nuovo drone iraniano gaza

L’Iran presenta al mondo il suo nuovo drone. Si chiama molto significativamente “Gaza” e può trasportare fino a 13 bombe con un motore turboelica in grado di spingerlo per oltre 2.500 Km ad una altezza di oltre 10.000 metri.

Un modello del nuovo prodotto di punta dell’industria della difesa iraniana è stato esposto questo mese a Doha in occasione di una fiera internazionale degli armamenti – la prima esposizione del drone al di fuori dell’Iran – condividendo il palco con i prodotti dei rivali americani, cinesi e turchi.

Da quando, a ottobre, sono scadute le restrizioni delle Nazioni Unite sulle esportazioni di missili e droni dall’Iran, Teheran ha venduto sempre più spesso i suoi prodotti militari sul mercato internazionale, alimentando le preoccupazioni degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

I limiti imposti dalle Nazioni Unite facevano parte del patto nucleare multilaterale con l’Iran noto come JCPOA, Piano d’azione congiunto globale, dal quale gli Stati Uniti si sono ritirati nel 2018 sotto l’ex presidente Donald Trump.

Per anni l’Iran ha fornito armi gratuite ai suoi alleati del Medio Oriente per sostenere le loro attività. Droni e razzi forniti o progettati dall’Iran sono stati protagonisti di recenti attacchi da parte di forze sostenute dall’Iran, tra cui l’assalto a Israele da parte di Hamas che ha dato inizio alla guerra di Gaza il 7 ottobre.

Le armi iraniane hanno avuto un ruolo anche nel confronto indiretto tra l’Iran e gli Stati Uniti, compresa l’uccisione di tre membri del servizio americano in un attacco di gennaio in Giordania da parte di una milizia irachena sostenuta dall’Iran.

Ma a Doha non ci sono stati dubbi sul fatto che l’industria della difesa iraniana stia diventando mainstream.

Il nuovo drone “Gaza”, chiamato così dall’Iran in solidarietà con i residenti dell’enclave dopo l’escalation del conflitto israelo-palestinese nel 2021, rappresenta una minaccia crescente per gli interessi e gli alleati degli Stati Uniti. Con un raggio d’azione dichiarato di 2.000 Km, un’apertura alare di 20 metri e un collegamento satellitare, l’aereo senza pilota potrebbe volare dall’Iran a Israele con 13 bombe a guida precisa. L’Iran afferma che il velivolo è operativo.

Per contro, lo Shahed-129, un comune drone iraniano, trasporta solo quattro esplosivi.

Il drone Shahed, tuttavia, ha contribuito alla rapida crescita dell’industria delle armi iraniana. L’Iran ha venduto circa 1 miliardo di dollari in armi da marzo 2022 a marzo 2023, il triplo rispetto all’anno precedente. Lo ha detto il vice ministro della Difesa Mahdi Farahi.

I recenti accordi iraniani nel settore della difesa includono un accordo per la vendita alla Russia di missili balistici a corto raggio e la consegna di droni esplosivi al governo sudanese per la sua guerra contro i ribelli.

Prima di ottobre tali vendite sarebbero state vietate o estremamente difficili, richiedendo l’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Gli Stati Uniti hanno colpito il Ministero della Difesa iraniano, che ha prenotato lo stand a Doha, con sanzioni a causa dei suoi legami con le forze armate russe, oltre a sanzioni contro i produttori di droni iraniani. Washington ha anche designato il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche, che controlla l’industria della difesa iraniana, come organizzazione terroristica.

All’esposizione iraniana a Doha, i visitatori hanno sfogliato opuscoli patinati in lingua russa che pubblicizzavano una dozzina di prodotti, tra cui un nuovo missile per la difesa aerea. Un opuscolo che pubblicizzava un lanciatore di razzi spaziali era stampato in spagnolo, a ricordo del recente dispiegamento da parte del Venezuela di motovedette antinave guidate di fabbricazione iraniana. Volantini in farsi e in inglese promuovevano nuovi missili da crociera antinave e sistemi radar, il tipo di tecnologie utilizzate dai ribelli Houthi dello Yemen per colpire le navi americane.

L’Iran ha trasformato la sua capacità di fornire guerra asimmetrica, cioè di sostenere gli sfavoriti contro i nemici più potenti, in una promozione commerciale. Un volantino descriveva i fucili d’assalto iraniani come i più adatti “per la guerriglia in tutte le condizioni climatiche”.

Il nuovo drone iraniano rappresenta un tentativo di raggiungere il General Atomics MQ-9A Reaper, il drone prodotto negli Stati Uniti e utilizzato nel 2020 per uccidere il comandante iraniano Qassem Soleimani.

Il portavoce della General Atomics, Mark Brinkley, ha dichiarato di essere a conoscenza dell’esposizione del drone iraniano a Doha e ha detto che la copia iraniana potrebbe trasportare meno di un terzo del carico utile dell’MQ-9. “Le versioni taroccate… sono molto diffuse al giorno d’oggi”, ha detto. “Spesso imitate, ma mai replicate. Non fatevi ingannare dai sosia”.