Presentati i nuovi missili iraniani per la difesa aerea

L’Iran ha presentato nuovi armamenti, tra cui il sistema missilistico anti-balistico Arman di produzione locale e il sistema di difesa aerea a bassa quota Azarakhsh. Lo riferisce l’agenzia di stampa ufficiale IRNA.

L’annuncio giunge in un momento di tensione crescente nella regione, con i ribelli Houthi dello Yemen, sostenuti dall’Iran, che hanno effettuato una serie di attacchi alle navi nel Mar Rosso, sostenendo che gli atti ostili sono una dimostrazione di solidarietà con la Striscia di Gaza.

La cerimonia di presentazione dei due sistemi montati su veicoli si è svolta alla presenza del ministro della Difesa iraniano, il generale di brigata Mohammad Reza Ashtiani.

“Con l’ingresso dei nuovi sistemi nella rete di difesa del Paese, la capacità di difesa aerea della Repubblica Islamica dell’Iran aumenterà in modo significativo”, afferma l’IRNA.

Il sistema missilistico Arman “può affrontare simultaneamente sei bersagli a una distanza compresa tra 120 e 180 km”, mentre il sistema missilistico Azarakhsh “può identificare e distruggere bersagli… fino a una distanza di 50 km con quattro missili pronti al fuoco”.

A giugno l’Iran ha presentato quello che i funzionari hanno descritto come il suo primo missile balistico ipersonico di produzione nazionale, chiamato Fattah, con una gittata di 1.400 km.