risposta iraniana con missili

Mercoledì l’IDF ha annunciato di aver rafforzato il suo schieramento di difesa aerea e di aver richiamato un certo numero di riservisti, mentre il Paese si prepara ad una più che probabile risposta iraniana all’attacco in Siria all’inizio della settimana, in cui sono stati uccisi diversi alti funzionari militari iraniani.

Sia l’Iran che il suo proxy Hezbollah hanno giurato che Israele non rimarrà impunito per l’attacco di lunedì a un edificio consolare vicino all’ambasciata iraniana a Damasco, che ha ucciso Mohammad Reza Zahedi, il più alto ufficiale del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche in Siria, insieme al suo vice, ad altri cinque ufficiali dell’IRGC e ad almeno un membro del gruppo terroristico Hezbollah.

Un notiziario di Channel 12, che rifletteva sulle preoccupazioni israeliane su una possibile rappresaglia, ha sottolineato la possibilità che l’Iran risponda lanciando missili direttamente dal proprio territorio piuttosto che attraverso uno dei suoi gruppi per procura, che comprende milizie in Libano, Iraq e Yemen.

Se da un lato Israele potrebbe accontentarsi di lasciare che il ciclo di ostilità si esaurisca, dall’altro, nel caso in cui l’Iran rispondesse attraverso un proxy, come una raffica di razzi di Hezbollah, un attacco dal territorio iraniano spingerebbe probabilmente le Forze di Difesa israeliane a lanciare una rappresaglia significativa, rischiando di far precipitare ulteriormente le tensioni.

“Non sarei sorpreso se l’Iran sparasse direttamente contro Israele”, ha dichiarato alla rete l’ex capo dell’intelligence militare Amos Yadlin, spiegando che un attacco missilistico effettuato a gennaio dall’Iran contro il vicino Pakistan ha creato un precedente per tale azione.

Secondo i media in lingua ebraica, la decisione di rafforzare le difese aeree e di richiamare le truppe è stata presa in seguito a una valutazione della minaccia.

Dopo l’attacco di lunedì, Hezbollah ha lanciato diversi razzi contro Israele dal Libano, anche se non ci sono indicazioni che vadano oltre il quotidiano fuoco transfrontaliero che dall’8 ottobre ha aumentato la tensione alla frontiera settentrionale di Israele.

La Guida Suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, ha giurato vendetta per l’attacco di lunedì e manifesti che ripetono le sue parole sono stati affissi in tutta Teheran, in segno di pressione pubblica per una risposta iraniana.

“La sconfitta del regime sionista a Gaza continuerà e questo regime sarà vicino al declino e alla dissoluzione”, ha detto Khamenei in un discorso ai funzionari del Paese a Teheran tenutosi mercoledì.

“Gli sforzi disperati come quello che hanno commesso in Siria non li salveranno dalla sconfitta. Naturalmente, saranno anche schiaffeggiati per questa azione”, ha aggiunto.

Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha dichiarato mercoledì che Israele sta “aumentando la preparazione” di fronte alle minacce provenienti da tutto il Medio Oriente.

Parlando ad un’esercitazione ad Haifa, Gallant ha detto che l’establishment della difesa del Paese sta “espandendo le nostre operazioni contro Hezbollah, contro altri organismi che ci minacciano”, e ha ribadito che Israele “colpisce i nostri nemici in tutto il Medio Oriente”.

“Dobbiamo essere preparati e pronti per ogni scenario e ogni minaccia”, contro nemici vicini e lontani”, ha detto Gallant, assicurando che “sapremo come proteggere i cittadini di Israele e sapremo come attaccare i nostri nemici”.

In merito agli attacchi quotidiani al confine settentrionale da parte degli Hezbollah in Libano, sostenuti dall’Iran, Gallant ha affermato che uno dei problemi principali che Israele sta affrontando è come permettere a circa 80.000 israeliani sfollati di tornare alle loro case nel nord di Israele.

“Preferiamo… un accordo che porti alla rimozione della minaccia, ma dobbiamo prepararci alla possibilità di [usare] la forza in Libano, che può anche prendere in considerazione lo scenario che stiamo descrivendo qui, che è uno scenario di guerra, e dobbiamo essere preparati a questo problema e capire che può accadere”, ha detto Gallant.

L’esercitazione ha valutato il coordinamento tra le autorità locali, i ministeri e i servizi di soccorso in uno scenario di guerra, “alla luce della crescente necessità di riportare i residenti del nord alle loro case”, ha dichiarato il Ministero della Difesa.

