Ecco come espellere legalmente la Russia dall’ONU

By redazione

DI Jeffrey Sonnenfeld e Sergiy Kyslytsya – Riuscite a immaginare despoti assetati di sangue come Adolf Hitler, Saddam Hussein o Pol Pot che presiedono il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, incaricato di preservare la pace e l’armonia globale?

Potrebbe sembrarlo, ma non si tratta di un pesce d’aprile. Il mese prossimo la Russia, e per estensione Vladimir Putin, assumerà la presidenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Ai noti scassinatori non vengono affidate banche da gestire, né ai condannati per reati sessuali vengono affidati asili nido. Allo stesso modo, non si dovrebbe permettere a Putin di farsi beffe della diplomazia internazionale diventando il volto della pace globale mentre intensifica la sua ingiusta invasione dell’Ucraina con nuovi attacchi quotidiani.

È difficile sopravvalutare i danni potenziali di un Putin con il martelletto in mano. Anche al di là del suo valore simbolico, la presidenza del Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha un potere istituzionale molto reale all’interno delle Nazioni Unite, presiedendo tutte le discussioni, applicando le regole, controllando il programma, il calendario e le credenziali per tutti i dibattiti e gestendo tutte le bozze di risoluzione. In passato la Russia si è dimostrata abile nell’abusare del vasto potere procedurale della Presidenza del Consiglio di Sicurezza.

Infatti, l’ultima volta che la Russia ha avuto la presidenza di turno del Consiglio di Sicurezza è stata, non a caso, nel febbraio 2022. Allora la Russia cercò di sfruttare il Consiglio di Sicurezza per confondere e fuorviare il mondo sulle sue reali intenzioni e le sue subdole macchinazioni miravano a impedire il sostegno internazionale all’Ucraina sia prima che subito dopo l’inizio dell’invasione del 24 febbraio.

Le Nazioni Unite sono un’istituzione imperfetta e sarebbe stato difficile per le Nazioni Unite rispondere efficacemente ai primi segnali di allarme dell’invasione russa dell’Ucraina, a causa della periodica paralisi burocratica. Tuttavia, il fatto che la Russia detenga la presidenza del Consiglio di Sicurezza ha esacerbato seriamente queste sfide e ha reso le Nazioni Unite largamente impotenti nel momento in cui il mondo ne aveva più bisogno, anche quando la comunità internazionale si è stretta attorno all’Ucraina.

Ad esempio, nelle settimane precedenti l’invasione, la Russia ha abusato della sua presidenza per consacrare alle riunioni del Consiglio di Sicurezza dei tirapiedi filorussi in qualità di “attivisti della società civile ucraina”, che apparentemente parlavano a nome della società civile ucraina e che erano legittimati dall’apparente imprimatur istituzionale dell’ONU. La loro disinformazione sul “malvagio regime ucraino” e le loro “intenzioni pacifiche” avrebbero dovuto confondere gli altri Paesi ed erodere gli sforzi della delegazione ucraina di costruire un sostegno internazionale per gli sforzi di pace dell’ultimo respiro all’interno delle sale insulari delle Nazioni Unite.

Nelle settimane precedenti l’invasione, la Russia ha manipolato le regole delle Nazioni Unite per imporre una condanna istituzionale senza precedenti delle sanzioni economiche, che è sfuggita all’Occidente ma che è stata felicemente diffusa in lungo e in largo dal Cremlino, soprattutto nei Paesi del terzo mondo. A quanto pare, la Russia pensava con due passi in avanti: quando l’invasione è scoppiata alla fine di febbraio, i propagandisti russi hanno subito sfruttato queste discussioni per erodere la legittimità della coalizione occidentale agli occhi dei Paesi in via di sviluppo.

Allo stesso modo, la Russia ha usato il Consiglio di Sicurezza come sede per pubblicizzare una zuppa alfabetica di organizzazioni internazionali fantoccio, tra cui il blocco militare di cui è a capo, la CSTO, fornendo a questi burattini di Putin una parvenza di legittimità internazionale proprio quando è iniziata l’invasione.

Questi esempi eclatanti non includono nemmeno altri innumerevoli modi, più piccoli, in cui la Russia ha fatto leva su oscure regole procedurali per rendere la vita difficile alla delegazione ucraina sia all’interno delle Nazioni Unite che nell’arena diplomatica più ampia.

Così come l’abuso della presidenza da parte della Russia lo scorso febbraio ha di fatto immobilizzato il Consiglio di Sicurezza nel momento di massimo pericolo, ora ci troviamo in una situazione analoga e, se il primo round è stato indicativo, le conseguenze di un secondo tentativo di Putin di prendere il martelletto sono davvero terribili. Con i segnali d’allarme che indicano che il sostegno globale all’Ucraina potrebbe essere sempre più teso, non ci vuole molta immaginazione per concepire come la Russia abuserà ancora una volta dei poteri della Presidenza per seminare disinformazione e spingere i cunei tra gli Stati membri delle Nazioni Unite.

