E ora Israele continui a colpire Hezbollah

Israele deve approfittare del momento difficile degli Hezbollah per eliminare il pericolo a nord prima che avvenga un nuovo 7 ottobre
1 Maggio 2024
hezbollah

Di David Daoud – Hezbollah, il più formidabile proxy dell’Iran, ha a malapena mosso un dito quando il suo protettore e finanziatore ha sparato più di 300 missili e droni contro Israele nelle prime ore del 14 aprile.

Il gruppo libanese ha sparato alcune decine di razzi, ma ha affermato che si trattava di una rappresaglia non per l’uccisione da parte di Israele del generale di brigata iraniano Mohammad Rezahedi, avvenuta il 1° aprile – l’uomo di punta di Teheran in Libano e Siria – ma per altri attacchi aerei nel sud del Libano. La relativa inazione è stata deliberata.

Hezbollah ha iniziato ad attaccare il nord di Israele l’8 ottobre per sostenere Hamas, la cui furia ha ucciso circa 1.200 israeliani e avrebbe presto provocato una risposta armata.

Tuttavia, attaccando Israele, Hezbollah si è imbarcato in una guerra di logoramento che non aveva previsto né voluto. I combattimenti, secondo il bilancio del gruppo, gli sono costati quasi 300 uomini, hanno esposto il suo arsenale in Libano agli attacchi israeliani e hanno fatto fuggire migliaia di suoi sostenitori.

Il gruppo terroristico è ora bloccato tra la sua retorica bellicosa e il timore di un contraccolpo popolare se provocasse un confronto più intenso con Israele.

Sebbene Hezbollah abbia giurato di combattere fino al cessate il fuoco a Gaza, la sua risposta alla morte di Zahedi dimostra che sta cercando una via d’uscita dagli scontri che lo stanno danneggiando più del suo avversario.

Zahedi era una figura centrale nella decennale relazione tra Teheran e Hezbollah. Generale della Forza Quds del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche iraniane, era incaricato di costruire i proxy del regime nel Levante. Zahedi ha servito a fianco di Hezbollah nei momenti critici della sua storia, compresi gli anni precedenti al ritiro di Israele dal Libano meridionale nel maggio 2000, la guerra civile siriana e le attuali schermaglie con Israele. Questi sforzi gli sono valsi l’onore di essere l’unico membro non libanese del Consiglio della Shura di Hezbollah, il suo supremo organo decisionale.

Hezbollah ha giurato che la morte di Zahedi sarà vendicata, ma ha insistito che la vendetta appartiene solo all’Iran. “Siate assolutamente certi”, ha tuonato il segretario generale Hassan Nasrallah ad aprile, “la rappresaglia iraniana per l’attacco al consolato sta arrivando, inevitabilmente, su Israele. Questo attacco è imminente e inevitabile”. Con ogni insistenza, Nasrallah sembrava voler sottolineare: Gli attacchi verranno dall’Iran, non da noi.

L’esitazione di Hezbollah è dovuta in parte alla povertà e al caos che hanno travolto il Libano negli ultimi anni. L’economia del Paese è implosa nel 2019 e non si è ancora ripresa del tutto. I cittadini libanesi, compresi i sostenitori di Hezbollah, faticano a procurarsi cibo, elettricità e altri beni di prima necessità.

Sebbene Hezbollah vanti notevoli capacità militari, è comunque limitato per paura di rappresaglie pubbliche. Dall’ottobre 2019, il gruppo si è tirato indietro, anche se Israele ha periodicamente oltrepassato le sue linee rosse, uccidendo combattenti in Siria o colpendo all’interno del Libano. I suoi leader diffidano delle strade libanesi, le cui miserie finanziarie non farebbero che peggiorare se i combattimenti di Hezbollah provocassero una conflagrazione con Israele. Per nascondere questa situazione alla sua base politica, Hezbollah esagera i suoi successi e le debolezze di Israele.

Il gruppo è entrato nella mischia l’8 ottobre, probabilmente sperando che la preoccupazione di Israele per Gaza e l’opposizione dell’Occidente a una guerra simultanea in Libano attenuassero la rappresaglia delle Forze di Difesa Israeliane. Questo avrebbe permesso alle forze di Hezbollah di proiettare forza senza incorrere in un costo proporzionato. I leader di Hezbollah hanno ripetutamente affermato di non volere una guerra più ampia con Israele, ma di essere pronti ad affrontarla.

Israele, da parte sua, non ha apprezzato questa rara opportunità di dettare le regole del gioco sul suo confine settentrionale. Pur essendo la parte più forte, Gerusalemme ha permesso a Hezbollah di definire i termini del conflitto a vantaggio dei terroristi. Hezbollah ha combattuto la fase più intensa della guerra civile siriana tra il 2011 e il 2017 gettando solo uno sguardo diffidente verso sud. Poi ha iniziato a recuperare le perdite di sangue e di denaro con relativa facilità. L’arsenale del gruppo all’interno del Libano è aumentato e il suo potere politico e sociale è diventato quasi incontestabile.

La moderazione di Israele è sembrata confermare la tesi più ampia di Hezbollah sullo Stato ebraico: l’“entità sionista” è “più debole di una ragnatela”, scoraggiata dalla capacità della resistenza di distruggerla. Il gruppo è stato così in grado di espandere il sostegno popolare, la pietra angolare della sua forza e della sua durata.

Per anni gli israeliani si sono accontentati di gestire Hezbollah, disposti a ritardare il confronto limitato necessario per avere la meglio ed evitare l’opposizione della comunità internazionale. Tuttavia, il 7 ottobre ha dimostrato il rischio letale di cercare di gestire un avversario che sta contemporaneamente pianificando di lanciare un attacco al momento giusto.

Nonostante le sue esitazioni, Hezbollah non ha intenzione di porre fine alla sua ricerca della distruzione di Israele. Accoppiando un cessate il fuoco a Gaza con uno in Libano, il gruppo chiede essenzialmente di essere risparmiato fino a quando la sua situazione interna, e quella dei suoi protettori e alleati, non sarà più stabile e le sue capacità più letali – idealmente sotto un ombrello nucleare iraniano.

Israele deve quindi sfruttare il suo vantaggio e l’errore di Hezbollah di lanciare una guerra di logoramento. Qualunque cosa accada a Gaza, Gerusalemme deve continuare a colpire il gruppo e le sue risorse, soprattutto in Libano. Se Israele accetta un cessate il fuoco con Hezbollah, il gruppo continuerà a costruire la sua macchina da guerra fino a quando sarà pronto a usarla per mettere nuovamente in pericolo lo Stato ebraico.

Daoud è senior fellow della Foundation for Defense of Democracies.

Autore Ospite

I migliori autori ed inviati delle maggiori testate internazionali tradotti dallo staff di Rights Reporter

SOSTIENICI USANDO STRIPE

ATACMS
Previous Story

Situazione aggiornata sulla guerra in Ucraina al 30 aprile

massacro del 7 ottobre hamas-isis
Next Story

Gli smemorati del massacro del 7 ottobre e del terrore islamico

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop