Israele: muore in prigione leader della Jihad Islamica. Razzi da Gaza

Khader Adnan, considerato il portavoce della Jihad Islamica, è stato trovato morto dopo 86 giorni di sciopero della fame. La Jihad Islamica e Hamas promettono vendetta. Quattro razzi da Gaza

By redazione

Quattro razzi sono stati lanciati da Gaza martedì mattina, mentre Israele si preparava a una potenziale escalation dopo che Khader Adnan – un alto leader del gruppo terroristico palestinese della Jihad islamica – è morto mentre era in custodia israeliana dopo uno sciopero della fame di 86 giorni.

Le Forze di Difesa Israeliane hanno dichiarato che tre razzi lanciati intorno alle 6:30 hanno fatto scattare le sirene nella zona intorno al Kibbutz Sa’ad e sono atterrati in aree aperte.

Non sono stati lanciati missili intercettatori Iron Dome e non sono stati segnalati feriti o danni.

Poco dopo, un colpo di mortaio lanciato dalla Striscia è atterrato vicino alla barriera di sicurezza, ha dichiarato l’IDF. Non sono suonate sirene perché il proiettile era diretto verso un’area non popolata.

Khader Adnan è stato trovato privo di sensi nella sua cella nella prigione di Nitzan, nella città centrale di Ramle, prima dell’alba di martedì. È stato portato al Centro medico Shamir, fuori Tel Aviv, e sottoposto a tentativi di rianimazione, ma è stato dichiarato morto in ospedale. A riferirlo è stato il servizio carcerario israeliano.

L’establishment della difesa si sta preparando a una potenziale escalation di violenza sulla scia della morte di Adnan. Ci si aspettava inoltre che l’IDF risponda all’attacco missilistico.

In una dichiarazione, la Jihad islamica palestinese ha avvertito che “l’occupazione pagherà il prezzo della morte di Adnan” e ha chiesto uno sciopero generale in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

“La sua morte sarà una lezione per le generazioni. Non abbandoneremo questa strada finché la Palestina rimarrà sotto occupazione”, ha dichiarato il gruppo terroristico.

Il gruppo terroristico di Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, ha dichiarato che “l’occupazione ha la piena responsabilità della morte di Khader Adnan”.

Il portavoce di Hamas, Hazem Kassem, ha descritto la morte di Adnan dopo 86 giorni di sciopero della fame come una “esecuzione a sangue freddo da parte dei servizi di sicurezza israeliani” e ha avvertito di un’escalation.

“Il popolo palestinese non lascerà passare sotto silenzio questo crimine e risponderà di conseguenza. Il percorso della rivoluzione e della resistenza si intensificherà”, ha affermato.

Kassem ha anche criticato la comunità internazionale, affermando che “sta a guardare e non sostiene i prigionieri palestinesi, incoraggiando così l’occupazione a continuare i suoi crimini”.

L’Autorità Palestinese ha chiesto un’indagine internazionale sulla morte del prigioniero e ha dichiarato che presenterà una denuncia alla Corte Penale Internazionale.

Il primo ministro dell’Autorità Palestinese Mohammad Shtayyeh ha definito la morte di Adnan un “assassinio deliberato”.

Adnan, 45 anni, è stato arrestato a febbraio nella sua città natale di Arrabeh, nel nord della Cisgiordania vicino a Jenin, per sospetta appartenenza a un gruppo terroristico, sostegno a un’organizzazione terroristica e incitamento alla violenza.

Una fonte della sicurezza israeliana ha dichiarato che Adnan “non era un membro anziano, non era un leader e non stava scontando una condanna a vita”.

“Ha iniziato uno sciopero della fame e si è rifiutato categoricamente di ricevere cure mediche, mettendo in pericolo la sua vita”, ha aggiunto la fonte.

Adnan era stato incriminato ed era tenuto in custodia fino alla fine del procedimento legale contro di lui.

Ha iniziato lo sciopero della fame subito dopo l’arresto, il 5 febbraio, rifiutandosi di sottoporsi a controlli medici o di ricevere cure durante la detenzione.

Il trattamento e le condizioni dei detenuti per terrorismo, spesso indicati come prigionieri di sicurezza, sono un punto critico del conflitto israelo-palestinese.

La settimana scorsa, la moglie di Adnan, Randa Mousa, ha dichiarato all’AFP che il prigioniero era detenuto nella clinica del carcere di Nitzan.

“Rifiuta qualsiasi sostegno, rifiuta le visite mediche. È in una cella con condizioni di detenzione molto difficili”, ha detto. “Si sono rifiutati di trasferirlo in un ospedale civile e di permettere al suo avvocato di visitarlo”.

Un medico del gruppo Physicians for Human Rights Israel ha visitato Adnan in prigione all’inizio di questa settimana e ha avvertito che “rischiava una morte imminente”, chiedendo che venisse “trasferito con urgenza in un ospedale”.

Il gruppo ha dichiarato che Adnan “faticava a muoversi e a mantenere una conversazione di base, apparendo pallido, debole, esausto e pericolosamente emaciato”, secondo una dichiarazione rilasciata lunedì.

L’ultima detenzione di Adnan è stata la sua decima nel sistema carcerario israeliano. I funzionari israeliani hanno dichiarato che è stato detenuto complessivamente 13 volte.

Adnan è stato a lungo accusato di essere un portavoce della Jihad islamica e negli ultimi anni è stato arrestato più volte e ha scontato diverse pene detentive in relazione alle sue attività per il gruppo.

Dopo il suo arresto, avvenuto il 5 febbraio, Adnan è stato incriminato per attività a favore della Jihad islamica. Per questo motivo, è stato trattenuto in attesa del processo. L’udienza era stata fissata per il 10 maggio.

In precedenza, Adnan aveva iniziato quattro volte lo sciopero della fame per la sua detenzione, anche per un arresto avvenuto nel 2018. In quel caso, era stato condannato per essere stato un membro attivo del gruppo terroristico sostenuto dall’Iran, dopo essersi dichiarato colpevole in un patteggiamento.

Nel 2012 ha iniziato uno sciopero della fame di 66 giorni per protestare contro un periodo di internamento.

Nel 2015 è rimasto senza cibo per oltre 50 giorni dopo un altro arresto.

È stato arrestato per sospetta attività terroristica anche nel 2019.

Il ministro della Sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir ha assunto il controllo delle carceri israeliane quando è entrato in carica a dicembre e ha spinto per una gestione più rigorosa dei prigionieri di sicurezza. Il suo ministero supervisiona anche la polizia e la polizia di frontiera.