Fortunatamente, i membri dell’ONU hanno una via d’uscita da questa previsione, se sono abbastanza coraggiosi da far rispettare la propria Carta delle Nazioni Unite.

Come altri hanno sottolineato, la base legale dell’adesione della Russia al Consiglio di Sicurezza è dubbia, poiché l’adesione non è mai stata soggetta a un voto di conferma, né la Russia è stata un membro fondatore delle Nazioni Unite.

Piuttosto, la Russia si è semplicemente accaparrata un posto a tavola per sé. Una volta sciolta l’URSS, tredici delle quindici ex repubbliche socialiste, dall’Armenia all’Azerbaigian all’Uzbekistan, hanno dovuto presentare domanda di adesione, senza che nessuna nazione avesse diritto all’ingresso, ad eccezione dell’Ucraina e della Bielorussia, che facevano parte dei membri originari insieme all’URSS dal 1945. Eppure, in qualche modo, come un ospite non invitato, la Russia si è presentata e ha iniziato a divorare i pasti degli altri commensali, anche se il desiderio della Russia di essere riconosciuta come Stato continuatore dell’URSS non è mai stato formalmente discusso o votato.

La mancanza di legittimazione legale della Russia si allinea al fatto che semplicemente non ha il potere politico, diplomatico o economico necessario per essere un membro permanente del Consiglio di Sicurezza. Le sue aspirazioni sono tristemente disallineate rispetto alle sue reali capacità. Nonostante la sua spavalderia come bullo di quartiere nell’Europa orientale, la Russia è un’economia in crisi con enormi deficit non finanziati e non è neanche lontanamente una superpotenza economica. Come abbiamo documentato, oltre 1.000 grandi multinazionali hanno abbandonato la Russia, paralizzando oltre un terzo della sua economia. La Russia non produce prodotti finiti sul mercato globale, mentre le sue materie prime sono prodotti di base, dal carburante al cibo, ai metalli, tutti accessibili altrove.

Non sorprende quindi che, in realtà, la Russia sia poco più che uno scroccone alle Nazioni Unite, a spese di nazioni molto più piccole. La Russia si è fatta strada nel Consiglio di Sicurezza nonostante contribuisca molto meno di qualsiasi altro membro permanente del Consiglio di Sicurezza, meno del 2% del bilancio delle Nazioni Unite, che è meno della metà dei contributi finanziari dell’Italia e paragonabile al contributo di bilancio di Stati molto più piccoli come i Paesi Bassi. Per fare un confronto, gli Stati Uniti forniscono il 22% del bilancio delle Nazioni Unite.

Per questo motivo, proponiamo un processo urgente in tre fasi per impedire a Putin di prendere il controllo del Consiglio di Sicurezza, invocando lo statuto stesso delle Nazioni Unite, e per allineare meglio la posizione della Russia alle sue reali capacità.

  1. Ora che la Russia è stata designata dall’ONU come Stato aggressore, i principali studiosi di diritto internazionale hanno notato che questo squalifica tecnicamente la Russia dal presiedere qualsiasi organo dell’ONU, tanto meno il Consiglio di Sicurezza dell’ONU. L’ONU dovrebbe quindi invocare la sua Carta e proibire alla Russia di assumere la presidenza del Consiglio di Sicurezza.
  1. La Russia dovrebbe essere rimossa dal Consiglio di Sicurezza e dall’Assemblea Generale, data la sua presenza illegale; se la Russia è interessata, può richiedere lo status di osservatore senza diritto di voto nell’Assemblea Generale come passo provvisorio.
  2. In seguito, la Russia dovrebbe presentare domanda formale di adesione, da discutere e votare sia nell’Assemblea Generale che nel Consiglio di Sicurezza, come ogni altro nuovo membro dell’ONU.

In definitiva, il Presidente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe salvaguardare la pace e l’armonia globale. Non si può permettere a Putin di rivendicare questo ruolo finché continua la sua invasione dell’Ucraina e gli Stati membri dell’ONU – in particolare Stati Uniti, Regno Unito e Francia, tre dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza – devono essere pronti a opporsi alla convocazione del Consiglio di Sicurezza sotto la guida illegittima del signore della guerra Putin. Queste azioni devono essere immediate – mancano solo due settimane prima che Putin prenda il controllo delle Nazioni Unite.

Sonnenfeld è Senior Associate Dean e Lester Crown Professor in Management Practice presso la Yale School of Management e Presidente dello Yale Chief Executive Leadership Institute; l'Amb. Sergiy Kyslytsya è il Rappresentante Permanente dell'Ucraina presso le Nazioni Unite, carica che ricopre dal 2020 quando è stato nominato dal Presidente Volodymyr Zelenskyy, dopo aver ricoperto il ruolo di Vice Ministro degli Esteri dell'Ucraina dal 2014 al 2020. (articolo in inglese)