitto in quella zona.

Nel costruire questa architettura, la Cina sta utilizzando le basi già gettate dalla sua vasta Belt and Road Initiative, iniziata un decennio fa e incentrata sulla rivitalizzazione delle infrastrutture nei porti di tutto il mondo con l’obiettivo di espandere il potere economico e politico cinese. Progetti un tempo commerciali vengono ora riadattati con mezzi militari.

I politici statunitensi preoccupati non devono nemmeno guardare oltre Gibuti, il primo “punto di forza strategico” cinese all’estero. Nel 2015, la Cina ha iniziato i lavori per la costruzione di un porto civile multifunzionale nel Paese, situato dove il Mar Rosso incontra l’Oceano Indiano. Il porto, vicino al Camp Lemonnier dell’esercito statunitense, si è trasformato in una base pesantemente fortificata. Secondo la piattaforma di intelligence Stratfor, comprende più di 250.000 metri quadrati di bunker sotterranei – una tecnica comune del P.L.A. per nascondere l’artiglieria e altre munizioni ai satelliti spia.

Cambiamenti simili sono in atto nel porto di Khalifa, negli Emirati Arabi Uniti, dove un conglomerato marittimo cinese ha costruito e ora gestisce un terminal commerciale per container. I funzionari dell’amministrazione Biden ritengono che la Cina stia costruendo una struttura militare segreta lì, a circa 50 miglia da una base aerea degli Emirati Arabi Uniti che ospita un’importante unità dell’aeronautica statunitense. In Pakistan, Pechino ha recentemente consegnato due fregate navali per salvaguardare un progetto infrastrutturale multimiliardario che include il porto di Gwadar, finanziato da Pechino, dove si ritiene che la Cina stia considerando di stabilire una presenza navale.

I punti di forza strategici della Cina possono tradursi in nuove basi che potrebbero essere aree di sosta avanzate per le sue forze armate o piattaforme per spiare i militari stranieri. In altri casi, potrebbe raggiungere accordi di accesso con i Paesi ospitanti che consentano il rifornimento di carburante, le riparazioni e le soste di breve durata di mezzi o personale militare cinese.

Ma le guerre di domani non coinvolgeranno solo navi e aerei. Comprenderanno anche pesanti componenti di guerra cibernetica ed elettronica e di spazio. Pechino si sta posizionando per vincere anche su questa nuova frontiera.

Quasi dieci anni fa, il presidente Xi Jinping ha incaricato la P.L.A. di stabilire “una nuova dottrina militare, istituzioni, sistemi di equipaggiamento, strategie e tattiche” per condurre la “guerra dell’informazione”. La Forza di Supporto Strategico cinese, o S.S.F. – una parte dell’esercito che supervisiona lo spazio, il cyberspazio, le comunicazioni e la guerra psicologica – è stata incaricata di mettere in pratica questa visione. La S.S.F. è attualmente presente in quattro avamposti noti in Argentina, Pakistan, Kenya e Namibia, che gestiscono stazioni di rilevamento e telemetria per il programma spaziale militare cinese. La Cina avrebbe anche una stazione di intercettazione recentemente scoperta a Cuba e le immagini satellitari suggeriscono che ha costruito un’infrastruttura di intelligence dei segnali su scogliere bonificate nel Mar Cinese Meridionale.

Il personale di queste e potenzialmente di altre località potrebbe, secondo i rapporti trapelati dell’intelligence statunitense, condurre operazioni per “negare, sfruttare o dirottare” i satelliti statunitensi. Potrebbero anche condurre una guerra cibernetica e cognitiva contro le infrastrutture americane o alleate – una componente fondamentale della strategia cinese per minare la superiorità militare americana, compresa la diffusione di false informazioni su un avversario per degradare il suo processo decisionale.

Questi “punti di forza” potrebbero dare alla Cina la capacità di distrarre e sovraestendere le forze statunitensi e alleate in diversi teatri operativi, sfruttando al contempo i più stretti legami militari ed economici di Pechino con altri Paesi per fare pressione su di essi affinché limitino l’accesso alle basi statunitensi. Se la Cina dovesse sfruttare questa struttura d’oltremare durante un conflitto su Taiwan, potrebbe creare un dilemma per gli strateghi americani, costringendoli a stabilire una priorità tra la difesa dell’isola e la risposta alle azioni di diversione cinesi altrove.

Tuttavia, mentre la Cina ha messo in atto questa strategia di vasta portata negli ultimi anni, il governo degli Stati Uniti è sembrato spesso giocare una partita di briscola reattiva. Durante la mia permanenza nel governo statunitense, ho visto come Washington abbia aspettato che gli accordi di accesso cinesi fossero finalizzati o quasi completati negli Emirati Arabi Uniti, nella Guinea Equatoriale e nelle Isole Salomone prima di inviare delegazioni di alto livello per informare quei governi sui rischi percepiti di ospitare una struttura militare cinese.

I responsabili politici di Washington devono rendersi conto della profondità strategica delle mosse della Cina ed elaborare una strategia per neutralizzarle preventivamente, compresi incentivi o punizioni per convincere i governi ospitanti a respingere i progressi militari della Cina. Un unico funzionario di alto livello dovrebbe essere incaricato di guidare questo sforzo.

Per cominciare, i responsabili politici statunitensi dovrebbero rivolgere la loro attenzione alla piccola nazione dell’Africa occidentale del Gabon. Negli ultimi anni, la Cina e il Gabon hanno sviluppato notevoli legami militari. Una base in Gabon o nella vicina Guinea Equatoriale – già identificata dagli Stati Uniti come un probabile obiettivo di base del P.L.A. – potrebbe consentire alla Cina di proiettare per la prima volta la propria potenza nell’Oceano Atlantico.

Sottotraccia, Pechino sta compiendo mosse che potrebbero rimodellare il panorama militare globale. L’America deve smettere di giocare a rimpiattino ed elaborare una strategia per rimanere all’avanguardia.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
rivolte iran e rapporti tra europa e iran
Previous Story

Iran, una sfida geopolitica per l’Europa tutta da rivedere

cooperazione UE ASEAN
Next Story

Ripensare le relazioni UE-ASEAN: Sfide e opportunità

Latest from Intelligence

Go toTop