Dall’8 ottobre, le forze guidate da Hezbollah hanno attaccato quasi quotidianamente le comunità e le postazioni militari israeliane lungo il confine, affermando di farlo per sostenere Gaza, in piena guerra.

Finora, le scaramucce al confine hanno provocato otto morti civili da parte israeliana e la morte di 10 soldati e riservisti dell’IDF. Ci sono stati anche diversi attacchi dalla Siria, senza alcun ferito. Hezbollah ha quantificato in 267 i suoi membri uccisi da Israele durante le schermaglie in corso, soprattutto in Libano, ma alcuni anche in Siria.

In Libano sono stati uccisi altri 50 agenti di altri gruppi terroristici, un soldato libanese e almeno 60 civili, tre dei quali erano giornalisti.

Il presunto attacco israeliano a Damasco è avvenuto dopo che Israele ha indicato che stava intensificando l’azione contro Hezbollah, colpendo siti più profondi all’interno del Libano, nel tentativo di fare pressione sul gruppo affinché cessasse il lancio quotidiano di razzi.

Il fatto è avvenuto poche ore dopo che una milizia sostenuta dall’Iran ha lanciato un drone contro Eilat, colpendo una base navale, in uno degli attacchi più gravi contro Israele dallo scoppio della guerra il 7 ottobre.

Parlando a condizione di anonimato, funzionari statunitensi hanno detto che stavano osservando da vicino per vedere se, come in passato, i proxy sostenuti dall’Iran avrebbero attaccato le truppe statunitensi di stanza in Iraq e Siria dopo l’attacco israeliano di lunedì, ma non avevano raccolto alcuna informazione che suggerisse che lo avrebbero fatto.

Questi attacchi iraniani sono cessati a febbraio, dopo che Washington si è vendicata dell’uccisione di tre truppe statunitensi in Giordania con decine di attacchi aerei su obiettivi in Siria e in Iraq legati al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane e alle milizie che esso sostiene.

Una fonte statunitense estremamente attendibile che ha parlato a condizione di anonimato, ha detto che l’Iran si è trovato di fronte al dilemma di voler rispondere per scoraggiare ulteriori attacchi israeliani, evitando al contempo una guerra totale.

“Si sono trovati di fronte al dilemma che, se rispondessero, potrebbero dare il via a un confronto che chiaramente non vogliono”, ha dichiarato. “Stanno cercando di modulare le loro azioni in modo da dimostrare che sono reattivi ma non provocano un’escalation”.

“Se non rispondessero in questo caso, sarebbe davvero un segnale che la loro deterrenza è una tigre di carta”, ha aggiunto, affermando che l’Iran potrebbe attaccare Israele vero e proprio, le ambasciate israeliane o le strutture ebraiche all’estero.

Il funzionario statunitense ha affermato che, data l’importanza dell’attacco israeliano, l’Iran potrebbe essere costretto a rispondere attaccando gli interessi israeliani, piuttosto che colpire le truppe statunitensi.

Anche Elliott Abrams, esperto di Medio Oriente presso il think tank statunitense Council on Foreign Relations, ha affermato di ritenere che l’Iran non voglia una guerra totale con Israele, ma che potrebbe colpire gli interessi israeliani.

“Penso che l’Iran non voglia una grande guerra Israele-Hezbollah in questo momento, quindi qualsiasi risposta non avverrà sotto forma di una grande azione di Hezbollah”, ha detto Abrams, riferendosi al gruppo libanese visto come il più potente proxy militare di Teheran.

“Hanno molti altri modi per rispondere… ad esempio cercando di far saltare in aria un’ambasciata israeliana”, ha aggiunto.

L’Iran potrebbe anche rispondere accelerando il suo programma nucleare, che Teheran ha incrementato da quando, nel 2018, l’allora presidente americano Donald Trump ha abbandonato l’accordo sul nucleare iraniano del 2015, progettato per limitarlo in cambio di benefici economici.

Ma i due passi più drammatici – l’aumento della purezza dell’uranio arricchito al 90%, considerato una qualità da bomba, o la ripresa dei lavori per la progettazione di un’arma vera e propria – potrebbero ritorcersi contro e invitare Israele o gli Stati Uniti a colpire.

“Entrambe le cose verrebbero viste da Israele e dagli Stati Uniti come una decisione di dotarsi di una bomba. Quindi… stanno correndo un grosso rischio. Sono pronti a farlo? Non credo”, ha detto la fonte, che segue da vicino la questione.