È tregua tra Israele e terroristi palestinesi dopo ore di violenza

3 Maggio 2023
gaza3

Israele e i gruppi terroristici di Gaza avrebbero concordato un cessate il fuoco mercoledì mattina all’alba, dopo una giornata di violenze scatenate dalla morte di un importante membro della Jihad islamica palestinese durante uno sciopero della fame in una prigione israeliana.

Le due parti hanno concordato una tregua che è entrata in vigore prima dell’alba, secondo quanto riportato da diverse fonti che hanno citato fonti palestinesi.

L’accordo è stato mediato da funzionari dell’Egitto, del Qatar e delle Nazioni Unite.

Una sirena di allarme è suonata vicino alla comunità israeliana meridionale di Nir Am poco dopo l’inizio del cessate il fuoco. Non sono stati segnalati feriti o danni né è stata confermata l’esistenza di un lancio di razzi.

Le Forze di Difesa Israeliane hanno dichiarato che, dopo una valutazione della situazione, hanno deciso che gli abitanti delle comunità confinanti con la Striscia possono tornare alle loro abitudini.

Il Consiglio regionale di Eshkol, che confina con Gaza, ha annunciato che le scuole saranno aperte come di consueto.

Il cessate il fuoco è stato annunciato circa 24 ore dopo che il Servizio carcerario israeliano ha annunciato la morte di Khader Adnan, del Jihad islamico palestinese, dopo uno sciopero della fame di 86 giorni.

Adnan era stato arrestato con l’accusa di terrorismo ed era in detenzione in attesa di processo.

Poco dopo l’annuncio della morte di Adnan, quattro razzi sono stati lanciati da Gaza, senza causare feriti. In risposta, i carri armati dell’IDF hanno colpito un posto di osservazione di Hamas vicino al confine.

Martedì pomeriggio e sera, i terroristi di Gaza hanno lanciato altre decine di razzi e colpi di mortaio verso Israele. La maggior parte è stata intercettata dal sistema di difesa aerea Iron Dome, è atterrata in aree aperte o è caduta a terra all’interno di Gaza. Cinque hanno però colpito aree urbane nel sud di Israele, secondo la polizia.

Uno dei razzi ha colpito un cantiere edile nella città di Sderot, ferendo gravemente un cittadino straniero di 25 anni e ferendone leggermente altri due, secondo il servizio di emergenza Magen David Adom.

I tre, che presentavano ferite da schegge, sono stati portati al Barzilai Medical Center di Ashkelon. In un comunicato successivo, l’ospedale ha dichiarato che le condizioni del ferito grave sono migliorate e che le sue condizioni sono moderate.

Una telecamera di sicurezza ha registrato un razzo che ha colpito un’area residenziale vicino ad Ashkelon.

La cosiddetta “Sala operativa congiunta” di varie fazioni terroristiche palestinesi nella Striscia di Gaza si è assunta la responsabilità degli attacchi missilistici.

In una dichiarazione di martedì pomeriggio, il collettivo, che comprende sia Hamas che la Jihad islamica, ha affermato che gli attacchi sono stati una risposta alla morte di Adnan.

I gruppi terroristici hanno lanciato almeno 37 razzi contro Israele nel corso della giornata.

A parte il fuoco dei carri armati nelle prime ore del mattino, l’IDF si è astenuto dal rispondere immediatamente al lancio di razzi.

Il governo del Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha però subito forti pressioni per una rappresaglia, in gran parte provenienti dall’interno della sua stessa coalizione.

Il tasso di approvazione del blocco di destra è diminuito da quando è tornato al potere quattro mesi fa, promettendo di ripristinare la sicurezza, solo per essere accolto da una serie prolungata di attacchi terroristici palestinesi mortali e da tensioni sulla sicurezza su altri fronti. Anche la spinta della coalizione a rivedere il sistema giudiziario è stata ampiamente impopolare, secondo i sondaggi, e ha provocato proteste massicce e prolungate in tutto il Paese.

Martedì sera, l’aviazione israeliana ha iniziato ad effettuare attacchi aerei contro obiettivi terroristici di Hamas in risposta ai razzi.

In un comunicato, l’IDF ha dichiarato che i jet dell’aviazione hanno preso di mira una serie di siti appartenenti al gruppo terroristico di Hamas.

Gli obiettivi includevano un campo di addestramento di Hamas; un’altra base che ospitava un sito di produzione di armi, un impianto di produzione di cemento e un sito di addestramento; un sito per i commando navali del gruppo; e un tunnel usato da Hamas nel sud di Gaza.

“L’attacco infligge un duro colpo alla capacità di Hamas di fortificarsi e armarsi”, ha dichiarato l’IDF.

I media palestinesi hanno riferito che sono state udite esplosioni nel nord e nel centro di Gaza.

Sempre secondo alcuni media palestinesi un uomo è stato gravemente ferito in un attacco aereo contro un sito appartenente ad Hamas. Le autorità di Hamas non hanno fornito alcuna conferma immediata.

Qualche ora dopo, l’IDF ha annunciato un’altra serie di attacchi aerei contro obiettivi simili di Hamas a Gaza.

Le sirene hanno continuato a suonare nelle comunità israeliane vicino al confine con Gaza fino alle prime ore dell’alba di mercoledì, fino a poco prima dell’annuncio del cessate il fuoco.

L’IDF ha detto che stava indagando sugli allarmi. Non sono stati confermati lanci di razzi, né sono stati segnalati feriti o danni.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

khader adnan
Previous Story

Israele: muore in prigione leader della Jihad Islamica. Razzi da Gaza

lucy dee con figlie
Next Story

Israele, uccisi i terroristi di Hamas che avevano sterminato una famiglia ebrea

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop