Cresce l’indecente pressione sull’Ucraina per porre fine al conflitto

12 Dicembre 2022

Di Aaron Rhodes – Secondo quanto riferito, gli attivisti europei stanno pianificando manifestazioni di massa per il 15 febbraio 2023, quasi 20 anni dopo che le più grandi manifestazioni della storia europea hanno portato milioni di persone in piazza per protestare contro una possibile invasione statunitense dell’Iraq. Gli attivisti non protesteranno contro l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, ma piuttosto chiederanno un cessate il fuoco che rafforzerebbe la traballante presa della Russia sul territorio ucraino catturato e consentirebbe alle malconce forze russe di riorganizzarsi.

Il Presidente russo Vladimir Putin ha decretato che nessun negoziato per porre fine alla sua guerra contro l’Ucraina può avere luogo senza un preventivo accordo sulle richieste della Russia. Queste includono, come minimo, il mantenimento del controllo delle parti dell’Ucraina che sono state occupate e annesse.

I negoziati tra l’Ucraina e la Russia significherebbero quindi l’acquiescenza allo smembramento di uno Stato sovrano e alla modifica dei confini riconosciuti a livello internazionale con un’aggressione militare.

I cittadini ucraini sono in maggioranza contrari ai negoziati e il 22 ottobre il Presidente Volodymyr Zelensky ha firmato un decreto che rifiuta i colloqui diretti.

Il “suggerimento” che l’Ucraina sia in qualche modo responsabile dello spargimento di sangue relativo all’aggressione russa

Ciononostante, il governo e la società civile ucraini continuano a subire le richieste, provenienti da fonti molto diverse, di porre fine al conflitto negoziando con la Russia. In queste richieste è insita l’implicazione che, rifiutando di accettare il dominio della Russia sulle parti occupate dell’Ucraina (più del 15% del suo territorio), l’Ucraina e i suoi sostenitori nell’Occidente democratico siano responsabili del continuo spargimento di sangue, della distruzione e del dissesto economico globale.

Secondo l’agenzia di stampa Meduza, che monitora le fonti governative russe, Vladimir Putin stesso ha sollevato l’argomento dei negoziati… a metà settembre, dicendo: «Faremo di tutto per garantire che tutto questo finisca il più rapidamente possibile. Purtroppo, solo la parte avversa, la leadership ucraina, ha dichiarato il suo rifiuto di negoziare, ha dichiarato di voler raggiungere i suoi obiettivi con mezzi militari, come si dice, sul campo di battaglia».

Quando Zelensky ha proposto una “formula di pace per l’Ucraina” al vertice del G20 di Bali, in Indonesia, il 15 novembre, le forze armate russe hanno risposto con colpi di artiglieria che hanno interrotto il riscaldamento, l’acqua e l’elettricità per milioni di cittadini ucraini. Un funzionario russo ha dichiarato che il fuoco di sbarramento è stato una punizione per “la mancata volontà della parte ucraina di risolvere il problema, di entrare in trattative…”.

Secondo l’Istituto tedesco per gli Affari Internazionali e di Sicurezza (Stiftung Wissenschaft und Politik), con sede a Berlino, le condizioni poste dalla Russia per porre fine alla guerra equivalevano a una capitolazione totale e alla dissoluzione dello Stato ucraino: l’Ucraina doveva deporre le armi, rinunciare a qualsiasi intenzione di aderire alla NATO, accettare uno status di neutralità permanente, concedere alla lingua russa lo status ufficiale, riconoscere la Crimea come russa e le cosiddette repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk come indipendenti, e “de-nazificare” e “smilitarizzare”. In altre parole, avrebbe dovuto subire un cambio di regime a piacimento di Mosca.

A chi giova davvero un negoziato con la Russia?

Apparentemente insensibili a questi ostacoli morali, politici e pratici, le richieste di negoziazione rivelano molto sui principi morali dei loro autori, sulle loro priorità e sulla loro comprensione della storia e della realtà politica.

Molti appelli all’Ucraina affinché negozi con la Russia hanno motivazioni apertamente economiche. I leader economici e politici degli Stati europei, le cui economie hanno prosperato e sono diventate dipendenti dalle importazioni di energia russa, vogliono che questa guerra si risolva in modo che le sanzioni contro la Russia non minaccino ulteriormente le economie e gli stili di vita dell’Europa occidentale.

In agosto, un gruppo di parlamentari socialdemocratici tedeschi, tra cui membri del Parlamento europeo, ha chiaramente suggerito che gli sforzi di autodifesa dell’Ucraina fanno parte di una sindrome in cui Ucraina e Russia sono moralmente equivalenti. “La spirale di escalation deve essere fermata”, si legge nella lettera, che chiede un “modus vivendi”. L’ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder, dopo aver incontrato Putin, ha dichiarato al settimanale Stern che «la buona notizia è che il Cremlino vuole una soluzione negoziata».

Su Twitter, gli osservatori hanno scherzato sul fatto che Schroeder fosse stato a Mosca per “ritirare lo stipendio”. Il ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, ha dichiarato: «Sentiamo molte dichiarazioni incaute, come “non è necessario avere un’integrità territoriale assoluta, dobbiamo negoziare, dobbiamo cercare un compromesso in modo da poter finalmente avere di nuovo la pace”».

Ma nel corso della guerra, molti hanno espresso esasperazione per i suggerimenti tedeschi secondo i quali l’Ucraina dovrebbe accogliere le richieste russe in vista di un’inevitabile vittoria russa – suggerimenti che non sembrano essere stati mitigati dai successi ucraini sul campo di battaglia.

I negoziati sono stati visti anche come la chiave per mantenere la cooperazione politica tra gli Stati occidentali e il regime di Putin e una stabile “architettura di sicurezza” europeo-russa.

A maggio e di nuovo a giugno, il presidente francese Emanual Macron ha notoriamente messo in guardia «dall’umiliare la Russia». Macron si è detto «convinto che il ruolo della Francia sia quello di essere una potenza mediatrice», un ruolo che non può essere realizzato senza la volontà dei leader ucraini di negoziare, il che significa, in parole povere, accettare la spartizione del loro territorio – difficilmente una ricetta per la sicurezza regionale.

Gli Stati Uniti hanno fornito una notevole assistenza militare, umanitaria ed economica all’Ucraina (anche se non in proporzione ad altri sostenitori come gli Stati baltici), e il Presidente Joe Biden non ha accolto i suggerimenti provenienti da entrambi i partiti politici statunitensi di negoziare la fine della guerra alle spalle di Zelensky e di rimanere fuori dal conflitto.

Secondo l’ex funzionario del Dipartimento di Stato Eliot Cohen, il presidente dello Stato Maggiore Mark Milley «ha creato allarme tra gli amici dell’Ucraina suggerendo in diversi forum che l’Ucraina ha combattuto contro le forze russe fino a una “situazione di stallo” e che – data la situazione di stallo che si sta delineando sul terreno e l’inizio dell’inverno – i tempi potrebbero essere maturi per i negoziati tra Kiev e Mosca», suggerendo una mancanza di pazienza strategica e di forza di resistenza che incoraggia solo la Russia.

Diversi attori della società civile hanno lanciato gli appelli più stridenti e ideologici affinché l’Ucraina negoziasse con la Russia. Anche nel periodo precedente l’invasione, molti “attivisti per la pace”, come quelli che compongono la “Stop that War Coalition”, con sede nel Regno Unito, hanno adottato la narrativa della propaganda russa per argomentare contro la guerra, senza affrontare il problema della massiccia preparazione della Russia a un assalto militare contro l’Ucraina; la sua recente annessione illegale e la sovversione di parti del Paese; il suo approccio trasparentemente degradante nei confronti della dignità e del diritto all’autodeterminazione del popolo ucraino; e le sue palesi minacce di guerra se le sue richieste non saranno soddisfatte. Gli attivisti hanno incolpato l’industria bellica e la NATO di una “corsa alla guerra”, ignorando il fatto che la Russia ha violentemente aggredito e parzialmente occupato l’Ucraina dal 2014.

Oggi, i politici pacifisti, i movimenti contro la guerra e le organizzazioni non governative sostengono che l’invio di armi all’Ucraina e il “discorso guerrafondaio” in Occidente sono ciò che perpetua la guerra. I leader russi fanno pressioni sui governi occidentali per indurre l’Ucraina a negoziare e forse, come faceva l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda, manipolano i gruppi pacifisti.

Un centimetro diventerebbe facilmente un chilometro

Un eventuale cessate il fuoco, ottenuto con negoziati alle condizioni della Russia, non porrebbe fine alla guerra della Russia contro l’Ucraina e rappresenterebbe un’acquiescenza che incoraggerebbe solo un’ulteriore aggressione.

Non ci può essere confusione sulle motivazioni e le intenzioni della Russia, viste le chiare dichiarazioni di Putin, secondo cui la Russia mira a “riprendersi” ciò che ritiene sia di sua proprietà; la sovranità ucraina non esiste.

La mancata difesa di un Paese democratico attaccato e occupato illegalmente da un aggressore contribuisce all’espansione di regimi dittatoriali e totalitari in tutto il mondo e indebolisce la difesa dei diritti umani, in linea di principio e nella pratica. Mentre assistiamo a una pericolosa corrosione del rispetto per il diritto all’autodifesa di un Paese aggredito, tutti noi possiamo fare la nostra parte per porre fine all’orribile violenza in Ucraina convalidando tale diritto e rafforzandolo con il nostro sostegno morale, umanitario, politico e militare. (art. sul Kyiv Post)

Chi è l’autore Aaron Rhodes è Senior Fellow della Common Sense Society e presidente del Forum for Religious Freedom-Europe. È stato Direttore Esecutivo della Federazione Internazionale di Helsinki per i Diritti Umani dal 1993 al 2007.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Israele minaccia di bombardare l’aeroporto di Beirut

Next Story

Rapporto sui crimini d’odio dell’FBI sottostima l’antisemitismo

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop